lunedì 29 agosto 2011

sapone liquido per le mani - con sapone naturale

Ricetta facile facile, ma che richiede necessariamente l'impiego di sapone fatto in casa. I saponi acquistati anche se di buona qualità non sono adattabili a questa preparazione, perché necessitano di troppa acqua per la diluizione.
Ricordo a chi non avesse mai fatto sapone in casa che potrà apprendere i procedimenti base di saponificazione iscrivendosi alla mia mailing-list sapone e autoproduzioni.
Per questa ricetta consiglio di usare i pezzetti di scarto rimasti dopo aver tagliato e rifinito il sapone.
Quando fate un sapone mettete da parte briciole e pezzettini altrimenti inutilizzabili. Anziché buttarli raccoglieteli in una scatola di cartone, torneranno utili per preparare del sapone liquido per le mani da tenere in bagno e in cucina.

SAPONE LIQUIDO PER LE MANI CON SAPONE NATURALE
Ingredienti:
(per un flacone da 250 ml circa)
50 gr. scarti di sapone fatto in casa
250 ml acqua di rubinetto
1 cucchiaino glicerina vegetale
2 cucchiaini aceto di mele
1 o 2 gocce colorante alimentare liquido (facoltativo)
10 gocce essenza profumata per saponi a piacere (facoltativo)
Preparazione:
Prima di procedere con la preparazione di questo sapone vorrei fare una premessa. Un sapone solido che viene sciolto in acqua viene spesso chiamato impropriamente sapone liquido. In realtà i saponi liquido non si fanno in questo modo, ma sono preparazioni diverse che richiedono l'uso di sostanze chimiche altrettanto diverse, per praticità comunque anche noi lo chiameremo sapone liquido.
Se usate i pezzettini avanzati da altri saponi preparati con il metodo a freddo, ricordatevi di procedere solo dopo che siano trascorsi almeno 20 giorni dalla preparazione.
Se i pezzi di sapone sono grandi riduceteli di dimensioni o grattugiateli e metteteli in un pentolino.
Aggiungere l'acqua (5 volte il peso del sapone), mettere il coperchio e lasciare il sapone a bagno ad ammorbidirsi in acqua fredda per un paio d'ore. Questa operazione si può fare anche di sera e lasciare il sapone a bagno per tutta la notte.
Trascorso il tempo indicato accendere il fornello e portare quasi ad ebollizione, nel frattempo girare spesso con un cucchiaio.
Spegnere e coprire. Lasciare raffreddare. Nel frattempo il sapone finirà di sciogliersi.
Se a distanza di qualche ora ci fossero ancora dei pezzetti di sapone interi, scaldare di nuovo il sapone sul fuoco, poi spegnere ed attendere il raffreddamento.
A raffreddamento avvenuto e comunque non prima che siano trascorse almeno 12 ore, verificare la densità del sapone, in genere una diluizione 1:5 dovrebbe andar bene, ma soprattutto in inverno, quando la temperatura ambientale è più bassa, il sapone potrebbe risultare troppo denso, in questo caso aggiungere un'altra parte di acqua (per questa quantità di sapone aggiungerne 50 gr.), scaldare di nuovo e lasciare raffreddare completamente.
Quando il sapone sarà della giusta densità e a temperatura ambiente, aggiungere la glicerina, che darà maggiore emollienza al sapone, qualche goccia di essenza profumata per cosmetica o qualche goccia di oli essenziali e 2 o 3 gocce di colorante alimentare se si vuole migliorare un po' il colore che di solito tende al marroncino.
Per ultimo, ma non d'importanza, aggiungere i 2 cucchiaini di aceto.
Mi chiederete: "Cos'è questa novità? Non dici sempre di non inserire sostanze acide nel sapone?"
Si è vero, lo dico e lo confermo. In realtà alcune sostanze anche se con pH acido si possono aggiungere, ma solo in determinate quantità e con particolari modalità, non si deve improvvisare per non rompere il delicato equilibrio del sapone.
Il sapone ha per sua natura un pH basico e qualsiasi tentativo si faccia per abbassarlo può essere pericoloso in quanto appena il pH scende sotto una certa soglia il sapone si smonta.
In questo caso 2 cucchiaini di aceto lo abbasseranno di poco e serviranno a diminuire quell'apparente effetto secchezza delle mani che si avverte a causa della durezza dell'acqua in assenza di sostanze sequestranti. NON SUPERARE I 2 CUCCHIAINI se non si vuole buttare tutto!
Quando si versa l'aceto nel sapone, questo inizia a frizzare come la coca cola. Non appena la reazione si sarà placata si potrà versare nel dispenser.
Veggie
Quest'opera (testi e foto) è protetta dai diritti d'autore rilasciati da Creative Commons. I termini della licenza sono disponibili in versione integrale nel Codice Legale dove vengono spiegati in dettaglio i diritti ad essa attribuiti. Sono altresì disponibili sulle pagine internet sottostanti cliccando sui link e sul logo di Creative Commons. Chiunque utilizzi quest'opera come diversamente espresso dall'autore commette una violazione sui diritti d'autore.
Licenza Creative Commons
SAPONE LIQUIDO PER LE MANI - CON SAPONE NATURALE

by veggie822 - LILIANA PAOLETTI is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License.
Based on a work at www.lareginadelsapone.com.

55 commenti:

  1. Bello! Mi chiedevo proprio come poter riutilizzare gli scarti del mio primo sapone. Ottimo.
    Grazie
    Patrizia

    RispondiElimina
  2. ciao veggie grazie x i tanti consigli ,ne ho seguiti tanti ..oggi e' il mio ono mastico e vorrei fare un beldolce faro u giro tra i tuoi siti preferiti e scopiazzo un po'ciao poi ti disturbero' x tanti consigli un bacio rosa da n apoli

    RispondiElimina
  3. ...secondo te potrei farlo anche col sapone di marsiglia?
    un abbraccio
    Nikla

    RispondiElimina
  4. Un bacione a te e alla bella Napoli!

    @ Nikla: se il sapone che vuoi usare è un sapone autorpodotto, allora va benissimo altrimenti se lo hai acquistato attieniti alle diluizioni dell'articolo:
    http://www.lareginadelsapone.com/2010/04/sapone-di-marsiglia-liquido.html

    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  5. ciao! non ho l'aceto di mele, posso usare l'acido lattico? se sì in che quantità? grazie :)angela

    RispondiElimina
  6. Puoi usare l'aceto normale perché ha lo stesso grado di acidità di quello di mele, ho paura che acido lattico sia difficile da gestire per una così ridotta quantità di sapone, non vorrei che ti si smontasse. Se non hai aceto puoi anche evitarlo (oppure ti fai dare da una vicina un cucchiaio di aceto).
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  7. ciao, veggie! ti seguo da tempo...beh, che dire sei fantastica!tanto fantastica da convincermi (San Tommaso a presso da me)! sto facendo i saponi da più di 4 mesi, piano-piano.e non solo...shampoo, detersivo per lavatrice, piatti...insomma di tutto e di più! ti dico solo che da 3 mesi mi lavo solo con i miei e mi fanno quasi senso quelli commerciali (bottiglie rimaste che usa mio marito).cmq mi sono fatta anche un blog, nn penso che posso mettere il link, per le mie amiche che fanno la fila tanto che mi hanno consumato quasi tutto quello che ho fatto:(

    RispondiElimina
  8. No, il link non si può mettere, ma già che ne hai parlato chiunque capiterà su questo articolo potrà rintracciarti dal tuo profilo di Blogger.
    Se sei iscritta al mio gruppo di sapone puoinadare nell'area file e leggere le REGOLE DELLA LISTA, troverai come muoverti per il tuo blog in fatto di pubblicità.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  9. Ciao Veggie!
    Buon rientro dalle ferie!
    Volevo chiederti se si possono aggiungere i due cucchiai di aceto anche ad altre preparazioni, nella fattispecie il sapone liquido (NaOH+KOH) autoprodotto.
    Grazie mille
    Fra' da Genova e "nano da giardino" Federico
    :)

    RispondiElimina
  10. In teoria si, in pratica no, perché come vedi stai già sbagliando le quantità e stai andando oltre, ho parlato di 2 cucchiaini che sono già diventati 2 cucchiai...
    Non so le quantità per i saponi liquidi veri, prova prima con 1 cucchiaino (non cucchiaio) per un flacone, però tieni presente che ti intorpidisce il sapone.

    Veggie

    RispondiElimina
  11. Ciao Veggie!
    Ho una domanda: si può usare solo per le mani il sapone così diluito ed addizionato? Perchè di solito ne sciolgo un po' di più e lo usiamo per le mani, sì, ma anche per la doccia (e in piscina lo uso anche come shampoo, che è più veloce della saèpnetta!)
    Grazie,
    irene

    RispondiElimina
  12. Si può usare tranquillamente anche per la doccia, in questo caso ho parlato di mani perché questa preparazione è stata ottenuta con scarti di sapone che considero meno pregiati, ma puoi adottare questo metodo usando saponi migliori, che quindi per la doccia andranno più che bene.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  13. Grazie Veggie!
    Anche per i capelli, quindi, non ci sono problemi!!!
    Mi-ti-ca!
    Ciao,
    Irene

    RispondiElimina
  14. Ciao Veggie
    ho seguito la tua ricetta ma non avendo molto tempo mi sono dovuta fermare alla diluizione, quindi non ho aggiunto ancora nè glicerina nè aceto e ho messo il sapone in una bottiglia di vetro in attesa. E' passata una settimana e il liquido si è separato: sopra un modica quantità di liquido trasparente, giallo oro; sotto, circa un 70%, di liquido più chiaro, color crema, ma opaco.
    Potrebbe essere normale? O c'è qualcosa che non va?
    Grazie!
    Emy

    RispondiElimina
  15. Penso che dipenda dal tipo di oli usati nel sapone che hai grattugiato, hanno un peso diverso, per questo si formano degli strati, tra l'altro fa ancora caldo e il gel è più liquido del solito, questo favorisce la stratificazione.
    Non mi preoccuperei, se sai di aver usato saponi venuti bene, semmai aggiungi quel poco aceto che ho scritto, volendo anche normale se non hai quello di mele, perché ho notato che migliora la consistenza.
    Puoi agitarlo prima dell'uso.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  16. Bene Veggie, farò come dici, ti ringrazio!
    Un abbraccio
    Emy

    RispondiElimina
  17. Ho scoperto da poco questo fantastico sito e tutte le meravigliose ricette che contiene!
    Sono alla ricerca di una valida ricetta per fare il sapone liquido per le mani ma, fino ad ora non mi ha soddisfatto nessuna che ho trovato.
    Il problema più grosso è che il sapone diventa un grosso "malloppo2 che fila quando esce dal dispenser e scivola via...non so se mi sono spiegata ma è già la quarta volta che mi succede e non riesco a trovare un rimedio per renderlo più "liquido" ed omogeneo.
    Le ricette che seguivo prevedevano sapone in scaglie sciolto nell'acqua e un cucchiaio di glicerina.
    Grazie per l'aiuto che vorrai darmi! :D

    RispondiElimina
  18. Il discorso da fare sarebbe alquanto lungo..
    Comunque intanto bisogna capire che tipo di sapone urilizzi, in questa ricetta per esempio è previsto l'uso di sapone fatto in casa, qualsiasi altro sapone acquistato seppure di buona qualità non andrà beneperché i saponi industriali bvengono fatti in modo diverso e anche le diluizioni sono diverse.
    Secondo punto, il sapone fatto in questo modo non è un sapone liquido vero e proprio, per questo cin sono gli inconvenienti di cui parli. In parte dipendono dalla scelta degli oli usati, in parte dal rapporto di diluizione e in parte dalla temperatura ambientale. Un sapone che in estate è molto liquido con l'arrivo del freddo può diventare molto denso.
    Per evitare completamente questi problemi più o meno evidenti, bisognerebbe fare del sapone liquido vero e proprio che è un altro tipo di sapone.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  19. sempre betta..secondo te che risultati avrò con un sapone di aleppo fatto artigianalmente?
    grazie mille, tanta luce :)

    RispondiElimina
  20. Se intendi un sapone fatto in casa andrà benissimo, mentre per un Aleppo originale acquistato ci saranno problemi di diluizione, non sarà sufficiente usare così poca acqua, ne servirà di più ma non so dire quanta, i saponi sono tutti diversi tra loro.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  21. Veggie non ho la glicerina!E' grave?

    RispondiElimina
  22. E' un cosa in più, puoi anche non metterla se non ce l'hai.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  23. ciao Veggie sto preparando dei saponi per natale fatti a freddo con olio d'oliva ma li volevo colorare, e' possibile farlo con i coloranti per le torte...
    grazie laura

    RispondiElimina
  24. Si puoi mettere una o 2 gocce di colorante alimentare per ogni flacone di sapone liquido, attenzione perché i colori sono molto concentrati e si rischia di colorare troppo.
    Conviene mettere il colore in un cucchiaio d'acqua ed aggiungerlo un po' alla volta per regolarsi sulla tomalità.
    Tieni presente che i blu, viola, celesti non vengono come sono, puoi usare i verdi, i gialli, i rossi, o mischiarli per ottenere l'arancio.
    I colori per alimenti sono sensibili al pH del sapone per questo le altre tonalità non prendono e i colori virano verso grigi/verdi piuttosto bruttarelli, ti consiglio di non provare per niente con quelle tonalità.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  25. Possono essere scarti di saponi diversi o devono essere scarti di 1 sapone? e deve essere già stagionato immagino vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, possono essere anche misti, bsta che non ci siano fiori o troppe polveri (come cacao, cannelle, fiocchi).
      I saponi devono aver almeno un mese.
      Ciao Veggie

      Elimina
  26. ho trovato scaglie di sapone naturale tipo marsiglia di una ditta che non cito alla glicerina senza coloranti indica essere prodotto biologico.... può andare bene? quindi evito la glicerina?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa ricetta è indicata solo per saponi autoprodotti.
      I saponi acquistati hanno bisogno di diluizioni molto superiori, quindi non vanno bene per fare dei saponi liquidi.
      Ciao Veggie

      Elimina
  27. grazie mille sai allora cosa me ne posso fare di quello che ho comprato?

    RispondiElimina
  28. Ciao Veggie:

    Grazie per condividire questa riceta cosi bella. MI piacerebbe sapere si inveche d'aggiungere l'aceto di mele si puo aggingere altro tipo d'aceto?

    Pure mi piacerebbe domandare quanto tempo dura questo sapone liquido prima di diventare bruto?


    Ti ringrazio altra volta, e ti dico che mi piace tantissimo il tuo blog, Auguri e salutoni.

    Silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia, di preciso quanto si conservi non lo, ma qualche mese, hai tutto ilo tempo per consumarlo.
      Puoi mettere anche un altro tipo di aceto, ma sempre non superando le quantità indicate in ricetta.
      A presto Veggie

      Elimina
  29. Ciao Veggie, hl provato a cercare nel sito ma non ho trovato risposta. Io ho già prodotto il mio sapone e sto aspettando che si stagioni ma mi chiedevo che differenza c'è tra il sapone autoprodotto con soda caustica o quello fattonsolobcon glicerina...nel web non si parla ne di proprietà ne di altre informazioni. Per una come me che ha appena iniziato questo percorso sarebbe molto utile capire pro e contro di un metodo piuttosto che un altro considerato anche il fatto che con la glicerina si fa molto prima (così ho letto). Grazie mille,Natascia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' semplice.. il sapone autoprodotto è un sapone ed è completamente naturale (sei tu a scegliere cosa metterci per mantenerlo un prodotto naturale), il sapone alla glicerina invece non è un sapone, ed è sbagliato chiamarlo così.
      In realtà si tratta di detergenti sintetici che non hanno niente di naturale e non sono neanche saponi.
      Si dovrebbero chiamare sciogli e versa, ma li chiamano saponi alla glicerina in quanto alcuni contengono glicerina. La glicerina non saponifica e il sapone di sola glicerina non può esistere.
      Veggie

      Elimina
  30. Ecco dov'era l'inghippo, non è sapone!! Grazie, avevo della glicerina in casa così mi stavo informando su come poterla utilizzare...niente "sapone". Grazie mille Veggie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra l'altro la glicerina vera non c'entra affatto con quel detergente che chiamano glicerina, sono 2 cose completamente diverse
      Ciao Veggie

      Elimina
  31. Ciao Veggie, innanzitutto grazie per i numerosi consigli che ci offri, hai rivoluzionato la mia vita :)
    Mio padre mia ha portato un olio essenziale al fiore di loto, mi chiedevo in che proporzione, rispetto ad 1 lt di sapone liquido base, sia il caso di metterlo.
    Grazie mille!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mamma mia... se è puro si tratta di un olio così raro e prezioso che non lo consumerei per un sapone per le mani, comunque se vuoi metterlo direi di metterne non più di qualche goccia, direi 5-6 poi ti regoli sull'intensità della profumazione ottenuta.
      Ciao Veggie

      Elimina
    2. Grazie mille, mio padre da un viaggio in Egitto me lo ha portato, ed è puro dato che inoltre l'alcool è vietato in quel paese, non solamente sotto l'aspetto alimentare.
      Sarò fortunata, me ne ha portato un flacone non indifferente, ma essendo molto forte non avevo idea su come regolarmi.
      Ti ringrazio mille e rinnovo i miei complimenti :)

      Elimina
  32. Ciao Veggie!! ho una curiosità: perché per fare questo sapone usi una diluizione 1:5 mentre per fare il gel da bucato (sempre con sapone autoprodotto) usi una diluizione 1:10? grazie per la delucidazione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché nei saponi per l'igiene personale è stato calcolato un cosiddetto "sconto soda" ovvero i saponi contengono piccole percentuali di oli liberi (non saponificati)che permettono al sapone di sciogliersi con una minore quantità di acqua.
      I saponi da bucato invece contengono più soda e per restare liquidi hanno bisogno di quantità maggiori di acqua.
      Ciao Veggie

      Elimina
  33. Ciao Veggie questa formula di diluizione è versatilissima!
    Ho usato la stessa procedura per creare il "liquido" dallo shampoo-bar che ho prodotto tempo fa ed è venuto perfetto...un bel liquido giallo oro che sta soddisfando anche gli amici che di convertirsi alla saponetta proprio non ne vogliono sentir parlare :-D !
    La prossima volta credi che possa provare con un rapporto di diluizione 1:4 o conviene aspettare il freddo x vedere come si comporta?
    Mariarosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, non si può dire a monte, dipende da molti fattori: il freddo, lo sconto soda del sapone, il tipo di oli usati.
      Tu parti con una diluizione bassa e se serve aggiungi acqua.
      A presto
      Veggie

      Elimina
  34. ciao volevo sapere se questo sapone ha una scadenza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una volta diluito durerà qualche mese.
      Ciao Veggie

      Elimina
  35. Ciao Veggie,
    ho appena ricevuto il tuo libro...e mi sto addentrando adesso in questo splendido mondo, che non credevo mi prendesse così.
    Ho fatto il mio primo sapone con olii esausti (solo arachide e poco oliva), con sconto soda del 3%, e vorrei usarlo per questa preparazione.
    Quando sarà pronto vorrei provare a misurare il ph. Poi ti dico.... ciao
    Linda

    RispondiElimina
  36. ph misurato prima / dopo: 9 / 8,5 circa (ma anche leggermente meno).
    Non male per recuperare un olietto poco pregiato ma non particolarmente aggressivo:
    [IMG]http://i42.tinypic.com/2e66cgh.jpg[/IMG]
    ciao grazie
    Linda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. massì, non è così mimportante misurare il pH dei saponi, se hai applicato uno sconto soda e eseguito correttamente i procedimenti non c'è ragione di dubitare sulla causticità.
      Ciao, continua così!
      Veggie

      Elimina
  37. siiii.. la misurazione è più una mia curiosità, visto che mi avvicino adesso a questo mondo!!!

    che bello leggerti Veggie... ti conosco indirettamente da quando una mia cara amica mi parlò di te tanti anni fa.. ma non ero ancora interessata come ora...

    Adesso ci sono!!!

    E ora sto andando a fare il tuo supersgrassatore con la lisciva di cenere che ho preparato da pochissimi giorni...

    Buone cose!!!
    Linda

    RispondiElimina
  38. Ciao, il sapone autoprodotto richiesto, e' quello che si fa per il bucato, vero?Monica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non quello per il bucato, bensì un sapone fatto per l'igiene della persona, sono diversi.
      Ciao
      Veggie

      Elimina
  39. Ciao, mi sono avvicinata da poco a questo mondo della saponificazione e volevo chiederti se il sapone fatto a freddo con olio d'oliva e soda caustica va bene per uso cosmetico o deve essere usato solo per lavare i panni. Non avendo esperienza ho il dubbio che la soda caustica sia irritante anche dopo la stagionatura anche se ho letto che con il tempo non rimane più traccia. Mi puoi dare conferma di questo. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dipende se il sapone a monte è stato prodotto per l'igiene personale oppure per il bucato.
      Si possono fare saponi di Marsiglia per la persona o per le pulizie, la differenza principale è nel quantitativo di soda che contengono: i saponi da bucato ne contengono un pochino di più di quella che servirebbe a saponificare tutti i grassi, in modo che l'azione detergente sia più forte, al contrario i saponi per l'igiene personale ne contengono meno così risultano più delicati.
      Quindi nel tuo caso non saprei, per darti una risposta precisa dovresti scrivermi quanto olio e quanta soda hai messo nel sapone.
      Ciao
      Veggie

      Elimina
  40. ciao, ho fatto il sapone liquido ed è venuto benissimo volevo sapere se è necessario portarlo quasi a bollore nonostante le scaglie si erano sciolte tutte dopo alcune ore di ammollo..nel dubbio l'ho riscaldato comunque ..grazie mille
    Stefy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, se si scioglie prima basta scaldarlo un po', scaldandolo prende una consistenza migliore.
      Ciao
      Veggie

      Elimina

Sostienici con una piccola donazione, grazie!PER DONAZIONI
Versare l'importo desiderato sulla carta Postepay intestata a : PAOLETTI LILIANA
CARTA POSTEPAY N° 4023 6006 2473 4010