Pubblicato mercoledì 29 febbraio 2012e aggiornato il

confettura di mele renette

In questo periodo a parte le arance non ci sono molti frutti adatti per preparare marmellate e confetture, ma le mele vanno sempre bene. Oltre alle mele cotogne che troviamo principalmente in autunno, le renette sono senza dubbio le più indicate per preparare confetture.
Questa confettura è semplice, deliziosa e dal costo contenuto.
CONFETTURA DI MELE RENETTE
Ingredienti:
2,500-3,000 kg di mele renette
1 kg di zucchero
2 limoni
1 cucchiaio di estratto di vaniglia
Preparazione:
Lavare accuratamente le mele, sbucciarle e tagliarle a spicchi. Affettarle sottilmente con una mandolina e pesarle annotando il peso netto. Trasferirle in una capiente pentola.
Spremere i limoni e versare il succo sulle mele. Lavare una parte delle scorze e togliere la parte bianca amarognola, unirle alle mele dopo averle tagliate in grossi pezzi che al termine della cottura dovranno essere rimossi. Aggiungere poca acqua (mezzo bicchiere circa) e portare sul fuoco.
Lasciare le mele a cuocere per 25/30 minuti girando spesso.
Mentre le mele cuociono pesare lo zucchero. Calcolare 500 gr. per ogni kg di frutta pulita. L'operazione da fare è semplice, basta moltiplicare il peso della polpa (espressa in grammi) per 0,5. Il risultato ottenuto sarà la quantità di zucchero da aggiungere.
Terminata la prima fase di cottura aggiungere lo zucchero alle mele (che nel frattempo si saranno già frantumate e ammorbidite) e la vaniglia. Girare spesso e portare a termine la cottura.
Ci vorranno più o meno altri 30 minuti.
Per vedere se la confettura si è ristretta a sufficienza si può ricorrere alla prova del piattino inclinato: versare qualche goccia di marmellata in un piatto freddo e inclinarlo, quando la marmellata stenterà a scendere lungo la parete del piatto, sarà pronta.
Rimuovere le bucce di limone.
Versare la confettura bollente nei vasi precedentemente sterilizzati. Chiuderli e riporli a testa in giù per la prima ora. Questa operazione sarà necessaria per sterilizzare il tappo e per permettere che all'interno dei vasetti si crei il sottovuoto.
Trascorsa la prima ora si potranno capovolgere. Quando la marmellata si sarà raffreddata accertarsi che i tappi siano leggermente concavi. Se qualche tappo fosse bombato (un caso molto raro) significa che il sottovuoto non si è formato, in questo caso consumare velocemente il contenuto.
Riporre i vasetti in ambiente fresco e al buio.
Veggie
Quest'opera (testi e foto) è protetta dai diritti d'autore rilasciati da Creative Commons. I termini della licenza sono disponibili in versione integrale nel
Codice Legale
dove vengono spiegati in dettaglio i diritti ad essa attribuiti. Sono altresì disponibili sulle pagine internet sottostanti cliccando sui link e sul logo di Creative Commons. Chiunque utilizzi quest'opera come diversamente espresso dall'autore commette una violazione sui diritti d'autore.
Licenza Creative Commons
CONFETTURA DI MELE RENETTE
by veggie822 - LILIANA PAOLETTI is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License.
Based on a work at www.lareginadelsapone.com.

9 commenti:

  1. La confettura è squisita!!!!! Tale quale come la faceva la mia mamma.....Grazie Veggie! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Aleksandra! Che bello averti anche qui!
      Ciao Veggie

      Elimina
  2. Hihi...piano piano sto' scoprendo un sacco di cose...
    Veggie, ma volendo questa marmellata si potrebbe fare anche con altri tipi di mele?
    Ti volevo dire, se ti fa piacere, mia cognata mi ha dato la ricetta della sua marmellata di arance e limoni che ti posso passare( e di solito io odio la marmellata di arance) che e' buonissima e richiede un tempo di cottura breve.
    Grazie per la tua disponibilata'.
    Maura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono le mele più adatte per fare marmellata.
      Marmellate di agrumi... ho tante ricette a disposzione, aggiungerne un'altra alimenterebbe il dubbio su quale scegliere!
      Ciao Veggie

      Elimina
  3. Stavo cercando giusto una ricetta per una marmellata di mele e non mi ero accorta che ne avevi una tu! Pensa me l'ha detto il motore di ricerca! Corro a farla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-))) bene cara, buon lavoro!
      A presto Veggie

      Elimina
  4. fatta oggi marmellata kiwi,mmmmmmmmmm... domani faro' quelal di mele renette.

    RispondiElimina
  5. Scusate, qualcuno sa dirmi come mai nonostante io rispetti tutte le regole per la conservazione di marmellata in vasetto, ci sono sempre dei tappi ( anche nuovi) che perdono il sottovuoto? ? Datemi dei consigli altrimenti la mia passione per le marmellate fatte in casa rischi a grosso!! Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eì possibile che non avviti con sufficiente forza i barattoli, oppure che non invasi la marmellata quando è bollente.
      Se ne fai molta, soprattutto quando si arriva agli ultimi vasetti la temperatura è scesa notevolmente, allora in questo caso, a metà invasamento ti conviene rimettere la marmellata sul fuoco e portarla di nuovo sul punto di ebollizione.
      Un'altra cosa da fare è chiudere ogni singolo vasetto subito dopo averlo e riempito e non dopo averne riempiti un po', perché non deve avere il tempo di raffreddarsi.
      Il sottovuoto si forma perché il liquido è bollente e fino a quando è bollente la marmellata ha un volume superiore. Una volta che si raffredda scende il volume e lascia un vuoto che appunto è il sottovuoto.
      Un'altra possibile causa di fallimento potrebbe derivare dal riempire troppo i vasetti, se non lasci sufficiente spazio per l'aria il sottovuoto non si forma.
      Spero che tra questi consigli ci sia quello che fa per te.
      A presto
      Veggie

      Elimina

LA MIA E-MAIL veggie822@yahoo.it

Sostienici con una piccola donazione, grazie!PER DONAZIONI
Versare l'importo desiderato sulla carta Postepay intestata a : PAOLETTI LILIANA
CARTA POSTEPAY N° 4023 6006 2473 4010