Pubblicato lunedì 2 maggio 2011e aggiornato il

carciofini sott'olio

Nei mercati si trovano ancora, quindi diamoci da fare con questa ricetta classica ma sempre apprezzabile.
CARCIOFINI SOTT'OLIO
Ingredienti:
(per 6 vasetti circa)
100 carciofini (+/- 3 kg)
1 litro di aceto bianco
1 litro di olio extravergine d'oliva (circa)
10 spicchi d'aglio
4 o 5 limoni
origano
peperoncino (facoltativo)
sale
Preparazione:
Per prima cosa preparare i vasetti facendoli bollire per qualche minuto insieme alle capsule in una pentola di acqua. Scolarli e lasciarli asciugare capovolti su un canovaccio pulito.
Riempire una bacinella di acqua e aggiungerci il succo spremuto e anche la buccia di qualche limone.
Pulire i carciofini e passare la superficie con mezzo limone, prima di tuffarli provvisoriamente nella bacinella di acqua acidulata con limone che servirà ad impedire che anneriscano.
Quando tutti i carciofini sono puliti mettere sul fuoco una pentola con 1 litro di aceto e 1 litro di acqua, salare e portare ad ebollizione.
Pulire gli spicchi d'aglio e tagliare ogni spicchio in 2 o 3 pezzi.
Quando la soluzione di acqua e aceto bolle, salarla. Prelevare un po' di carciofini (non più di una ventina per volta) e buttarli nella soluzione in ebollizione, aggiungere anche una parte dell'aglio. Da quando la soluzione riprende a bollire calcolare dai 3 ai 5 minuti di ebollizione, il tempo preciso dipende dalla grandezza dei carciofi.
Trascorso il tempo prelevarli con una schiumarola e metterli a scolare a testa in giù su un canovaccio perfettamente pulito. Prelevare anche l'aglio che un po' per volta dovrà essere anch'esso sbollentato tutto.
Immergere altri carciofini nella soluzione e proseguire con la fase di sbollentamento fino ad esaurimento.
Lasciare i carciofini (e l'aglio) ad asciugare completamente, ci vorrà più o meno un'ora.
Preparare le spezie e i vasetti, quando i carciofini si saranno asciugati riempire i vasetti condendo ogni strato con qualche pezzetto d'aglio, dell'origano, del peperoncino e poco sale. Dopo aver sistemato ogni strato versare anche un po' di olio. Premere bene i carciofini in modo da adattarli alle dimensioni del vasetto. Mettere in ogni vaso un pressino e riempire di olio.
Chiudere solo parzialmente i vasetti, nelle ore a seguire assorbiranno dell'olio e bisognerà rimboccarne altro. Ogni tanto premere i carciofini per favorire la fuoriuscita dell'aria e se serve aggiungere altro olio. I carciofini dovranno sempre rimanere coperti di olio.
Chiudere i vasetti definitivamente solo il giorno dopo, quando tutta l'aria sarà uscita e il livello dell'olio si sarà stabilizzato. Etichettare e conservare in luogo fresco e al buio.
Veggie
Quest'opera (testi e foto) è protetta dai diritti d'autore rilasciati da Creative Commons. I termini della licenza sono disponibili in versione integrale nel Codice Legale dove vengono spiegati in dettaglio i diritti ad essa attribuiti. Sono altresì disponibili sulle pagine internet sottostanti cliccando sui link e sul logo di Creative Commons. Chiunque utilizzi quest'opera come diversamente espresso dall'autore commette una violazione sui diritti d'autore.
Licenza Creative Commons
CARCIOFINI SOTT'OLIO
by veggie822 - LILIANA PAOLETTI is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia License.
Based on a work at www.lareginadelsapone.com.

8 commenti:

  1. Ciao Veggie!
    La mia nonna li faceva come te, ma li metteva sotto peso per tre giorni per "far dare via" l'acqua. Usava le " arbanelle" per le acciughe sotto sale e i colini a maglia fitta!
    Però erano anche altri carciofi, non quelli romani, ma quelli della piana di Albenga, con le spine.
    Baci Fra'

    RispondiElimina
  2. Complimenti sicuramente saranno OTTIMI, io sono 2 anni che non li faccio piu' perchè l'ultima volta è stato un disastro, non sò che è successo ma bollivano da soli nell'olio! Complimenti per il blog l'ho messo tra i miei preferiti.
    Passa a trovarmi quando vuoi....a presto.
    Adriana

    RispondiElimina
  3. Sarà rimasta dell'acqua o forse non li hai steriliozzati bene con l'aceto.
    Però quando vengono sono di un buono!!
    Passerò a trovarti certo!
    A presto Ciao
    Veggie

    RispondiElimina
  4. @ Fra: Oggi un po' tutte le cose si fanno più velocemente di un tempo, però era bello quando ci voleva di più, sembra che si mettesse più amore per ottenere i risultati.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  5. ma brava,anch'io li faccio in questo modo^;^ evito solo l'origano...la tua ricetta,immagini e preparazione sono dettagliatissimi!!!complimenti:))

    RispondiElimina
  6. Ciao Veggie :-)
    ho scoperto il tuo blog un paio di giorni fa e non ho ancora smesso di gironzolarlo e di trovare una marea di cose interessantissime da leggere e da provare! Grazie! ros

    RispondiElimina
  7. Li abbiamo fatti anche noi la scorsa settimana, non c'è veramente paragone con quelli comprati!

    RispondiElimina
  8. No, infatti. Il fatto stesso di poter scegliere l'olio con cui prepararli è una garanzia.
    Se poi si riesce a lasciarli stagionare un po' diventano ancora più buoni, ma sono una tentazione...
    Veggie

    RispondiElimina

LA MIA E-MAIL veggie822@yahoo.it

Sostienici con una piccola donazione, grazie!PER DONAZIONI
Versare l'importo desiderato sulla carta Postepay intestata a : PAOLETTI LILIANA
CARTA POSTEPAY N° 4023 6006 2473 4010