Pubblicato mercoledì 12 gennaio 2011e aggiornato il

pizza con lievito naturale

Con il lievito ottenuto seguendo la ricetta pane - preparazione del lievito naturale si può preparare anche una gustosa pizza.
La ricetta è calcolata per ottenere una teglia di pizza molto grande e alta.
A me la pizza di casa piace alta e morbida, se si vuole più sottile sarà sufficiente fare una quantità ridotta di pasta e stenderla più sottilmente nella teglia oppure dividerla in 2 teglie più piccole.

PIZZA CON LIEVITO NATURALE
Ingredienti:
200 gr. di lievito naturale
500 gr. farina tipo 0
1 cucchiaio d'olio extravergine d'oliva
1 cucchiaino di zucchero
sale
Per la copertura:
pomodoro, mozzarella, origano, olio, sale e pepe, se si vuole come quella delle immagini oppure la copertura che si preferisce.
Preparazione:
Per preparare la pizza per cena si comincia a preparare il lievito dal pomeriggio del giorno precedente.
Rinfrescare il lievito dopo pranzo o pomeriggio presto.
La sera prelevare 200 gr. di pasta acida ed aggiungere 100 gr. di farina, 1 cucchiaio d'olio e 1 cucchiaino di zucchero, se serve aggiungere pochissima acqua. Impastare per ottenere un piccolo panetto consistente (non come il lievito). Mettere la palla di pasta in una insalatiera e coprirla con un tovagliolo umido.
Inserire l'insalatiera nel forno spento, ma appena tiepido per favorire una buona lievitazione (come spiegato nell'articolo sul lievito) e lasciarla così per tutta la notte.











La mattina seguente impastare il lievito con la rimanente farina, aggiungere il sale e l'acqua necessaria per ottenere una pasta elastica, non appiccicosa. Metterla a riposare 1 ora nell'insalatiera coperta.
Nel frattempo preparare una teglia rettangolare per pizza grande e foderarla con carta-forno.
Dopo un'ora stendere la pasta nella teglia, più o meno sottile, secondo i gusti personali.
Inserire la teglia nel forno spento, ma precedentemente intiepidito (senza coprirla) e lasciarla lievitare fino al momento di procedere con la cena.










Prendere la teglia dal forno, la pasta sarà ben lievitata. Con le dita praticare degli affosamenti. Accendere il forno e portare la temperatura a 200°C circa. Condire la pizza a piacere e infornare.
Se si condisce con pomodoro e mozzarella, mettere poco pomodoro. Per una teglia come quella dell'immagine è sufficiente mezzo barattolo piccolo di polpa. Condire con sale, pepe origano e olio. La mozzarella andrà aggiunta dopo 15 o 20 minuti di cottura.
Se la pasta è ben lievitata la cottura non dovrà essere lunga altrimenti la pizza si indurisce. Secondo il condimento e lo spessore scelto i tempi di cottura variano dai 25 minuti ai 35 minuti.
Buon appetito!
Veggie
Quest'opera (testi e foto) è protetta dai diritti d'autore rilasciati da Creative Commons. I termini della licenza sono disponibili in versione integrale nel Codice Legale dove vengono spiegati in dettaglio i diritti ad essa attribuiti. Sono altresì disponibili sulle pagine internet sottostanti cliccando sui link e sul logo di Creative Commons. Chiunque utilizzi quest'opera come diversamente espresso dall'autore commette una violazione sui diritti d'autore.
Licenza Creative Commons
PIZZA CON LIEVITO NATURALE
by veggie822 - LILIANA PAOLETTI is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia License.
Based on a work at www.lareginadelsapone.com.

43 commenti:

  1. uhmm... ma che bella! Sabato la provo col mio lievitino appena venuto al mondo :)
    Dici che occorre rinfrescarlo un pò di più essendo nuovonuovo? Ora lo sto conservando in frigo, ma vedo che cresciucchia anche lì!

    RispondiElimina
  2. Prima o poi dovrai usarlo, che sia per il pane che sia per la pizza non cambia. Se lievita anche nel frigorifero vuol dire che è pronto.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  3. E' bellisssima!!!!LaNonna

    RispondiElimina
  4. Eccola, l'aspettavo proprio per provare un'altra ricetta! Una domanda: si sente tanto l'acidità della pasta? Ci sono degli accorgimenti per smorzarla? Lo chiedo perchè vorrei farla piacere anche al maritino che non ama il gusto acidulo (però le torte fatte con la pasta acida se le sbafa lo stesso :-))
    Grazie
    Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Risultato finale molto bello, oserei dire splendido; tuttavia consentimi di dire che l'articolo si contraddice oltremodo laddove dice che la cottura non dev'essere troppo lunga (giusto) ma poi parla di 25-35 minuti, che sono un'enormità.
      Prova a cuocere per 10-12 minuti a 300 °C o per 12-15 a 250-270 °C e sentirai la differenza... Proprio un altro pianeta.
      Se fai un impasto con farina di media forza, sale 3% sulla farina, acqua 65% sulla farina, autolisi e 24 ore di fermentazione, ti viene morbidissimo senza bisogno di aggiungere olio o altri grassi.
      Buon appetito :-)

      --

      Stefania, si sente un sapore tipico di pasta acida, ma non acido... Non saprei come spiegartelo. Ma di che torte parli? Con la pasta acida si fanno i lievitati, mnon le torte ;)


      Francesco

      Elimina
    2. Francesco i tempi di cottura dipendono molto dal forno utilizzato.
      Un forno di casa difficilmente raggiunge i 300° C
      Ciao Veggie

      Elimina
  5. A me non sembra che si senta poi molto, forse meno del pane, perché la pizza è più saporita. Se tuo marito riesce a mangiare le torte dovrebbe riuscire anche con la pizza hehe!!
    Un abbraccio Veggie

    RispondiElimina
  6. Io faccio come te, solo che l'impasto lo faccio al mattino prima di andare a lavorare tipo alle 7 e lo metto direttamente in teglia a lievitare, solo che ho visto che un po alla sera alla cottura era un po secco, per cui lo faccio molto morbido (quasi appiccicoso) e non solo, quando l'ho steso in teglia, lo bagno con le mani molto bagnate, e così facendo rimane morbido morbido...
    ...non ho capito però, perché ci fai dei buchini su? Non ti si slievita così facendo?
    Ciao Ve....

    RispondiElimina
  7. Se si sente meno del pane sono a cavallo! ;-)
    Grazie Stefania

    RispondiElimina
  8. No non si slievita, lo faccio perché mi piace la pizza un po' alta, con i buchini il condìimento si distribuisce meglio anziché scivolare dai bordi della pizza quando lievita in forno.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  9. Infatti a me sbrodola un pochetto ai bordi....buona idea... :)

    RispondiElimina
  10. Buona, ci è piaciuta la consistenza e anche lo spessore... peccato aver dimenticato il sale :|
    Ma quanto ne metti esattamente? (io mi ero saltata proprio il passaggio:P)
    E il forno a gas o elettrico? Perchè nel mio a gas 25 minuti erano proprio al limite... quasi troppo cotta sotto.
    Cmq. sabato ci riprovo!

    RispondiElimina
  11. Non metto tanto sale, per la quantità di farina di questa ricetta direi 1 cucchiaino.
    Io ho il forno elettrico, tra breve ne farò uno a gas, in effetti i tempidi cottura penso siano diversi, ma penso che ci siano differenze tra tutti i forni.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  12. Ciao Veggie, io la pizza la mattina la impasto come dici tu e la divido già in pagnottine e così lascio a lievitare tutto il giorno coperte da un canovaccio bagnato perchè ho paura che si secchino e le metto dentro il forno scaldato oppure anche a temperatura ambiente se in casa la temperatura è 20/21°. Finora hanno sempre lievitato bene e anche cotte sono venute veramente buone. Tiro la pasta solo la sera proprio prima di infornarla come in fanno in pizzeria. Perchè tu non aspetti la sera per tirarla? Ciao Franci

    RispondiElimina
  13. Ciao Veggie scusa ma ieri sono dovuta scappare via e oggi che ho riletto la mia domanda ho visto che ho scritto il contrario di quello che volevo chiederti a causa della fretta. Volevo gentilmente chiederti ma si compromette la lievitazione con il mio metodo? E quindi è questo il motivo perchè tu prepari già al mattino la pasta tirata? Grazie. Ciao Franci.

    RispondiElimina
  14. Ciao Franci, ieri non ti ho risposto per motivi di tempo, ma avevo compreso la tua domanda. Io la tiro prima perché la pizza mi piace alta, dato che il lievito naturale non si comporta come quello di birra, ha bisogno di gonfiarsi prima di andare in forno, perché con il calore del forno non cresce a dismisura come farebbe con il lievito di birra.
    Tutto qui, tu puoi provare come meglio ti trovi, ci sono sempre differenze tra un forno e l'altro e tra una casa e l'altra, anche il clima influisce sulla lievitazione, quindi sperimenta e guarda con quale metodo ti trovi meglio.
    A presto Veggie

    RispondiElimina
  15. staseraprimo tentativo di pizza. Sapore ottimo, ma devo migliorare la cottura che forse col mio forno è meglio 225° e poi voglio porvare a mettere un pò di olio nella costolina della pizza per tenerla più morbida e dorata. comunque anche quella di stasera come sapore 10 e lode!

    RispondiElimina
  16. Si, gestire la temperatura è la parte più difficile, ogni forno ha le sue esigenze. Prima di trovare quella giusta dovrai fare qualche altro pane/pizza.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  17. E nel forno a legna, qualcuno ha mai provato? Vorrei tentare sabato a pranzo, ma non ho idea se l'impasto possa andar bene così com'è o se ci sia qualche accorgimento da prendere, quali siano i tempi di lievitazione...
    Irene

    RispondiElimina
  18. Purtroppo non ho mai provato, perché non ho un forno a legna, comunque tieni presente che i tempi di lievitazione della pasta acida sono sempre lunghi, nel forno a legna verrà una squisitezza!
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  19. mmmhhhhhh non vedo l'ora di cucinarla! Attendo le 19 per accendere il forno!

    RispondiElimina
  20. Ci metti così tanto entusiasmo da farmi venire fame!
    Un abbraccio Veggie

    RispondiElimina
  21. Buonasera!!!!
    Questa sera primo tentativo di pizza con il mio giovane lievito...non vedo l'ora..chissà se domattina avrà fatto il suo dovere..lievitando quel tot che basta per ottenere un ottima pizza?mah! Domani sera vi saprò dire!
    Per ora grazie Veggie e grazie a tutti coloro che lasciano un post..mi sono di grande aiuto!
    Buon lievito a tutti :)
    ClaudiaLuna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao ClaudiaLuna, tienici aggiornati sul risultato.
      A presto Veggie

      Elimina
  22. Eccomi..allora..il mio giovanissimo lievito si è comportato molto bene,ottima lievitazione,ottima presenza,ottima "altezza"(mi piace la pizza sofficiosa),è venuta molto molto buona e leggerissima...ho fatto una mega dose ma...non è avanzata una briciolina!!
    Sono proprio soddisfatta!
    E come sempre..grazie Veggie e grazie a tutti(ho imparato molto sia dal blog che dalle domande poste)..alla prossima! Tenteró il pane :) ClaudiaLuna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene, sono contenta anch'io!
      Grazie a te.
      A presto Veggie

      Elimina
  23. Buongiorno Veggie..e buongiorno a tutti..
    Ho una domanda..partendo dal presupposto che ho fatto questa ricetta ed é BUONERRIMA....
    Se..avendo rinfrescato ieri pomeriggio il mio lievito(lo tengo a temp.ambiente)..mi salta in mente di fare la pizza questa sera....posso?oppure viene una ciofeca
    Bacio
    Claudialuna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che sarebbe meglio fare un rinfresco prima di procedere, ma se l'hai fatto ieri non credo dovrebbero esserci problemi se si procede nelle 48 ore successive.
      A presto Veggie

      Elimina
  24. ma per cenare questa sera intendo......"cheddddici"?
    io ci provo...poi ti faccio sapere.. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che vuoi che ti dica, prova, hai ancora almeno 6 o 7 ore per la lievitazione, magari metti l'impasto in luogo tiepido così acceleri il procedimento.
      Non bollente però se no uccidi i lieviti!
      Veggie

      Elimina
  25. pizza fatta!!!!
    non supermegagalattica come quando seguo alla lettera la ricetta...ma alta,soffice...una buona pizza! ho coccolato l'impasto come un bimbo....era solo un esperimento......preferisco seguire la ricetta che hai dato tu!
    con i tentativi si imparano un sacco di cose!
    bacio e felice giornata!
    claudialuna

    RispondiElimina
  26. ciao :) volevo chiedervi se questo procedimento (impastare la sera, lavorare la pasta la mattina, infornare la sera) può essere valido anche per il pane o le altre preparazioni o se l'impasto lievita troppo...
    ho il mio lievito appena nato ma non ci sto mai coi tempi per poter fare finalmente il pane...
    grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo anche per il pane, anzi soprattutto per il pane. Leggi gli articoli sul pane, questo ad esempio:
      http://www.lareginadelsapone.com/2010/09/dal-lievito-al-pane.html
      nel blog ne troverai altri.
      Ciao Veggie

      Elimina
    2. Fortuna che c'è una Santa donna che si prende cura di noi e dei nostri palati! Lori

      Elimina
  27. Ho preparato la pasta madre; dopo 3 rinfreschi ogni 2 giorni era pronta. Ho preparato la pizza che è venuta soffice e bella alta ma non è piaciuta molto per via dell'acidità. Da quello che ho capito dovrebbe essere normale ma volevo chiederti se c'è un sistema per diminuiere l'acidità. Inoltre l'odore della pasta madre non è proprio di yogurt alla frutta ma mi sembra tipo aceto... Un'ultima domanda: ho tenuto e messo in frigo 150 gr di pasta madre ma come faccio ad arrivare a 400 gr per fare il pane della prima ricetta (ho pensato di tenerla fuori dal frigo e fare 2 rinfreschi ogni 2 giorni senza scartare niente). Mi scuso per questo "romanzo" e ti ringrazio se puoi rispondermi e voglio ringraziarti anche per tutti questi bei consigli che condividi con tutti noi. Buona serata Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, quando sai che devi fare il pane anziché eliminare l'eccesso del rinfresco metti da parte più lievito, oppure andrà benissimo come hai detto tu, fai 2 rinfreschi senza eliminare l'esubero e poi procedi. L'importante è che aspetti 48 ore tra uno e l'altro.
      L'acidità è probabile che si correggerà con il tempo, il lievito è ancora giovane, è già tanto che sei riuscita a fare una buona pizza.
      La prossima volta prova a farla lievitare meno, così dovrebbe avere un sapore meno acido.
      Ciao Veggie

      Elimina
  28. Ciao veggie volevo sapere se posso fare la pizza con il lievito fatto con la farina di riso o se ci sono degli accorgimenti da adottare . Grazie claudia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La farina di riso non contiene glutine, suppongo che la ragione sia un'intolleranza, comunque sarebbe meglio miscwelare la farina di riso con altre farine gluten free e amido, ho paura che da sola si sbricioli.
      Ciao Veggie

      Elimina
  29. Ok grazie quale farina mi consigli ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Unb mix di farine senza glutine, non un tipo soltanto, guarda anche come esempio l'articolo per il pane senza glutine così ti regoli:
      http://www.lareginadelsapone.com/2010/11/pasta-acida-e-pane-senza-glutine.html

      Elimina
  30. Ciao Veggie, una domanda..se voglio fare un impasto con un kg di farina aumento la quantità di lievito madre pari a 400 g giusto?Faccio il doppio delle dosi che hai dato tu?grazie!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, per kg di farina servono 350-400 g di lievito madsre liquido, come in questo caso. Se usi il lievito madre solido ne basta meno.
      Per il resto degli ingredienti basta raddoppiare le quantità.
      Scusa se ti rispondo ora, ma la notifica è arrivata ieri!!
      Buona pizza
      Veggie

      Elimina

LA MIA E-MAIL veggie822@yahoo.it

Sostienici con una piccola donazione, grazie!PER DONAZIONI
Versare l'importo desiderato sulla carta Postepay intestata a : PAOLETTI LILIANA
CARTA POSTEPAY N° 4023 6006 2473 4010