Pubblicato lunedì 18 luglio 2011e aggiornato il

sapone al riso e zafferano - come realizzarlo

Ogni anno nel mio gruppo di sapone sapone e autoproduzioni organizziamo uno scambio "reale" di saponi tra i partecipanti.
Quest'anno abbiamo partecipato in 23, così ognuno di noi ha ricevuto dagli altri partecipanti 22 saponi, uno diverso dall'altro.
Per lo scambio io ho preparato questo sapone un po' inusuale, contenente del riso cotto e dell'acqua di riso che potete vedere anche qui
Vediamo come realizzarlo.

Esecuzione:
(per un totale di 2 kg di oli)
fase 1
Come si può vedere dall'immagine il primo strato del sapone è colorato di arancio. Io ho usato Annatto seeds. I semi di annatto non sono dei semi veri e propri, anche se vengono chiamati così. Il realtà si tratta di granelli ottenuti dalla lavorazione della Bixa Orellana, una pianta ricca di betacarotene. Il colore è liposolubile pertanto i semi dovranno essere messi a bagno in un olio in cui libereranno il colore. L'olio dovrà poi essere filtrato e usato insieme agli oli di base del sapone.

Preparazione dell'olio colorato:
Il giorno prima di procedere mettere 10 gr. di semi di annatto in 100 gr. di olio extravergine d'oliva per liberare il colore. Scaldare un paio di volte senza far bollire. Il giorno seguente filtrare l'olio, pesarlo ed aggiungere altro olio extravergine d'oliva fino ad arrivare ai 400 gr. richiesti dalla ricetta per il primo strato.
fase 2
Per il primo strato serviranno un totale di 500 gr. di oli così ripartiti:
olio extravergine d'oliva (80% - 400 gr.)
olio di cocco (15% - 75 gr.)
burro di karité (5% - 25 gr.)
Versare nella pentola l'olio filtrato dai semi di Annatto e aggiungere altro olio d'oliva fino ad arrivare ai 400 gr. richiesti nella ricetta, aggiungere gli altri oli.
Preparare la soluzione caustica e procedere con la preparazione.
Al nastro aggiungere 1 cucchiaio di cardamomo in polvere e 2 bustine di zafferano.
Versare negli stampi precedentemente foderati. Avvolgerli in una coperta e metterli in caldo.
fase 3
Trascorse le prime 2 o 3 ore riprendere il sapone, sulla superficie si sarà formato uno strato più denso, ma non ancora solido. Con un bastoncino affondare di circa un centimetro e più la superficie del sapone facendo dei solchi in più direzioni e sollevando il sapone fino a formare delle ondine. Se il sapone fosse ancora troppo morbido per questa operazione, ricoprirlo e riprovare dopo 30 minuti.
Si dovrà formare un disegno come dalle foto.
Ricoprire il sapone e rimetterlo in caldo fino al giorno dopo.
fase 4
Per il secondo strato serviranno 1,500 kg di oli così ripartiti:
olio extravergine d'oliva (80% - 1200 gr.)
olio di cocco (15% - 225 gr.)
burro di karité (5% - 75 gr.) (da aggiungere al nastro)

Preparazione del riso:
Prima di saponificare portare ad ebollizione 550 gr. di acqua distillata, aggiungere 15 gr. di sale e 100 gr. di riso arborio. Bollire il riso per 10 minuti. Scolarlo e conservare l'acqua di cottura del riso.
Quando riso e acqua saranno freddi misurare 400 ml dell'acqua di riso e utilizzarla per preparare la soluzione caustica anziché usare dell'acqua distillata, il riso cotto invece dovrà essere aggiunto al nastro come ultimo ingrediente senza frullare.
Procedere con la preparazione lasciando da parte il burro di karité, al nastro aggiungere il burro di karitè, 0,5 gr. di zafferano puro stigmi polvere, 30 ml di oli essenziali a piacere (io ho usato lime, limone, rosmarino, poco tea tree, poco legno di cedro) e infine senza frullare aggiungere il riso cotto in precedenza.
Versare il sapone sullo strato di sapone del giorno prima, coprire con una copertina e mettere di nuovo in caldo.
fase 5
Trascorsa un'ora o poco più riprendere gli stampi con il sapone e grattare la superficie con una forchetta, per renderla irregolare, come si vede dall'immagine.
Spruzzare la superficie con dell'alcol buongusto (senza esagerare) e cospargerla con 2 cucchiai di riso precedentemente macinati grossolanamente e 1 gr. di zafferano stami. Comprimere la copertura di riso e zafferano servendosi di un cucchiao per farla aderire bene alla superficie del sapone.
Coprire e rimettere in caldo per altre 24/48 ore.
fase 6
Sformare e tagliare il sapone.
Lasciarlo stagionare almeno un mese e mezzo prima di utilizzarlo.
Veggie
Quest'opera (testi e foto) è protetta dai diritti d'autore rilasciati da Creative Commons. I termini della licenza sono disponibili in versione integrale nel
Codice Legale
dove vengono spiegati in dettaglio i diritti ad essa attribuiti. Sono altresì disponibili sulle pagine internet sottostanti cliccando sui link e sul logo di Creative Commons. Chiunque utilizzi quest'opera come diversamente espresso dall'autore commette una violazione sui diritti d'autore.
Licenza Creative Commons
SAPONE AL RISO E ZAFFERANO - COME REALIZZARLO

by veggie822 - LILIANA PAOLETTI is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License.
Based on a work at www.lareginadelsapone.com.

2 commenti:

  1. mmmh che ricettina...profumata! =)
    Grazie dei consigli, sempre nuovi e curiosi!!

    RispondiElimina
  2. francesca iurilli31 luglio 2011 15:36

    ciao Veggie
    è stato amore a prima vista, sarà il mio prossimo sapone, per il momento leggo e rileggo la ricetta per "assimilarla" bene e non sbagliare!
    ciao francesca

    RispondiElimina

LA MIA E-MAIL veggie822@yahoo.it

Sostienici con una piccola donazione, grazie!PER DONAZIONI
Versare l'importo desiderato sulla carta Postepay intestata a : PAOLETTI LILIANA
CARTA POSTEPAY N° 4023 6006 2473 4010