Pubblicato venerdì 15 aprile 2011e aggiornato il

silken tofu rapido

Esistono diverse tipologie di tofu. Nell'articolo preparazione del tofu abbiamo preparato il tofu tradizionale, quello giapponese, usando come caglio il Nigari (cloruro di magnesio). In questo articolo prepareremo il silken tofu, ovvero il tofu cinese che come caglio prevede l'utilizzo del solfato di calcio.
Il tofu che si ottiene utilizzando il Nigari è un tofu di discreta consistenza adatto ad essere cucinato in svariati modi come secondo piatto ricco di proteine. Il tufo ottenuto con il solfato di calcio invece è più morbido, più fragile, a volte vellutato oppure che si sbriciola, più adatto in preparazioni dove occorre un prodotto tenero, per i dessert o per preparare ripieni come sostituto della ricotta. Il sapore è particolarmente leggero e delicato, se i bambini non amano il tofu tradizionale, mangeranno sicuramente il silken tofu.
Questa ricetta prevede l'uso del latte di soia già pronto, ecco perché l'ho chiamato silken tofu "rapido".
Molto utile da preparare se si deve improvvisare del tofu.
Acquistare latte di soia biologico naturale, non addizionato con olio, zucchero, alghe, vitamine ecc...

SILKEN TOFU RAPIDO
Ingredienti:
1 litro latte di soia
5 gr. solfato di calcio
Preparazione:
Scaldare il latte e portarlo quasi al punto di ebollizione (intorno agli 85°C/90°C).
Nel frattempo sciogliere il solfato di calcio in un bicchiere di acqua tiepida.











Spegnere il fuoco e versare il caglio nel latte. Girare per distribuirlo bene e lasciare riposare qualche minuto.










Posizionare uno stampo in legno forato o un cestello di plastica per la ricotta (foderati con un telo di cotone o un tovagliolo bianco) sul piano del lavello.
Prelevare i fiocchi di tofu che si saranno formati con un colino a maglie strette e versarli nel cestello.
I fiocchi di tofu cagliati con il solfato di calcio sono di dimensione più piccola rispetto a quelli di tofu tradizionale, se non si riesce a prelevarli tutti con il colino, si può rovesciare il pentolino in un colino più grande (ma sempre a maglie fitte) e successivamente versare i fiocchi trattenuti dal colino nel cestello.








Chiudere i lembi del tovagliolo e posizionare un peso all'interno del cestello, servirà a favorire la fuoriuscita di siero e a compattare il tofu.
Attendere 20 minuti.
Estrarre delicatamente il blocco di tofu, facendo attenzione a non romperlo perché molto fragile e metterlo con tutto il tovagliolo in una insalatiera o in una pentola ricoperto di acqua fredda.
Lasciarlo a bagno per 1 ora.
Estrarlo delicatamente e consumarlo.
Se non si deve mangiare subito si può mettere in una ciotola di plastica e dopo averlo ricoperto di acqua va riposto in frigorifero, cambiando l'acqua tutti i giorni.
Si conserva per diversi giorni, ma proprio perché si tratta di una preparazione veloce non ha senso prepararne più di quello che si consumerà e con troppo anticipo.
Veggie
Quest'opera (testi e foto) è protetta dai diritti d'autore rilasciati da Creative Commons. I termini della licenza sono disponibili in versione integrale nel
Codice Legale
dove vengono spiegati in dettaglio i diritti ad essa attribuiti. Sono altresì disponibili sulle pagine internet sottostanti cliccando sui link e sul logo di Creative Commons. Chiunque utilizzi quest'opera come diversamente espresso dall'autore commette una violazione sui diritti d'autore.
Licenza Creative Commons
SILKEN TOFU RAPIDO
by veggie822 - LILIANA PAOLETTI is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia License.
Based on a work at www.lareginadelsapone.com.

18 commenti:

  1. sempre utilizzato il nigari,adesso mi attrezzo e provo questo metodo!
    grazie!

    RispondiElimina
  2. Si anch'io, ma con il solfato di calcio viene un tofu dal sapore più delicato. Se però voui un tofu molto consistente il Nigari è da preferire.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  3. Ma dai!Pure io sempre e solo nigari ma ora volgio provarlo questo solfato di Ca!^___^...domanda stupida: dove l'hai preso?^___^ gracias!Besos!

    RispondiElimina
  4. Presto posterò anche il procedimento per il tofu a partire dalla soia anziché dal latte.
    Il solfato di calcio lo compro a Roma dalla farmacoteca D'Alena, ma puoi provare a vedere se te lo possono ordinare in farmacia, non credo che dovresti trovare difficoltà.
    Invece una mia amica stya fremendo per trovare la mozzarella vegan, se hai qualche indirizzo o qualche indicazione per trovarla potresti scrivermi in privato?
    Ciao grazie
    Veggie

    RispondiElimina
  5. la mozzarella vegan si può fare in casa:
    http://www.veganblog.it/2009/05/03/mozzarella-vegana/

    questa la fa concita,ma sul sito ne troverà altri mille tipi sperimentati!

    RispondiElimina
  6. Si ho visto la ricetta, ma noi cercavamo mozzarella vera che fila e si comporta come quella di latte vaccino, non simil-mozzarella.
    So che esiste
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  7. Post bellissimo,
    lascio un segno del mio passaggio per ringraziarti delle info, proverò appena possibile!

    RispondiElimina
  8. Grazie Susy! Sul tofu ho preparato un altro articolo davvero completo, lo pubblicherò tra qualche giorno, non perderlo!
    A presto Ciao
    Veggie

    RispondiElimina
  9. Ciao Veggie, ma con il latte di soia già pronto si possono usare solo Nigari o Solfato di calcio oppure anche limone e aceto come nella ricetta che si fa partendo dai fagioli di soia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente anche limone e aceto, ma non ho provato e non so dirti le quantità da usare.
      Ciao Veggie

      Elimina
    2. Allora farò un tentativo nei prossimi giorni. Se il risultato dovesse essere buono, ripasserò io stessa a comunicare le dosi...dell'esperimento. Ciao.

      Elimina
  10. Ciao Veggie, ho seguito passo passo il tuo procedimento, ma il latte non si è cagliato.. mi è venuto un dubbio:in farmacia mi hanno dato il "calciumsulfat-hemihydrat" (marca caelo..tedesca) o calcium sulfuricum ustum...ma è quello giusto? e soprattutto è per uso alimentare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovrebbe essere solfato di calcio, ma se mi dici che è di una marca tedesca mi viene da pensare che si tratti di un integratore, quindi magari contiene sostanze diverse oltre al solfato di calcio.
      Non potevi chiedere se fosse alimentare?
      Ti consiglio di tornare ed accertartene, a noi serve solfato di calcio diidrato.
      Se il prodotto è corretto forse hai avuto un problema con il latte di soia, che deve essere solo di soia, senza zuccheri aggiunti o altre sostanze.
      Ciao Veggie

      Elimina
    2. Non tutto il solfato di calcio è indicato alla preparazione del tofu, solo quello anidro detto anidrite, da non confondere con il il solfato di calcio emiidrato (scagliola o gesso di Parigi) e nemmeno con il solfato di calcio diidrato che è il gesso. quello anidro è l'unico per uso alimentare

      Elimina
  11. Cara Veggie, perdona, ma il tofu della ricetta è un tofu più morbido, ma non un kinugoshi (seta). Per il kinugoshidofu infatti serve un latte "forte" ovvero più concentrato. Una volta arrivato a schiumare si abbassa la fiamma e si cucina finchè non si addensa. Poi lo si deve far raffreddare e mettere in frigorifero, altrimenti se ci versi il caglio quando è ancora caldo, caglia di brutto e si separa l'acqua dalla parte proteica. quando è freddo ci scogli il solfato od il nigari mescolando molto delicatamente. Metti il contenitore ( meglio se di vetro od alluminio) su un cestello a vapore, coprendolo prima con una pellicola trasparente. Porta a bollore e continua a tenerlo nella vaporiera almeno altri 20 minuti. Controlla poi se si è solidificato abbastanza altrimenti mettilo ancora pen sigillato sopra il cestello. Otaria il vero kinugoshi. A differenza degli altri tipi di tofu infatti, nel tofu seta non avviene la separazione dell'acqua dalla massa cagliata. La sua consistenza si avvicina molto a quella dello yogurt greco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per questi consigli Valentina.
      Veggie

      Elimina
  12. Ciao :-) Dove compri il solfato di calcio? Mai visto nei negozi biologici dove sono andato, trovo solo il nigari.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi trovarlo nei negozi di chimica o ordinarlo nelle farmacie che hanno il laboratorio.
      Se può esserti utile a Roma puoi prenderlo all'Aromafarmacoteca D'Alena in via Cavour
      Ciao
      Veggie

      Elimina

LA MIA E-MAIL veggie822@yahoo.it

Sostienici con una piccola donazione, grazie!PER DONAZIONI
Versare l'importo desiderato sulla carta Postepay intestata a : PAOLETTI LILIANA
CARTA POSTEPAY N° 4023 6006 2473 4010