Pubblicato mercoledì 11 maggio 2011e aggiornato il

yogurt di soia senza yogurtiera

Si prepara allo stesso modo dello yogurt di latte vaccino utilizzando però latte di soia. Il latte di soia può essere acquistato oppure prodotto in casa come spiegato nell'articolo latte di soia.
Il latte da acquistare dovrà essere composto di sola acqua e semi di soia, senza zucchero, oli o altre sostanze aggiunte. Servirà anche un yogurt di soia già pronto, anch'esso dovrà essere senza zucchero e senza altri additivi o frutta.

Preparazione:
Se la temperatura è davvero bassa è preferibile dare una leggera scaldata al latte portandolo ad una temperatura di circa 30°C, altrimenti si può usare a temperatura ambiente.
Versare in un brocca 1 litro di latte di soia, aggiungere 1 yogurt e girare con un cucchiaio pulito.
Nel frattempo portare un paio di litri di acqua sul fuoco, e scaldare fino al punto di ebollizione.
Dopo aver girato il latte con lo yogurt dividerlo in 3 vasi di vetro da 500 ml, che siano minuti di una buona chiusura (vanno benissimo i vasetti dell Bormioli da 500 ml). Il latte si può versare anche in 7 o 8 vasetti singoli come ho spiegato nella preparazione dello yogurt senza yogurtiera, purché entrino tutti in una pentola.
Chiudere i vasetti e metterli in una pentola abbastanza alta preparata in precedenza. Prendere la pentola con l'acqua bollente e versarla sui vasetti. Riempire il fondo della pentola fino ad arrivare al livello dello yogurt. Chiudere la pentola con il coperchio.
Avvolgere la pentola così piena com'è in una coperta per conservare il calore il più a lungo possibile e sistemarla in un angolo della casa dove possa rimanere indisturbata per 24 ore.
Trascorso il tempo indicato rimuovere i vasetti dall'acqua e asciugarli. Prelevare subito una quantità di yogurt pari ad un vasetto e metterlo in un vasetto da conservare separatamente, servirà per la produzione del prossimo yugurt.
Mettere tutti i vasetti in frigorifero e consumare entro una settimana o al massimo 10 giorni.
Preparare nuovo yogurt almeno 1 volta a settimana (utilizzando lo yogurt messo da parte) per impedire che si rovini ed averlo sempre fresco.
Quando lo yogurt che si mette da parte si esaurisce si può aquistare un nuovo yogurt e ripartire da capo.
Veggie
Quest'opera (testi e foto) è protetta dai diritti d'autore rilasciati da Creative Commons. I termini della licenza sono disponibili in versione integrale nel Codice Legale dove vengono spiegati in dettaglio i diritti ad essa attribuiti. Sono altresì disponibili sulle pagine internet sottostanti cliccando sui link e sul logo di Creative Commons. Chiunque utilizzi quest'opera come diversamente espresso dall'autore commette una violazione sui diritti d'autore.
Licenza Creative Commons
YOGURT DI SOIA SENZA YOGURTIERA
by veggie822 - LILIANA PAOLETTI is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia License.
Based on a work at www.lareginadelsapone.com.

15 commenti:

  1. io ho la fortuna di avere una yogurtiera,ma questo metodo lo conosco perchè è uno di quelli che utilizzava mia nonna :)

    RispondiElimina
  2. Io lo faccio nel forno nel quale metto una lampadina da 30W per 4 ore.
    Però con l'acqua bollente non si rischia di innalzare troppo la temperatura per i lactobacilli? Da quello che sapevo dovrebbero avere il loro ciclo riproduttivo sotto i 40 gradi.

    RispondiElimina
  3. @Luby: E' vero io l'ho appreso tanti anni fa, ma penso che fosse ancora più vecchio.
    @ Manuki: La temperatura di riproduzione dei fermenti per lo yogurt è di 50°C/52°C circa. Con il metodo dell'acqua bollente non si va oltre, evidentemente il tempo che l'acqua bollente impiega affinché latte e acqua raggiungano la stessa temperatura ia sufficiente ad abbassarla sotto quella soglia, perché non si parte con il latte bollente.

    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  4. Mi piace questo metodo Veggie!Io ho la yogurtiera ma a volte "yogurtiferiamo" contemporaneamente io ed il mio compagno vegetariano...così ora uno dei due potrà "yogurtiferare" con il tuo metodo (oppure magari finalmente diventerà veg!) !^___^ un abbraccio!

    RispondiElimina
  5. Carissima,
    posto qui, ma sei liberissima di spostarmi e/o cancellare...Ti scrivo solo per un confronto di esperienze :)
    Allora, ho segiuto scrupolosamente la ricetta e sono venuti buoni, ma mooolto acidi e con un filo di siero sopra. Contenta per il risultato, ma non pienamente soddisfatta del gusto, ho continuato: per 4 volte li ho fatti così e per 4 volte ho avuto lo stesso risultato. Cercando quà e là su google per abbassare l'acidità ho visto che si consiglia di evitare gli shock termici e allora ho provato...
    Ho tenuto l'acqua della sterilizzazione dei vasetti, che per ovvie ragioni faccio prima, poi faccio bollire il latte, lo intiepidisco (circa 40°, meglio meno che più)mescolo a 2 cucchiai di YOGURT tolto dal frigo un po' prima, metto nei vasetti e pongo i vasetti nell'acqua della sterilizzazione che ormai è anche lei a circa 40°. Chiudo e metto la copertina. Se fa freddo pongo tutto in forno spento.Lascio 6 o più ore. Ripeto, non accendo il forno, non riscaldo l'acqua, faccio solo attenzione alla tempistica per poter riutilizzare quel che posso...

    Il risultato è fantastico: yogurt molto compatto e poco acido... "il mio nano da giardino" lo adora.

    Spero di essere stata utile
    Baci Fra'

    RispondiElimina
  6. ops...
    ho sbagliato...
    dovevo metterlo negli yogurt vaccini
    scusa!!!

    RispondiElimina
  7. Bene, l'importante è che trovi un metodo adatto a te. L'acidità dipende dal tempo che si lascia al caldo, puoi anche tenerlo meno di 24 ore, molto dipende dalla stagione. Comunque se ho capito bene stiamo parlando di quello di latte vaccino e non di soia.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  8. Prima di tutto mi complimento per il tuo blog.... e poi per questa ricetta incredibile, l'ho rifatta proprio oggi e mi ė venuto uno yogurt buonissimo... Che soddisfazione!!!! Grazie mille....
    Giangoccetta

    RispondiElimina
  9. domandina:
    ma si può fare anche con altri "latti", tipo riso, mandorla...?

    grazie!

    RispondiElimina
  10. No, non si può, la soia va bene per il tipo di proteine che contiene, gli altri latti sono di cereali, quindi composti principalmente da carboidrati.
    Veggie

    RispondiElimina
  11. Ciao e grazie mille èer questo capolavoro, scusami tanto...potrei sapere che latte e che yogurt hai usato per la produzione? Purtroppo non riesco a trovare facilmente ne latte ne yogurt senza zucchero o altro dalle mie parti e pensavo di farmi un giro di spesa altrove.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho provato questi e vanno tutti bene:
      il Probios, il Provamel, il Soy Dream, il Sojade
      devi cercarli nei negozi di alimenti naturali altrimenti li trovi tutti zuccherati.
      Ciao Veggie

      Elimina
  12. ciao! potrei sapere la quantità dello yogurt usato per la preparazione ? sembra un vasetto grande ma preferirei esserne sicura. grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nella foto c'è un vasetto grande perché ho trovato quella confezione, ma nella preparazione ce ne va meno, direi che mezzo bicchiere è sufficiente (più o meno un vasetto normale da 100-120 ml).
      Ciao Veggie

      Elimina

LA MIA E-MAIL veggie822@yahoo.it

Sostienici con una piccola donazione, grazie!PER DONAZIONI
Versare l'importo desiderato sulla carta Postepay intestata a : PAOLETTI LILIANA
CARTA POSTEPAY N° 4023 6006 2473 4010