Pubblicato lunedì 7 novembre 2011e aggiornato il

oleolito di carota

Nell'articolo oleolito di calendula abbiamo visto come si procede nella preparazione di un oleolito con piante o fiori secchi.
Ma cosa succede se invece volessimo utilizzare delle carote fresche? La quantità di acqua presente nella radice è tale da far marcire la carota stessa durante il periodo di macerazione nell'olio.
In questi casi per ottenere un durevole oleolito è consigliabile procedere con il metodo a caldo, che offre il duplice vantaggio di consentire l'evaporazione dell'acqua in tempi brevi e di disporre di un oleolito pronto in poche ore.





OLEOLITO DI CAROTA
(per 500 ml di oleolito)
Ingredienti:
550 ml di olio extravergine di oliva
250 gr. carote
1,5 ml vit. E (alfa-tocoferolo) (facoltativo) per una migliore conservazione
Preparazione:
Lavare ed asciugare bene le carote. Tagliarle sottilmente a julienne oppure a capelli d'angelo utilizzando l'apposita affettatrice.
Metterle in una pentola che possa essere a sua volta contenuta in un'altra pentola più grande per il bagnomaria. Versare l'olio sulle carote e con un cucchiaio spingerle sotto il livello dell'olio in modo da esserne completamente ricoperte.
La scelta dell'olio da usare cade sull'uso che si intende fare dell'oleolito. Per saponi, pomate o preparazioni varie l'olio di oliva (o olio EVO) è il più indicato. Se invece l'oleolito servirà come ingrediente di creme per il viso e/o per il corpo o di oli per il corpo, ci vorrà un olio più leggero e più fluido, i più indicati in questo caso sono l'olio di vinacciolo e quello di girasole (bio) che potranno essere usati da soli oppure entrambi nello stesso oleolito usandone metà e metà.
Mettere la pentola con olio e carote nella pentola del bagnomaria e riempire di acqua la pentola che fungerà da caldaia. L'acqua dovrà superare il livello dell'olio. Se possibile fissare dai manici la pentola interna con quella esterna con dei nastri, delle mollette da bucato oppure utilizzare un elastico come nell'immagine. Questo particolare consentirà alla pentola di rimanere costantemente immersa nell'acqua anziché galleggiare e favorirà il mantenimento di una temperatura costante dell'olio durante la cottura.
Accendere il fornello e quando l'acqua inizierà a bollire portare avanti la cottura per 3 ore. Per tutto il tempo tenere la pentola scoperta per permettere all'acqua delle carote di evaporare e con un cucchiaio girare ogni tanto l'olio con le carote.
Controllare l'acqua della caldaia. l'acqua evapora in fretta e va rimboccata di frequente.
Trascorse le 3 ore spegnere il fuoco e senza coprire l'oleolito lasciarlo raffreddare completamente, oppure lasciarlo direttamente nell'acqua della caldaia fino alla mattina seguente.
Quando l'oleolito si sarà raffreddato filtrarlo su un tovagliolo di cotone bianco posato su un imbuto e raccogliere l'oleolito filtrato in una brocca o in una bottiglia. Strizzare solo parzialmente il tovagliolo una volta che l'olio cesserà di cadere nella brocca, per evitare di aggiungere all'oleolito della polpa o dei residui di acqua ancora presenti nelle carote.

















Lasciare l'oleolito a riposo per diverse ore così le impurità si depositeranno sul fondo. Quando sarà discretamente limpido versarlo molto lentamente in una bottiglia di vetro scuro facendo attenzione a lasciare il deposito nella brocca, anche se si perderà una piccola quantità di olio.
Per una migliore conservazione si può aggiungere della vitamina E, nelle quantità riportate tra gli ingredienti oppure 5/10 gocce di oleoresina di rosmarino (ROE).
Veggie
Quest'opera (testi e foto) è protetta dai diritti d'autore rilasciati da Creative Commons. I termini della licenza sono disponibili in versione integrale nel
Codice Legale
dove vengono spiegati in dettaglio i diritti ad essa attribuiti. Sono altresì disponibili sulle pagine internet sottostanti cliccando sui link e sul logo di Creative Commons. Chiunque utilizzi quest'opera come diversamente espresso dall'autore commette una violazione sui diritti d'autore.
Licenza Creative Commons
OLEOLITO DI CAROTA
by veggie822 - LILIANA PAOLETTI is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License.
Based on a work at www.lareginadelsapone.com.

36 commenti:

  1. Ho scoperto solo oggi il tuo blog, cercando una ricetta per fare il sapone, ed ho trovato un MONDO! Fantastico, davvero.
    Posso chiederti una cosa?
    Per fare il sapone rilavorato, quindi senza soda, se utilizzo gli stampi di silicone per alimenti, poi posso riutilizzarli per cucinare oppure devo tenerli esclusivamente per i saponi?

    RispondiElimina
  2. Ciao cara/o, il problema del silicone è che assorbe gli odori, quindi tutto dipende se nel sapone originale hai usato, o anche se aggiungerai delle fragranze o degli oli essenziali. Sono loro principalmente che "insaporiscono" il silicone rendendolo inidoneo poi per la cucina.
    Se il sapone è un sapone autoprodotto senza profumi puoi usare gli stampi in silicone, altrimenti con saponi acquistati il profumo c'è sempre, ed in genere è anche un profumo deciso destinato a rimanere.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  3. Grazie sei stata davvero gentilissima. Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Meraviglioso l'oleolito di carota! L'ho fatto l'anno scorso con metodo a freddo però :-) L'ho usato in una crema dopo-sole e in un contorno occhi. Lo adoro!

    RispondiElimina
  5. ciao veggie!posso utilizzar lo stesso metodo per le bucce degli agrumi? grazie,marina

    RispondiElimina
  6. Si certamente, avrai anche meno lavoro di filtratura da fare perché contengono meno acqua rispetto alle carote.
    ..però mi raccomando che siano arance non trattate perché altrimenti otteresti un oleolito di veleni!
    Veggie

    RispondiElimina
  7. Ciao Veggie, ma quale uso si fa dell'oleolito di carota? Solo per creme cosmetiche? E in quali quantità? Ciao :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo puoi usare nelle creme, negli oli dopobagno, negli oli solari e doposole, nei saponi, nelle pomate ecc..
      Non c'è una percentuale massima da usare, puoi fare una crema con una parte di oleolito di carota o anche con solo oleolito di carota, se però la fai per il viso è meglio usare un olio più leggero dell'olio d'oliva.
      Ciao Veggie

      Elimina
  8. Grazie. Sempre molto gentile e puntuale nelle risposte. Ciao.

    RispondiElimina
  9. Ciao, come si possono riciclare le carote? mi dispiace buttarle via! Grazie, Lara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Visto che è tutto commestibile potresti metterle in qualcosa da mangiare, che dici?
      Forse grattugiarle o passarle e unirle ad un purea di patate.
      Ciao Veggie

      Elimina
  10. Ciao Veggie! Ho fatto il tuo oloeolito di carote, vorrei utilizzarlo per un sapone a freddo, idratante...che mi consigli?
    Grazie mille
    Linda Bogi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che ti consiglio? Ti consiglio di metterlo nel sapone!
      Se sei iscritta al gruppo di sapone puoi cercare ricette tra i file oppure se non sei iscritta fai una ricetta che ti piace e mettine il 15-20% negli oli di base.
      Ciao Veggie

      Elimina
    2. Si sono iscritta, intendevo dire..quale ricetta mi consigli..cmq grazie ora guardo nei file.
      Linda

      Elimina
  11. ciao Veggie, sapresti dirmi a quante gocce, più o meno, corrisponde 1,5 ml di vit. E? Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Veramente è così densa che non si può misurare in gocce, ma puoi misurare con un cucchiaino da caffé, 1,5 ml è circa un terzo di cucchiaino. Tieni presente che un po' in più non fa male, quindi non ti preoccupare se in questo caso non sei proprio precisa.
      Ciao Veggie

      Elimina
  12. Ciao....l oliolito di carota si può usare anche come grasso di base in un sapone o va esclusivamente dopo il nastro? In che percentuale lo metteresti? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo! Puoi metterne una percentuale del 10-20% negli oli di base, fa molto bene alla pelle.
      Ciao Veggie

      Elimina
  13. Grazie !! Proveró......

    RispondiElimina
  14. Ciao Veggie, posso usare lo stesso metodo a caldo per fare altri oleoliti con erbe fresche (ad esempio di salvia)?

    Virginia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, la salvia si presta molto bene.
      Ciao Veggie

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. Grazie Veggie, proverò così!
      Ripubblico perchè ho fatto confusione con il precedente post...

      Elimina
  15. Ciao Veggie, volevo fare l'oleolito di menta e uno di ortica (appena raccolte). Devo usare questo procedimento? Per quanto riguarda le dosi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lasciale asciugare all'ombra qualche giorno poi fai il procedimento normale, almeno per la menta..
      Per le quantità non saprei, tritura le foglie di ortica, pendo circa 150-200 g per litro dio olio.
      Ciao Veggie

      Elimina
  16. Ciao:) ho fatto oggi l'oleolito con metodo a caldo, ma è normale che puzzi tanto di carota? E l'odore rimane questo? Posso aggoungerci due gocce di olio essenziale di eucalipto? Grazie:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...è un oleolito di carota vera, è normale che sappia di carota. Accertati che non ci sia rimasta dell'acqua. Se vuoi puoi mettere qualche goccia di eucalipto, ma ti consiglio di decidere cosa mettere il momento che avrai deciso l'uso che vorrai farne.
      Ciao Veggie

      Elimina
  17. Ho fatto l'oleolito di carota, nella bottiglia in cui ho filtrato si sono formati due strati, uno sul fondo di circa un paio di cm più arancione torbido, ed il resto più sul giallo e limpido, sono solo impurità o è segno che c'è ancora dell'acqua? se fosse così cosa devo fare?Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo sia ancora acqua, versa tutto l'olio possibile in un'altra bottiglia, poi quello che rimane misto olio lo puoi versare in una bottiglietta di plastica e metterlo a testa in giù.
      Poi segui le indicazioni dell'oleolito di iperico:
      http://www.lareginadelsapone.com/2010/06/olio-di-iperico.html
      Ciao Veggie

      Elimina
  18. Ciao Veggie, vorrei fare questo oleolito in olio di cartamo o sesamo, dato che vorrei utilizzarlo per una crema viso per la rosacea, e sia carota che sesamo che cartamo sono indicati. Mi chiedevo se però scaldare così questi due oli non ne comprometta la qualità,essendo entrambi molto delicati. Cosa mi consigli? Grazie in anticipo :)
    Jeannette

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi scegliere il sesamo tra i 2, è il più resistente.
      Non farne grandi quantità perché sono oli facilmente ossidabili.
      Ciao
      Veggie

      Elimina
  19. Scusate la domanda forse ignorante.... Ma se metto l'elastico ai manici delle pentole non si squaglia? Non vorrei fare danno.... E se uso l'olio di riso va bene? Vorrei usarlo poi dopo il mare per mantenere l'abbronzatura. Dite che funziona?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se tieni la fiamma del fornello in modo che non esca fuori non si scioglie questo tipo di elastici spessi, ma comunque se non sei tranquilla puoi anche evitarli.
      Sì, puoi farlo in olio di riso o anche in olio di girasole biologico. Se pensi di usarlo come doposole potresti metterli entrambi.
      Ciao Veggie

      Elimina
  20. che cos'è l'olio EVO?
    grazie mille!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per EVO si intende Olio Extravergine d'Oliva, è un acronimo per non scriverlo ogni volta, visto che è lungo.
      Ciao
      Veggie

      Elimina

LA MIA E-MAIL veggie822@yahoo.it

Sostienici con una piccola donazione, grazie!PER DONAZIONI
Versare l'importo desiderato sulla carta Postepay intestata a : PAOLETTI LILIANA
CARTA POSTEPAY N° 4023 6006 2473 4010