Pubblicato giovedì 18 marzo 2010e aggiornato il

aceto come ammorbidente per il bucato

Gli ammorbidenti per il bucato che si trovano in commercio, purtroppo sono molto inquinanti, forse più del detersivo stesso. Inoltre a differenza di quello che si crede, non ammorbidiscono affatto i tessuti rimuovendo i depositi minerali dalle fibre, bensì rilasciano sulle fibre una patina oleosa che illude il tatto dando un senso di pseudo-morbidezza. I capi trattati con gli ammorbidenti sono spesso causa di allergie e prurito, l'effetto si sente in particolare sulle parti intime dove la pelle (ma anche le mucose) è costretta ad un contatto più diretto con la biancheria.
A tutti questi svantaggi possiamo aggiungere che gli ammorbidenti "sporcano" i capi, che di conseguenza richiedono lavaggi più frequenti e sono i diretti responsabili dell'ingiallimento dei tessuti. Avete fatto caso che se si ripone una tovaglia bianca ricamata o delle vecchie lenzuola bianche delle nostre nonne, a distanza di tempo presentano zone gialle? In particolare la porzione di tessuto esposta all'aria e i bordi? Ebbene i responsabili sono gli ammorbidenti, proprio grazie alla patina che depositano sui tessuti.
Liberarci degli ammorbidenti non è difficile, basta un po' di buona volontà e anche chi non usa sapone naturale può farlo, senza per questo rischiare di non ottenere un buon lavaggio e tessuti morbidi.
L'unico svantaggio provvisorio che si avrà riguarda la profumazione.
Purtroppo l'industria del detersivo con i suoi profumi sintetici, forti fino alla nausea e anche grazie ai messaggi pubblicitari, ci ha messo in condizione di associare il profumo chimico all'idea di pulito. Niente di più sbagliato! Anzi spesso i profumi riescono a coprire l'odore di un capo che non è perfettamente pulito. Quando l'olfatto si sarà disabituato dai vizi presi con le profumazioni sintetiche riuscirete addirittura a sentire l'odore di pulito! Vi posso garantire che l'odore di pulito esiste realmente ed è solo questione di tempo. Chiaramente per sentirlo bisognerà evitare anche l'uso dei detersivi industriali, anch'essi impregnano i tessuti di profumi difficili da rimuovere.
E' quello che succede con il sale, chi si abitua a mangiare salato non è più in grado di riconoscere i sapori autentici del cibo, l'unico sapore che si riconosce è quello del sale.
Perciò anche se all'inizio vi sembrerà che i capi non profumino di niente, nessuna preoccupazione, con il tempo imparerete a "sentire".

ACETO COME AMMORBIDENTE PER IL BUCATO
Prendere una bottiglia di aceto bianco e metterlo sulla lavatrice o nel mobiletto dei detersivi al posto dell'ammorbidente. Usarlo mettendolo direttamente nella vaschetta dell'ammorbidente, nella stessa quantità normalmente usata per l'ammorbidente. Non mettere mai l'aceto insieme al detersivo, non sono compatibili, ne parleremo in un'altra occasione.
L'aceto, oltre a igienizzare i nostri indumenti, libera le fibre dai minerali contenuti nell'acqua del lavaggio e rimuove completamente i residui di detersivo, ragione in più per usarlo, visto che gli stessi detersivi sono anch'essi motivo di prurito. Una volta terminato il lavaggio, il bucato va steso all'aria e anche se inizialmente si sente l'odore dell'aceto, quando si sarà asciugato non si sentirà più.
Chi lo gradisce può profumare l'aceto inserendo delle gocce di oli essenziali direttamente nella bottiglia insieme all'aceto, 30 o 50 gocce vanno più che bene. Unico accorgimento è quello di agitare bene la bottiglia prima di versare l'aceto nella vaschetta dell'ammorbidente, perché gli oli essenziali non sono solubili nell'aceto quindi rimarranno a galla.
Si può scegliere di mettere gli oli essenziali di volta in volta insieme all'aceto nella vaschetta dell'ammorbidente. In questo caso si riempie prima la vaschetta con aceto e poi si aggiungono le gocce, 10 sono sufficienti.
Io seguo questo metodo da tanti anni e finora non è mai accaduto che il bucato si macchiasse con gli oli essenziali.
Si può addirittura profumare l'aceto con fiori profumati!
Si prepara una bottiglia di aceto con un paio di settimane di anticipo aggiungendo 2 o 3 cucchiai di fiori direttamente nell'aceto. La lavanda è perfetta, ma si possono usare anche petali di rose o altri fiori profumati, purchè vi accertiate che non siano stati trattati con pesticidi e che non siano irritanti o velenosi.
Se siete iscritti come sostenitori di questo blog e ancora non lo avete, potete richiedere il pdf OLI ESSENZIALI PER BUCATO-PIATTI-PAVIMENTI in cui ci sono delle combinazioni profumate per aceti e saponi da bucato. Per riceverlo seguite le istruzioni che trovate nella home page nella colonna di destra.
Veggie
Quest'opera (testi e foto) è protetta dai diritti d'autore rilasciati da Creative Commons. I termini della licenza sono disponibili in versione integrale nel
Codice Legale
dove vengono spiegati in dettaglio i diritti d'autore relativi a quest'opera. Sono altresì disponibili sulle pagine internet sottostanti cliccando sui link e sul logo di Creative Commons. Chiunque utilizzi quest'opera come diversamente espresso dall'autore commette una violazione sui diritti d'autore.
Creative Commons License
ACETO COME AMMORBIDENTE PER IL BUCATO by
veggie822 - LILIANA PAOLETTI is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License.
Based on a work at lareginadelsapone.blogspot.com.

183 commenti:

  1. Ciao Veggie :)
    attualmente sto usando l'acido citrico al posto dell'ammorbidente, però l'aceto sarebbe decisamente più economico. Avevo letto che l'aceto a lungo andare corrode le parti metalliche della lavatrice mentre l'acido citrico eviterebbe questo inconveniente. E' vero?

    RispondiElimina
  2. In sostituzione dell'ammorbidente si possono usare sia aceto che acido citrico. Io scelgo l'aceto per 2 ragioni, la prima è perchè l'aceto subisce un processo di lavorazione decisamente più breve rispetto all'acido citrico, quindi utilizzare l'aceto si rivela una scelta ecologica più accurata. La seconda è che è decisamente più economico e più pratico.
    Io vivo in una zona con acqua di durezza 32°f, quindi molto dura e l'aceto mi va benissimo.
    Per rispondere alla tua domanda sulla corrosione, c'è chi sostiene che l'aceto rovini, io credo che l'acido citrico sia più aggressivo sia sulla biancheria che sulla lavatrice.
    La mia lavatrice il prossimo mese compie 16 anni, dei quali gli ultimi 10 vissuti sul balcone dove a volte è raggiunta anche dalla pioggia...
    Uso aceto e sapone per la lavatrice da oltre 10 anni e non ho mai dovuto cambiare nessuna parte della lavatrice compresa la guarnizione. Il cestello è intatto nonostante la permanenza sul balcone, e anche tutto il resto lo è.
    C'è gente a cui piace complicarsi la vita, ti assicuro che l'aceto completa il lavaggio perfettamente, se lo acquisti in qualche discount, lo paghi ancora una fesseria e per il bucato va più che bene.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  3. Ah perfetto!!!!
    Allora siccome ho dei fiori di lavanda avanzati dallo shampoo alla saponaria ;-) li metterò in infusione nell'aceto, così mi risparmio anche l'uso dell'olio essenziale di lavanda nella vaschetta dell'ammorbidente. Due piccioni risparmiosi con una fava :-)
    Grazie Veggie!

    RispondiElimina
  4. io uso entrambi per ammorbidire. l'acido citrico mi sembra un pelo più rapido dell'aceto nella sua funzione anticalcarea quindi per i tempi stretti scelgo lui al posto dell'altro. se ho tempo invece metto l'aceto e spengo la lavatrice a metà corso in modo da lasciarlo agire più a lungo sui tessuti.

    adesso proverò con la lavanda in infusione acetica, vediamo come viene! e confermo, una volta asciutti, l'odore di aceto è inesistente!

    RispondiElimina
  5. Ricordati sempre di evitare di mettere l'aceto insieme al detersivo, quindi anche se si vogliono lasciare i panni un po' a bagno bisogna farlo solo dopo il risciacquo, quando cioè in lavatrice c'è solo acqua.
    Veggie

    RispondiElimina
  6. e per quanto riguarda l'uso dell'aceto come ammorbidente per il lavaggio a mano di capi di lana? Si usa? Come?
    Grazie se vorrete rispondermi.
    Erica

    RispondiElimina
  7. io sto usando un aceto poco acido perchè sono allegica all'odore, trovo che vada bene, anzi devo dire che i tessuti sono più morbidi che con l'ammorbidente. Meno male che quando li tiro fuori dalla lavatrice l'odore non si sente altrimenti non avrei mai potuto usare questo prodotto che devo dire mi ha stupito. Grazie

    RispondiElimina
  8. @Erica: Scusami, ma vedo solo ora il tuo messaggio, a volte non arrivano le notifiche sull'email e non posso venire a conoscenza dei nuovi messaggi.
    L'aceto se aggiunto in piccole quantità dopo il risciacquo può essere utilizzato anche per i capi di lana (poco però), oltre a liberare le fibre dai resti di detersivo e dai depositi di calcare mantiene vivi i colori e li fissa. Per la lana ti consiglio di preparare un aceto alla lavanda, non con gli oli essenziali, ma con i fiori.
    Ne metti un po'nell'aceto e lasci l'aceto al caldo esponendolo anche al sole un paio d'ore al giorno per circa 15 giorni, poi lo filtri ed ottieni un aceto più profumato e che aiuta a protegge la lana dall'attacco delle tarme, quindi un motivo in più per usarlo.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  9. @Anonimo: In genere gli aceti che si trovano in commercio hanno tutti acidità 6%, forse vuoi dire un aceto con odore poco marcato. In effetti ci sono aceti che si sento di più altri di meno. Potresti provare con aceto di mele, è molto più delicato come aroma.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  10. Quando metto in infusione i fiori nell'aceto, li metto freschi o secchi? e restano lì indefinitamente, tanto che c'è aceto nella bottiglia?
    e per una bottiglia da 1 litro di aceto, quanti petali di rosa (o fiori diversi) posso mettere?

    RispondiElimina
  11. Federica, vai nell'articolo aceto ai fiori di acacia e trovi quello che cerchi, se poi hai altri dubbi riscrivi.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  12. ciao io uso l'acido citrico per varie ragioni.
    1) è più economico. un chilo di acido citrico in negozio tipo ferramenta costa 7 euro. ci fai 10 litri di soluzione al 10 %
    2) è più ecologico. invece di un pacchetto di carta (io lo compro sfuso in un negozio di prodotti chimici) avrei 10 bottiglie di vetro da smaltire. se la lavatrice si rompe perchè l'aceto è corrosivo dovrei cambiare la mia vecchia e buona lavatrice ;-)
    3) ha un odore migliore

    Stella Bastone

    RispondiElimina
  13. Rispetto la tua scelta di utilizzareee acido citrico, io stessa ho già preparato un articolo su questo.
    Devo però contestare alcune cose, io pago l'aceto 6o centesimi al litro, quindi tutto questo risparmio non c'è, secondo, contesto fermamente l'idea che molti anno sulla corrosione dell'aceto.
    Se l'aceto corrode lo fa anche l'acido citrico, è proprio nel fatto che sono acidi la presunta corrosione.
    Anche in questo caso ripeto che nella mia lavatrice uso aceto da 10 anni e funziona alla perfezione. La mia lavatrice sta per compiere 17 anni, vive fuori su un balcone e ci piove addirittura sopra, il prossimo anno la cambierò perché comincia a fare della ruggine all'esterno, mentre l'interno nonostante il sapone e l'aceto è intatto.
    Ciao Veggie
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao, sempre sul fatto che l'aceto toglie parti di metallo, ho letto che su un post, che appunto l'aceto toglie il nikel dalla lavatrice, finendo dul bucato, se uso il bicarbonato potrebbe essere un giusto compromesso?

      Elimina
    2. 50-100 ml di aceto in una vasca di acqua non tolgono parti di metallo e il bicarbonato non può sostituirlo.
      Ciao Veggie

      Elimina
    3. Ho molte allergie,uso detersivi neutri, anche l ammorbidente. Ora però userò l aceto. Lo metto nella vaschetta dell ammorbidente giusto?

      Elimina
    4. Sì, mettilo nella vaschetta dell'ammorbidente, così la lavatrice lo prenderà all'ultimo risciacquo.
      Ciao
      Veggie

      Elimina
  14. ^.^ anche io lo uso!!!^-^...

    RispondiElimina
  15. D'ora in poi mai più l'ammorbidente,ho provato l'aceto e l'unico timore che avevo era l'odore,invece nulla di nulla,il bucato resta morbido e penso che faccia bene anche alla lavatrice come anticalcare.Grazie come sempre,Veggie,per le tue idee preziose,che cerco di divulgare anche presso chi non frequenta il tuo blog.Alla prossima ! Ciao

    RispondiElimina
  16. Grazie a te Gabri! La testimonianza di di persone abituate ad usare i prodotti tradizionali è molto importante.
    A presto Veggie

    RispondiElimina
  17. Ciao Veggie, ripasso qui dopo un bel po'... effettivamente se tu prendi l'aceto a 60 centesimi al litro e lo usi da 10 anni senza aver avuto problemi con la resistenza della lavatrice... che dire? Mi inchino davanti l'evidenza dei fatti!! Vorrei chiederti un'altra cosa, nel tuo post leggevo che usi per lavare i panni il sapone... che tipo di sapone usi? lo usi per tutto? in che quantità? io ad esempio lavo i maglioni a mano con lo shampoo delicato ma è un'alternativa molto costosa e per adesso mi sto svenando!! Inoltre con il sapone specialmente in estate devo pretattare tutto...
    Stella Bastone

    RispondiElimina
  18. Beh...naturalmente come Regina del Sapone non posso che usare il mio sapone. IL sapone lo faccio da me, sia per il bucato che per l'igiene personale.
    Io lo faccio partendo dalle materie prime: olio e soda, ma chi vuole avvicinarsi può intanto iniziare lavorando dei saponi di buona qualità acquistati.
    Nel blog per iniziare trovi ricette per detersivo in polvere e crema di sapone, guarda tutta la cartella che ha come argomento "Pulizie e detersivi ecologici", troverai i tipi di sapone più naturali in commercio e come utilizzarli al meglio.
    Caio Veggie

    RispondiElimina
  19. io uso il sapone Alga che da me si trova ovunque e a basso prezzo però per i maglioni e le cose delicate non so davvero cosa usare...

    RispondiElimina
  20. Puoi usarlo benissimo, basta metterne poco e insieme a del bicarbonato (non soda Solvay)
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  21. bellissimoooooooooooooo!
    brava!
    Ho trovato il blog perchè ti hanno nominato sul mensile della Coop.
    Bello, mi è piaciuto.
    Vorrei approfondire...penso che appena posso ti manderò una mail.
    Abbraccio! Ben scavato veccchia talpa!
    :-)
    anny

    RispondiElimina
  22. Cara Veggie,
    dopo aver letto il tuo blog e seguito i tuoi consigli sul bucato e non solo, ho finalmente risolto tutti i problemi di dermatite che aveva mia figlia:
    acqua cenere e aceto!
    tutto pulito, tutto ecologico e soprattutto tutta salute!

    Grazie!

    Paola

    RispondiElimina
  23. Menomale, gli ammorbidenti procurano più danni che i detersivi!
    A presto Veggie

    RispondiElimina
  24. ciao.
    è da tempo che voglio cercare di dare una svolta "ecologica" nella mia vita e ora vorrei cominciare a farlo più seriamente. vorrei iniziare proprio dai detersivi, anche per non aumentare il rischio di malattie di vario tipo.
    ho dato un'occhiata nella rete e ho trovato il tuo blog. molto bello complimenti!
    non ho ben capito una cosa però.. vorrei provare ad usare l'aceto al posto dall'ammorbidente ma ho letto che non bisogna mischiarlo al detersivo. quindi non posso mettere subito detersivo e aceto, ognuno nella propria vaschetta, come faccio con l'ammorbidente? grazie in anticipo :-)
    Fausta

    RispondiElimina
  25. Si Fausta puoi farlo. Mettendo l'aceto nella vaschetta dell'ammorbidente il progranna lo prenderà solo dopo il risciacquio, quando il sapone non ci sarà più.
    Quello che intendevo è che non biasogna metterli insieme direttamente nella vasca insieme agli indumenti.
    Quindi per capirci all'inizio del programma puoi mettere il detersivo nella vaschetta del detersivo (sarebbe ancora meglio metterlo insieme al bucato, potresti risparmiarne un po') e l'aceto lo metti da subito nella vaschetta dell'ammorbidente.
    A presto Veggie

    RispondiElimina
  26. Ciao Veggie.
    Sono nuova qui, conosco questo sito da soli due giorni, ma non riesco a smettere di leggere...
    Vorrei provare l'aceto al posto dell'ammorbidente, ma ho letto che i panni vanno poi stesi all'aria. Io uso l'asciugatrice. Posso farlo comunque anche se ammorbidisco i panni con l'aceto?
    Grazie.
    Elisa.

    RispondiElimina
  27. Si certo, l'asciugatrice comunque dovrebbe essere in grado di rimuovere l'odore di aceto, magari insieme all'aceto nella veschetta dell'ammorbidente metti anche qualche goccia di oli essenziali.
    Tieni presente che all'inizio il naso deve fare un po' l'abitudine ai nuovi odori, ma ti assicuro che il bucato quando indossato non sa di aceto.
    Se ti sei iscritta tra i sostenitori scrivimi in privato così posso inviarti il pdf sugli oli essenziali come è scritto sulla homepage.
    A presto Veggie

    RispondiElimina
  28. ciao sto usando l'aceto da giugno e mi trovo benissimo.
    Da agosto però col caldo che fa gli indumenti lavati con l'aceto una volta indossati dopo n pò emanavano odore acidulo (non di sudore)probabilmente dovuto all'aceto. In cosa ho sbaglaito? Lo metto nella vaschett dell'ammorbidente e ci mette olio essenziale di arancio. Puoi aiutarmi?

    RispondiElimina
  29. Ciao Veggie,volevo chiederti se l'aceto "aromatizzato" con i fiori di lavanda,oltre ad usarlo come ammorbidente posso metterlo nella vaschetta del brillantante nella lavastoviglie.. Grazie Cristina.

    RispondiElimina
  30. Meglio di no, per evitare di sporcare l'interno della vaschetta.
    Puoi mettere aceto semplice oppure se è insufficiente una soluzione al 15% di acido citrico.
    Veggie

    RispondiElimina
  31. Scusate ma per quanto tempo devo usare l'aceto per ottenere la morbidezza di cui parlate?

    RispondiElimina
  32. Ciao...

    complimenti per il bellissimo blog..

    domanda.. ma per aceto bianco intendi quello proprio trasparente (che sembra quasi acqua) o va bene l'aceto di vino bianco, quello che va dal paglierino al giallo intenso??

    chiedo perchè dalle mie parti il primo si fatica a trovare e ho paura che il secondo macchi i vestiti...

    anche l'aceto di mele (che preferirei perchè meno forte come odore) si trova solo tendente al giallo...

    grazie
    roberto

    RispondiElimina
  33. Intendo aceto di vino bianco, che sia più o meno chiaro non è importante.
    Puoi benissimo usare l'aceto di mele se preferisci, perché effettivamente ha un odore meno marcato.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  34. ciao, vorrei chiederti: l'aceto come ammorbidente usato per lana e delicati ha qualche controindicazione?infeltrisce?
    per l'aggiunta di olii essenziali...compro quelli dell'erboristeria che si possono aggiungere all'olio di mandorla?(ho usato gli essenziali solo in quel caso) grazie in anticipo per la risposta...
    da oggi hai acquisito una fan in più! seguirò il tuo blog tutti i gg!!!!
    bravissima!
    Jennifer

    RispondiElimina
  35. Ciao Jennifer, io uso regolarmente il risciacquo all'aceto anche per indumenti delicati compresi la lana.
    Gli oli essenziali sono oli essenziali...quindi vanno bene tutti, compresi quelli di erboristeria.
    Non ho capito il discorso dell'olio di mandorle, comunque se il dubbio era quello di unire gli oli essenziali all'olio di mandorle per aggiungerli al risciacquo la risposta è no, perché non si possono mettere grassi nel bucato.
    Veggie

    RispondiElimina
  36. ciao,premetto che nn ho mai usato l'aceto cm ammorbidente ma mi fido di voi ma ho una domanda: quanto aceto usare mezzo bicchiere volevo sapere la quantità esatta per nn sbagliare...ciao spero ke mi risp...ciao

    RispondiElimina
  37. Mezzo bicchiere è più che sufficiente, ma puoi partire anche con meno, vedere se la biancheria è sufficientemente morbida ed eventualmente aumentare fino a 100 ml (mezzo bicchiere).
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  38. Ciao dopo aver letto il tuo blog ho cominciato ad usare l'aceto come ammorbidente da circa un mese, oggi ho comprato un olio essenziale, non li avevo mai usati, ho scoperto che costano tanto! Ho pagato 11€ lo ylang ylang..
    l'erborista mi ha detto di provare con quelli da mercatino,che costano intorno ai 2€, vanno bene lo stesso? non mi fido...
    Ho deciso di aggiungere gli olii perchè ho un problema con l'aceto:
    gli strofinacci da cucina e gli asciugamani dopo il primo utilizzo e quindi umidi,cominciano a puzzare di muffa, tipo acqua stagnante, sebbene li stenda bene dopo l'uso...
    con l'ammorbidente non succede continuano a profumare fino a che non li rimetto sporchi nel cesto della biancheria.
    Come posso risolvere? Ecco il motivo del mio acquisto in olii, spero di risolvere.Però il prezzo mi fa desistere un pò :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao! Comprali on line sono mooolto più economici !! vai sul sito di aromazone o di farmacia vernile. E poi la lavanda ad esempio è molto più economica dell'Ylang Ylang!

      Elimina
  39. Non è l'aceto a far puzzare gli strofinacci. L'ammorbidente con il profumo persistente copre l'odore dello strofinaccio, mantre l'aceto non ci riesce, ma non è lui a provocarlo, in quanto una volta evaporato non rimane traccia.
    No, non ti fidare delle bottigliette dei mercatini, non sono oli essenziali, ma essenze sintetiche e spesso sono veleni da usare solo per l'ambiente, non è il cao di usarli sulla biancheria che viene a contatto con la pelle.
    Se fai una ricerca online puoi trovare dei punti di riferimento per acquistare gli oli essenziali, magari fouri dall'Italia, da noi hanno prezzi proibitivi.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  40. Ho fatto una ricerca online è vero costano davvero la metà.
    Ti ringrazio
    Ciao Licia ;)

    RispondiElimina
  41. Buon pomegg. uso da quasi 20anni l aceto per le pulizie di casa ( Piastrelle, pavimenti in ceramica,vetri,pentole ,lavatrice ecc...)e mi trovo BENISSIMO!)per quanto riguarda la mancanza di profumo sulla biancheria io è da tempo che sono uscita da questo problema. TUTTO DEVE PROFUMARE DI ODORI DI NATURALE!Per quanto riguarda il profumo per gli ambienti è già sufficiente l odore del cucinato! Ciao da MARY.

    RispondiElimina
  42. Ovviamente Mary non posso essere che d'accordo con te, ma bisogna capire che chi si avvicina ora all'uso di prodotti naturali proviene da un mondo dove i profumi artificiali hanno ormai alterato l'olfatto. Prima che si possa riuscire ad appropriarsi dei veri profumi naturali deve passare un po' di tempo, è come disassuefarsi da qualche droga. Purtroppo questo è il prezzo da pagare per quello che ci ha regalato l'industria!
    Veggie

    RispondiElimina
  43. Si è vero,siamo in mano a dei delinguenti! spero che mia accetta i miei consigli già da adesso(ha 20anni)piano piano ci riuscirò ci tengo molto! GRAZIE Veggie!

    RispondiElimina
  44. Ma se l'aceto è così corrosivo per le tubature della lavatrice allora io dovrei ritrovarmi con lo stomaco, esofago ed intestino bucherellati considerando che tutti i giorni mangio un piattone di insalata di stagione ben condita con aceto e olio e ne faccio uso sin da quando ero bimbetta che vivevo in Svizzera dove si comincia un pasto sempre con un piatto di insalata! Devo andare da un tubista o da un medico a farmi controllare???? ahahahahah
    Scusate l'ironia, ma questa storia dell'aceto mi fa veramente ridere.....mi piacerebbe sapere chi ha divulgato una notizia del genere ;-)
    Lalla

    RispondiElimina
  45. Ciao Veggie, una curiosità, ma tu l'aceto lo metti prima di avviare la lavatrice oppure aspetti un po'. Te lo chiedo perchè io lo metto quando carico la lavatrice, giusto prima di avviare il lavaggio ma noto che la lavatrice me lo prende subito sebbene lo metta nello scomparto specifico per l'ammorbidente...Tu come fai?
    Grazie! Un saluto,
    Serena

    RispondiElimina
  46. Io lo metto subito in fase di avvio, la lavatrice dovrebbe prenderlo dalla vaschetta solo nell'ultima fase.
    Ho notato che a volte quando la vaschetta è sporca quando la lavatrice raccoglie l'acqua può finire anche nella vachetta dell'ammorbidente costringendola a svuotarsi, quindi prova a smontarla e vedere se ci sono delle ostruzioni o qualcosa che ostacola il normale scorrimento dell'acqua.
    Fai anche a ttenzione a versare l'aceto nella vaschetta giusta, le vaschette piccole sono 2, una è per l'ammorbidente e l'altra è per contenere una quantità di sapone extra quando si fanno prelavaggi. Nella vaschetta del prelavaggio l'acqua sxcorre da subito.
    U'altra possibile causa che mi viene in mente è il riempimento eccessivo della vaschetta, fai attenzione a non superare il livello consigliato, perché anche in questo casola vaschetta viene svuotata prima.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  47. Ciao Veggie e buon anno! Sto rivedendo alcuni tuoi post sull'utilizzo dell'aceto, del quale sono ormai diventata una fan. Ho iniziato, con qualche titubanza, la scorsa primavera ad usarlo e il risultato è stato che il flacone dell'ammorbidente è rimasto relegato in fondo al ripiano... Intanto, per me che non ho un locale lavanderia e lavo spesso di sera, il primo piacevole effetto è stato di non sentire più in casa quell'odore per me sempre un po'fastidioso e irritante, per quanto ne usassi pochissimo.
    Come hai detto tu, ci vogliono un po' di lavaggi prima che la biancheria si "liberi" dalla patina. I risultati più immediati sono stati con biancheria intima e magliette in microfibra, praticamente rinate quasi a nuovo, e soprattutto non ho più attacchi di prurito alla schiena! Le spugne ancor oggi non mi vengono molto morbide (forse perchè sono un po' vecchiotte)ma finalmente gli asciugamani asciugano senza doverli sfregare sulla pelle. Anch'io avevo notato che dopo l'utilizzo da umidi a volte avevano un odore non molto gradevole ma ho pensato che dipendesse dal detersivo utilizzato, il cui odore non viene più coperto. Comunque da un po', nella vaschetta del detersivo, onde usarne meno visto che sono ancora a quelli della grande distribuzione, metto un po' di bicarbonato quando utilizzo quello liquido, e della soda (carbonato)quando uso quello in polvere, e mi sembra che l'accorgimento abbia effetto anche sui cattivi odori. Presto proverò a preparare il tuo detersivo senza sapone. Grazie per i tuoi consigli. Mariagrazia

    RispondiElimina
  48. Ciao Mariagrazia, perché non inizi ad usare la crema di sapone come sostituto del detersivo?
    La ricetta la trovi qui:
    http://www.lareginadelsapone.com/2010/09/crema-di-sapone-per-lavatrice.html
    A presto Ciao
    Veggie

    RispondiElimina
  49. Mah, mi sembra che ci voglia un po' di tempo per prepararla...però un fine settimana in cui posso stare tranquilla per conto mio ci proverò...ho pure preso il sapone alga... (devo invece ancora andare alla ricerca dei contenitori)insomma le buone intenzioni di cominciare a fare qualche preparato ci sono...speriamo che non restino solo tali! Buona serata. Mariagrazia

    RispondiElimina
  50. Questo è un blog interessantissimo. Grazie Veggie!

    RispondiElimina
  51. il tuo blog è incredibile. una delle meraviglie del mondo sano e solidale.
    grazie Veggie. perchè ti condividi senza risparmiare sapienza e attenzione.

    RispondiElimina
  52. salve sono appena approdata e proverò ad usare l'aceto convinta che non rimarrò delusa, volevo chiedere una cosa io ho comprato il conservante e la vitamina e potete darmi una ricetta facile per una crema per il viso, grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le sto preparando, appena sono pronte le pubblico.
      Ciao Veggie

      Elimina
  53. grazie Veggie.angela66

    RispondiElimina
  54. Ciao Veggie, vorrei provare pure io l'aceto nella lavatrice, ma purtroppo io ho la vaschetta dell' ammorbidente rotta,per questo ora uso detersivi con ammorbidente incorporato, come posso fare per poter usare ugualmente l'aceto???Grazie Katia

    RispondiElimina
  55. una domanda l aceto va bene anche sulla biancheria quindi sui tessuti bianchi perche o notato che li da un colore piu scuro quasi rigio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'aceto non colora la biancheria, a meno che non si usi aceto di vino rosso...
      Forse l'effetto ingrigito potresti vederlo se hia smesso di usare detersivi industriali che contengono nella composizione "sbiancanti ottici" che danno l'illusione di un bianco e un riflesso di luce inesistente.
      Ciao Veggie

      Elimina
    2. Ciao,i miei suoceri fanno l'aceto con gli scarti del vino (e quindi anche quello rosso) posso usare quello x ammorbidente? Inoltre,posso profumarlo con i fiori di lavanda? E visto che è più forte rispetto agli aceti commerciali ne devo usare la stessa quantità?

      Elimina
    3. Se l'aceto viene rosso ho paura che possa tingere il bucato, magari usalo solo per i capi scuri.
      Sì puoi nettere i fiori di lavanda nell'aceto, segui le indicazioni di questo articolo: http://www.lareginadelsapone.com/2010/04/aceto-ai-fiori-di-acacia.html
      Ciao Veggie

      Elimina
  56. lo sto usando da qualche mese e mi trovo benissimo.grazie a te ho scoprto anche questo!ti ringrazio per quello che publichi per noi.sei fantastica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Toi ringrazio mia cara, il blog e il resto mi impegnano molto, ma ricevo molte soddisfazioni in cambio. Persone come te che apprezzano il mio intento.
      A presto Veggie

      Elimina
  57. Buongiorno Veggie, mio figlio ha una dermatite su schiena e pancia e voglio assolutamente cambiare i detersivi e ammorbidenti. Inizio con l'aceto come ammorbidente ma io ho la lavatrice con carica dall'alto e quando riempio le vaschette del detersivo e dell'ammorbidente, in fase di chiusura del coperchio, mi sa che l'aceto verra' disperso con il detersivo. Come faccio? Lo aggiungo nella fase finale? E quando?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Finora come hai fatto con l'ammorbidente?
      Se c'è la vaschetta dell'ammorbidente non è possobile che vengano scaricati insieme detersivo e ammorbidente, comuqnue per sicurezza puoi metterlo nell'ultimo risciacquo.
      Aspetti prima che la lavatrice risciacqui il bucato poi nell'ultima fase lo aggiungi.
      Rimango comunque dell'idea che un modo deve esserci per mettere tutto dall'inizio senza che si misceli tutto.
      Ciao Veggie

      Elimina
    2. Grazie Veggie, oggi faccio la prova mettendoli entrambi fin dall'inizio. Vedremo...
      Ciao.
      Erika

      Elimina
  58. Ciao Veggie!
    mi sono iscritta da poco a questo blog e lo trovo veramente interessante! E' da molti anni che ho rinunciato ai detersivi tradizionali documentandomi un po' ovunque e per quanto riguarda l'aceto volevo confermare che è ottimo come ammorbidente e anticalcare!...e ho avuto l'approvazione di un idraulico che mi ha anche consigliato di metterne un bicchiere nel cestello vuoto della lavatrice una volta al mese, attivare il programma con temperatura massima e scaricare l'acqua prima della centrifuga...tutto ciò per pulire la lavatrice dal calcare! quindi l'aceto non rovina la lavatrice...anzi! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Erika per questa tua testimonianza!
      Purtroppo girano delle cattive informazioni a riguardo, anch'io sono testimone del fatto che l'aceto non rovini la lavatrice, visto che lo uso da oltre 10 anni...
      A presto Veggie

      Elimina
  59. Ciao Veggie, sono un maschietto separato e perciò ora alle prese anche con il bucato. Ho provato ad utilizzare l'aceto come ammorbidente e dopo una decina di lavaggi non ho ancora notato l'effetto ammorbidente che immaginavo. Credo di aver seguito alla lettera i tuoi consigli, compresi gli oli essenziali. Dove potrei sbagliare? Ad ogni modo qui ne approfitto per chiederti se ci sono rimedi per far tornare bianchi i capi ingrigiti e quali consigli puoi darmi in generale per un lavaggio (in lavatrice s'intende) che mi lasci i capi morbidi, profumati e soprattutto puliti. A proposito di quest'ultimo aspetto (puliti) mi chiedo, ma a cosa serve il detersivo se poi per smacchiare ci vuole lo scioglimacchia e poi lo sbiancante e poi tanto altro ancora? Mi rendo conto che é tutto un vergognoso business, per cui mi aspetto un sano consiglio.
    Grazie.
    Bruno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bruno per quanto ci sarebbe da dire ne ho scritto un libro, solo per lavare correttamente la biancheria in modo naturale!
      Quindi non è facile qui in 2 righe speigare tutto..
      Per ammorbidire se l'aceto è insufficiente puoi metterne di più oppure passare alla soluzione di acido citrico, o forse il bucato ha bisogno di un risciacquo di più, non saprei...
      Bisognerebbe analizzare il tipo di detersivo che usi e conoscere la durezza dell'acqua della tua zona. Molti fattori influenzano la morbidezza del bucato.
      Per sbiancare puoi usare il percarbonato di sodio (non il perborato che è inquinante) oppure l'acqua ossigenata 130° che trovi descritta in questo articolo: http://www.lareginadelsapone.com/2010/09/acqua-ossigenata-come-candeggina.html.
      In ogni caso qualsiasi cosa si usi per lavare, alcune macchie richiedono un trattamento pre-lavaggio perché in fase di lavaggio il detersivo è diluito in acqua quindi pulisce, ma non ce la fa a raggiungere il cuore delle fibre. Pretrattando le macchie e usando prodotti concentrati direttamente dove serve, la rimozione è facilitata.
      Se vuoi passare al sapone naturale trovi tutti i consigli e i procedimenti nel mio libro SAPONI E DETERSIVI NATURALI ed. Arianna Editrice
      Ciao Veggie

      Elimina
    2. Ciao, posso permettermi di aggiungere una cosa? Da un anno oramai uso il detersivo per i piatti sulle macchie grasse. Bagno la macchia con qualche goccia d'acqua (altrimenti perdi la forma della macchia), sopra ci metto qualche goccia di detersivo per i piatti(qualche goccia mi raccomando, poi ci farai l'occhio), strofino appena, lascio agire da qualche minuto o un'ora a seconda se la macchia e' fresca o no, e poi metto il capo in lavatrice con il lavaggio abituale. Il 90% delle volte il capo e' perfetto. Da qualche mese, grazie a questo meravilgioso sito, ho scoperto il mondo dell'ecologico e ho cosi' comprato un detersivo per i piatti eco, non l'avrei mai detto, ma e' persino meglio della marca che usavo prima (lo uso diluito anche per lavare il gas e vedessi come e' bello lucido quando finisco, oramai non uso quasi piu' nemmeno l'aceto,lo uso solo quando faccio i fritti, perche' finisce di sgrassare per bene e leva l'odore del fritto ;-))
      Bon, spero di essere stata utile, ma soprattutto spero di non essere stata invadente.
      Maura

      Elimina
  60. ciao Veggie, anch'io ho la lavatrice con la carica dall'alto ed ho la stessa paura di Erika. Ma non c'è qualcuno che sappia con certezza che detersivo ed ammorbidente non si immischino???? altrimenti idea!! per il detersivo utilizzerò la pallina all'interno del cestello e l'aceto lo metterò nell'apposita vaschetta all'esterno Potrebbe andare no???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ne sono sicura,, dipende se la vaschetta a cui fai rifrimento è quella per l'ammorbidente o per il detersivo. In questo secondo caso il contenuto si vuoterebbe in fase di lavaggio e non nell'ultimo risciacquo.
      Ciao Veggie

      Elimina
  61. Ciao Veggie, complimenti per il libro, ieri ho fatto il mio primo sapone, que bello!!!!
    io normalmente non uso ammorbidente, perche sinceramente mi vengono morbidi senza nulla, ma siccome avevo un po' di mele e pere da buttare, ho aproffitato è li ho messo a macerare in acqua e zucchero.
    mi piacerebbe sapere se hai intenzione de scrivere un libro dedicato ai saponi, creme e prodotti per l'igiene personale.
    saluti. Marta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Marta, un secondo libro è già in lavorazione, nel senso che lo sto scrivendo e tratterà saponi per l'igiene personale.
      Ciao Veggie

      Elimina
  62. evviva l'aceto non credevo davvero che i miei vecchi e nuovi asciugamani tornassero morbidi (usavo ammorbidenti ecologici ma nessun risultato, nemmeno profumati) ora sono contenta ed aggiungo un qualsiasi olio essenziale che ho da un pò e mi trovo bene. Grazie

    RispondiElimina
  63. Veggie,
    sono oramai diventata dipendente dell'aceto, lo uso per tutta la casa, io che ero una varichinadipendente sono finalmente riuscita a convertirmi al pulito eco. Oramai nella mia cassettina dei detersivi ho solo aceto, bicarbonato, detersivo per piatti (che uso per tantissime cose), i cristalli di soda (credo si chiamino cosi' in italiano) olio essenziale di tea tree e limone (non amo particolarmente l'odore di tea tree oil, cosi' lo mischio, faccio male?). Sto aspettando di finire il mio detersivo per la lavatrice per comprarne uno bio, spero di restare piacevolmente sorpresa anche con questo. Adoro il tuo sito e ne sono diventata praticamente dipendente e anche se non riesco a fare tutto mi piace prendere ispirazione.
    Grazie per il tuo impegno.
    Maura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no, figurati Maura..
      Io e tutti i saponai del mio gruppo di sapone non usiamo il detersivo per i piatti perché non c'è nulla di più efficace del sapone di Marsiglia autoprodotto per le macchie!
      Non puoi immaginare cosa riesce a togliere senza sforzo, semplicemente applicandolo sulle macchie del tempo prima di mettere in lavatrice.
      Ciao Veggie

      Elimina
  64. Ciao, mi chiamo Paola e uso l'aceto di vino da un po' al posto dell'ammorbidente e mi sembra di seguire le indicazioni che ritrovo anche qui nel tuo blog. Credo però di avere un problema un po' impopolare (non ne trovo riscontro nelle vostre testimonianze): i capi non escono granchè ammorbiditi e direi che dopo l'asciugatura sembra soltanto che mi sia dimenticata l'ammorbidente da quanto sono secchi. Dove sbaglio? Grazie. Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci possono essere diverse ragioni..
      La più frequente è quella di avere un'acqua molto dura, quindi la quantità di aceto è insufficiente e bisogna aumentare il dosaggio.
      Un'altra può essere il tipo di detersivo che si usa (i detersivi industriali contengono sale che indurisce la biancheria).
      Un'altra ragione potrebbe essere che la lavatrice non risciacqua bene il bucato, purtroppo le lavatrici moderne usano poca acqua sia in fase di lavaggio che in fase di risciacquo, così è facile che il detersivo rimanga imprigionato tra le fibre conferendo durezza.
      Ti consiglierei di provare a fare un risciacquo in più al bucato e di verificare se ci sono delle differenze.
      Ciao Veggie

      Elimina
  65. Domanda un po' scema: ma secondo te, i fiori tipo lavanda, o i petali di rosa ecc... si possono comprare da qualche parte? perchè non avendo il giardino e senza balcone non ho idea di come trovarli. Si accettano idee e consigli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alcuni fiori secchi si acquistano tranquillamente in erboristeria, perché hanno proprietà medicamentose oltre che profumare, la lavanda per esempio la trovi facilmente in tutte le erboristerie, ma anche i petali e i boccioli di rosa. Hanno solo lo svantaggio di essere un po' costosi.
      Ciao Veggie

      Elimina
    2. Ho trovato alcune notizie in merito navigando in rete, cosa ne pensi?

      1) http://www.madel.net/

      2) http://www.spesacritica.com/2011/11/17/detersivi-biodegradabili-ed-ecologici-winnis

      A dopo, grazie!
      Bruno

      Elimina
  66. OGGI AL SUPERMERCATO HO VISTO DEI PRODOTTO "ECO" SOLONATURA.
    SI DICHIARANO "COMPLETAMENTE BIODEGRADABILI E PRODOTTI CON MATERIE PRIME DI ORIGINE VEGETALE".
    SI TRATTA DI LIQUIDO PER LAVATRICE, LIQUIDO CONCENTRATO PER PIATTI E AMMORBIDENTE CONCENTRATO, TUTTI CON EVIDENZIATO "NICHEL TESTED - IPOALLERGENICO".
    EBBENE, ANCOR PRIMA DI AVVENTURARMI IN UN ACQUISTO DEL GENERE, SICCOME IN QUESTA GIUNGLA DI PROPOSTE NON CI STO CAPENDO PIù NULLA E SOPRATTUTTO NON MI FIDO PIù DI NESSUNO, VOLEVO SAPERE QUAL'è IL TUO PENSIERO A RIGUARDO?
    GRAZIE. BRUNO.

    RispondiElimina
  67. MI SCUSO PER QUALCHE ERRORE DI BATTITURA DOVUTO ALLA VELOCITà. GRAZIE.
    BRUNO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Premesso che non credo nel modo più assoluto che in un supermercato si possa trovare un prodotto completamente naturale (non si trovano neanche nei negozi specializzati a caro prezzo figurati!).. per fugare ogni dubbio è necessario l'INCI, non si sa mai..
      Dovresti cercare on line se trovi il sito della casa produttrice con tutti i componenti del prodotto e poi verifichiamo.
      Ciao Veggie

      Elimina
    2. Volevo comunque precisare che la mia curiosità verso questi prodotti è rivolto in particolare verso l'ammorbidente, in quanto volevo sapere se era il caso di utilizzarlo al posto dell'aceto.

      Volevo anche esporti un mio problema riguardo la profumazione della biancheria. Non che questa abbia cattivo odore o che si senta di aceto, questo no, ma mi piacerebbe che profumasse e con l'olio essenziale alla vaniglia che ho acquistato ciò non avviene.
      Puoi suggerirmi un modo economico per risolverlo.

      Grazie ancora.
      Ciao, Bruno.

      Elimina
    3. Non saprei... i saponi Winnis so per certo che non sono completamente naturali dalle composizioni che ho letto qua e là, i detergenti sono sempre detergenti, che non hanno nulla a che fare con i saponi. I detergenti sono sempre di origine petrolchimica anche se hanno qualche ingrediente di origine vegetale e comunque come si dice nell'articolo per accedere all'INCI bisogna prima acquistare e questa non è una bella cosa.
      Ciao Veggie
      Veggie

      Elimina
    4. Gli oli essenziali sono volatili, non permangono a lungo sulla biancheria, puoi acquistare delle fragranze per cosmetica-saponi che sono adatte per venire a contatto con la pelle. Certo non sono biodegradabili... ma sono sempre meglio degli ammorbidenti in commercio.
      Ciao Veggie

      Elimina
  68. Ti ringrazio per la pazienza e per le preziose informazioni; puoi dirmi dove posso acquistarle e cosa devo chiedere al negoziante?
    Un caro saluto
    Bruno

    RispondiElimina
  69. Ciao veggie io sto usando l'aceto già. Da un pó. Ma i miei capi non sono morbidi, continuo ad insistere però niente, rimamgono quasi rigidi. Inoltre mi capita che rimanga odore tipo muffa dopo asciutti, lo odio! Io uso solo sspone alga lkquido (tratto dal tu articolo), percarbonato e bicarbonato, ogni lavaggio. Ho provato anch ad aggiungere olio eucalipto alla vaschetta ammorbidente ma il profuml non si sente. Qui l'acqua è molto dura, non l'ho mai analizzata ma contiene tantl tanto calcare. Come posso risolvere? La vaschetta ammorbidente la riempo tutta quindi non saprei come aumentare le dosi e per il profumo forse uso un olio ess. di scarsa qualità?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli oli essenziali purtroppo sono volatili quindi non è questione di qualità.
      Se l'aceto non è sufficiente puoi passare alla soluzione di acido citrico che ti consente concentrazioni superiori, ma prima prova a fare un risciacquo in più al bucato, le lavatrici moderne non risciacquano bene. Se poi non risolvi passa all'acido citrico, oppure rinforza l'aceto sciogliendo un paio di cucchiai di acido citrico nella bottiglia.
      Ciao Veggie

      Elimina
    2. Grazie mille veggie, sempre veloce e utile nelle risposte! Proverò il doppio risciacquo anche se non mi piace usare acqua in più se penso a chi ha ben altri problemi che il bucato poco morbido...comunque ho anche visto che c'era dell'acqua stagnante con relativa muffa quindi ho fatto una bella disinfettata con aceto, bicarbonato e dopo acqua ossigenata, spero di aver ucciso qualsiasi forma di batterio!!! L'acido citrico lo sto ancora cercando mi sa che mi dovrò arrendere e prenderlo on line. Domani faró il mko primo sapone di Marsiglia autoprodotto (ti dissi già in un altro post che mi ero cimentata nel mio primo sapone in assoluto con olio di oliva,ricino,karité la forma lascia a desiderare ma spero faccia il suo dovere) dirò definitivamente addio al detersivo!!! Grazie grazie grazie!

      Elimina
  70. Ciao! Volevo anche io chiederti una cosa... E' possibile che l'aceto macchi gli indumenti scuri? Non so come, ma ho trovato 2 paia di pantaloni a macchie e solo quelli in tutto il bucato! Mi sa che ho combinato qualcosa che non funziona... Grazie e complimenti per il tuo blog e per il libro che ho già acquistato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, assolutamente no. L'unica cosa che potresti aver fatto di sbagliato è mettere gli oli essenziali a contatto diretto con la biancheria (se ne hai messi), altrimenti le macchie hanno un'altra origine.
      Ciao Veggie

      Elimina
  71. Grazie per i tuoi consigli ho ripreso il tuo articolo per le mie donnee ti ho pagato un caffè virtuale http://romantici-ciafanagli.blogspot.it/

    RispondiElimina
  72. sono curiosa ma non ho molto tempo e non leggerò tutti gli attuali 98commenti. solo x dire che il mio compagno usa SEMPRE l'ammorbidente e io non riesco a sentirmi asciutta con quegli asciugamani viscidi. lui non se ne accorge, ma io sento una patina sulle spugne, e le lenzuola a mio avviso sono scivolose/untuose.
    a casa mia mamma l'ammorbidente lo usa solo qke volta, a periodi. anzi molto spesso non lo usa affatto. ho provato un periodo l'aceto, ma c'è forse sembrato troppo costoso, e anche quello è stato eliminato.
    non sento profumo di ammorbidente, in nessun caso, e nemmeno odore di aceto, quando lo uso, anche se a me piace parecchio l'odore di aceto ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti l'ammorbidente lascia una patina unta sulla biancheria, la tua sensazione è reale.
      Ciao Veggie

      Elimina
    2. grazie veggie........ sono entusiasta.... leggo i tuoi consigli e mi rendo conto di quanto ho sbagliato nell'usare i detersivi e gli ammorbidenti in tutti questi anni.... voglio cominciare a pulirmi, nel vero senso della parola, da tutto ciò che è industriale e comincierò dall'ammorbidente per poi passare a tutto il resto...... non sarà semplice, lavorando, ma farò di tutto per riuscirci......ho iniziato con l'alimentazione grazie all'aquisto del Bimby che mi permette di mangiare in maniera molto più naturale es. il dado che ne usavo in quantità industriale(e sappiamo tutti come è fatto quello che si acquista) ed ora che lo faccio io è tutto un'altra cosa......... ti ringrazio ancora e ti seguiro affettuosamente gina

      Elimina
    3. Bene! Eliminare l'ammorbidente è già un primo passo importante, vedrai che un po' alla volta riuscirai a modificare un po' tutto senza sforzi eccessivi.
      A presto Veggie

      Elimina
  73. interessanti i consigli,si può preparare un flacone da recupero con aceto diluito con acqua e oli essenziali?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non capisco la necessità di diluire l'aceto, perché?
      Per quanto riguarda gli oli essenziali è preferibile metterli direttamente nella vaschetta dell'ammorbidente, perché se li metti nell'aceto non si scioglieranno.
      Ciao Veggie

      Elimina
  74. Ciao Veggie mi potresti dire se posso utilizzare, come e in quali quantità l'aceto per i maglioni di lana lavati a mano? e poi scusa l'ignoranza, ma dove posso comprare gli olii essenziali...? Sono appena andato a vivere da solo e ho una certa sensibilità nei confronti dell'ambiente, vorrei fare del male il meno possibile al mondo dei miei figli. Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì puoi mettere un paio di cucchiai di aceto nell'acqua dell'ultimo risciacquo dei maglioni, meglio evitare gli oli essenziali per i capi lavati a mano.
      Comunque puoi trovarli principalmente in erboristeria.
      Ciao Veggie

      Elimina
    2. Grazie Veggie!!!

      Elimina
  75. Invece per asciugare le robbe in casa pensate che l'odore dell'aceto puo dare fastidio? Forse e' meglio l'acido citrico?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio no, in inverno quando piove e purtroppo non è possibile asciugare al sole siamo costretti a stare in casa con lo stendino, se la biancheria si asciuga velocemente, cioè se non si lascia all'acqua il tempo di ristagnare sui tessuti, l'aceto non si sentirà comunque. Non mi è mai successo di indossare un capo con l'odore di aceto.
      Ciao Veggie

      Elimina
  76. Ciao,Veggie! sono caduta nel tuo blog cercando ricette con la pasta madre...questa scoperta del aceto mi è capitata 6 mesi fa leggendo un'altro blog,ho iniziato a usarlo e voilà,mai più ammorbidente.Metto 5 gocce di essenza che pago 11 euro a bottiglietta...mi serve per quasi 3 mesi lavando 4 volte a settimana,ma la qualità del bucato mi ripaga la spesa:oggi ho provato usare soltanto l'aceto e il bucato p venuto ottimo,l'odore del aceto va via quando inizia ad asciugarsi tutto.
    Complimenti per il blog,darò una sbirciata più profonda un altro giorno...Ana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene, sono felice che stia trovando bene con la'ceto, non sai quanto bene stai facendo a te stessa e alla tua famiglia, gli ammorbidentio sono veleni!
      Alle volte non servono cose complicate per ottenere risultati soddisfacenti.
      A presto Veggie

      Elimina
  77. Riempendo lo scomparto per l'ammorbidente al massimo di aceto i capi mi vengono secchi, cosa che non avveniva quando mettevo un bicchiere con 2\3 di aceto e 1\3 d'acqua nello scomparto del detersivo prima del detersivo. Quant'è la quantità di solo aceto da mettere eventualmente?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so che detersivo usi, comunque non si può utilizzare l'aceto insieme al sapone.
      Prova a fare un risciacquo in più alla biancheria, purtroppo le lavatrici moderne lavano e risciacquano con poca acqua e il detergente rimane spesso sulla biancheria.
      Ciao Veggie

      Elimina
  78. ciao, sto incominciando ora a usare l'aceto, pero volevo chiederti se usato alla lunga potrebbe sbiadire i colori delicati. Ho visto che molti parlano di bicarbonato, ma il bicarbonato non ha effetto sbiancante? grazie a presto

    RispondiElimina
  79. Assolutamente no, l'aceto è anche di aiuto per fissarli i colori.
    Il bicarbonato non ammorbidisce la biancheria, puoi metterlo insieme al sapone in fase di lavaggio, l'aceto invece solo all'ultimo risciacquo perché porterà via i residui dei detersivi.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  80. ciao veggie, sono veramente contento di aver trovato questo sito, mi sa tanto che comprerò anche il libro.
    ti volevo fare una domanda, sono abituato a mettere ad ogni lavaggio circa 75 cl di candeggina delicata oppure napisan liquido per igenizzare meglio il bucato.
    io li utilizzo anche per lavaggi di colori o tessuti delicati, in quanto visto che non sono dei disinfettanti(presidi medico chirurgici) ma dei normali igenizzanti delicati, non dovrebbero alterare i tessuti e i colori.
    hai dei consigli su cosa usare in alternativa?
    potrebbe bastare l'aceto nella vaschetta dell'ammorbidente per avere oltre all'azione ammorbidente anche quella igenizzante?
    ma in che dose per carichi di 2-3kg e per carichi da 4-5 kg.
    ti ringrazio per avermi fatto conoscere queste alternativa bio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, premesso che nel lòibro troverai tutto quello che serve per sostituire i prodotti industriali, così inquinanti e dannosi per la pelle, tra cui anche un sostituto ecologico della candeggina delicata.
      Per disinfettare puoi usare l'olio essenziale di tea tree, ne metti 7-10 gocce ad ogni lavaggio.
      Mettile di volta in volta nel detersivo già dosato Liquido o in polvere) e poi avvia il lavaggio che hai scelto.
      Rimarrà sul bucato un piacevole profumo che dà proprio l'idea dipulito e igienizzato.
      Ciao Veggie

      Elimina
    2. ciao veggie, finalmente mi è arrivato il tuo libro e sto incominciando a sfogliarlo ora. ho visto la tua ricetta per creare la candeggina delicata e voglio provare subito la ricetta, ma te cosa mi consigli la tua candeggina delicata oppure come mi hai scritto le gocce di tea tree? ho solo incominciato ora a leggere il libro ma non mi sembra di trovare nulla riguardo al tea tree per il bucato.
      ti volevo chiedre anche un altra cosa, ho visto che ci sono più ricette come additivi da aggiungere al sapone, c'è quello forte, quello delicato ecc. ma sono da aggiungere solo in caso di utilizzo di saponi fatti in casa? sai ancora uso il mio lip... un passo per volta :-)
      grazie 1000 veggie

      Elimina
    3. Non possiamo discutere le ricette del libro qui, pubblicamente, per favore iscriviti al gruppo:
      http://it.groups.yahoo.com/group/sapone_e_autoproduzioni/
      così possiamo entrare in più particolari.
      In ogni caso tutto quello che viene descritto nel libro è in riferimento al sapone naturale, in quanto lo scopo è di abbandonare completamente i detersivi industriali
      Grazie
      Veggie

      Elimina
    4. ok veggie scusami ma non lo sapevo, appena ho 2 minuti mi iscrivo subito al gruppo, ma puoi almeno dirmi se come igenizzante per delicati è meglio la candeggina naturale ho le gogge di tea tree, grazie

      Elimina
    5. Metti il tea tree, andrà bene sempre.
      Ciao Veggie

      Elimina
  81. Grazie e questo blog sto facendo la mia prima lavatrice ecologica. Era da diverso tempo che non ero soddisfatta dei risultati del lavaggio (odori sgradevoli). A me non interessa il grande profumo, anzi, mi dà quasi noia, mi interessa che siano realmente puliti e che non sappiano di muffa-sudore-&co. Grazie per le preziose informazioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per aver raccontato la tua esperienza, sarà senz'altro da stimolo per altri.
      Cioa Veggie

      Elimina
  82. Ciao Veggie, è da questa estate che sto utilizzando l'aceto di vino al posto dell'ammorbidente. Premetto che al momento sto utilizzando come detersivo un normale detersivo acquistato al supermercato che presto sostituirò con uno autoprodotto più ecologico. Comunque, volevo sapere una cosa: da quando uso l'aceto ho notato che il cestello della lavatrice ha un cattivo odore. C'è un nesso tra le due cose? Come posso risolvere? Grazie mille!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potrebbe dipendere dalla combinazione detersivo industriale-aceto, usando saponi autoprodotti questo non succede.
      Prova a fare saltuariamente dei lavaggi a vuoto con un po' di bicarbonato.
      Prendi l'abitudine di lasciare nella lavatrice una spugnetta con qualche goccia di olio essenziale di limone o se non ti disturba il tipo di odore con tea tree.
      Ciao Veggie

      Elimina
  83. ciao,
    ho un grande problema... io ho cominciato da poco tempo ad usare l'aceto come ammorbidente, ma la mia lavatrice lo prende già al primo carico carico di acqua insieme al detersivo cosa che non succede con l'ammorbidente ? e' un problema questo o va bene lo stesso? altrimenti come posso risolvere?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì è un grosso problema, perché non si deve conbinare con il detersivo, soprattutto se si tratta di sapone.
      Ti conviene non metterlo nella vaschetta dell'ammorbidente ed evetualmente aggiungerlo nell'ultimo risciacquo versandolo direttamente nella vaschetta mentre la macchina carica l'acqua.
      Ciao Veggie

      Elimina
  84. ciao, sono una "novellina". era da tanto che cercavo il modo di utilizzare detersivi ecologici e grazie ai tuoi consigli ho appena lavato il rivestimento del divano con aceto e olio essenziale di lavanda al posto dell'ammorbidente. è stato un successo! il tessuto è pulito, morbido e profumato e il colore è brillante. prossimo step sarà provare a fare la crema di sapone. Grazie e a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava! Vedrai ti sorprenderà!
      A presto
      Veggie

      Elimina
  85. Ciao. Vorrei sapere se posso mettere in asciugatrice i panni che ho lavato in lavatrice e trattato con aceto al posto dell'ammorbidente. In inverno li asciugo cosi'.... Grazie.

    RispondiElimina
  86. Ciao Veggie, indovina come ho trovato il tuo sito? Cercavo il modo per produrre la candegina, incredibile, no. Invece ho aperto la pagina in cui consigli di usare l'acqua ossigenata a 130 volumi, poi sono passato in questa pagina dove parli dell' aceto, ho letto tutti i post e comincerò subito la sperimentazione, ho proprio un accappatoio duro che solo con alcuni tipi di ammorbidente viene bene, mi sembra di aver capito che la quantità di aceto da aggiungere dipende dalla durezza dell'acqua, per quanto riguarda i cattivi odori che alcuni lamentano credo dipende anche dal fatto che non bisogna lasciare il bucato in lavatrice per ore, ma appena finito bisogna stenderlo subito, ci risentiamo tra qualche settimana e ti farò sapere come è andata. Ciao, Luigi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero Luigi, la biancheria lasciata in lavatrice prende sempre un cattivo odore, meglio stenderla subito e in ambiente aerato.
      Fammi sapere come ti trovi con l'aceto.
      Ciao Veggie

      Elimina
  87. ciao, innanzitutto complimenti per il tuo sito, che è davvero interessantissimo!!! e poi vorrei chiederti un consiglio: posso usare mezzo bicchiere di aceto insieme al detersivo liquido per lavatrice quando lavo i panni scuri? Alcuni dicono di no...altri di si...e non so a chi dar retta!!! mezzo bicchiere di aceto lo uso come ammorbidente, perchè su questo non ho dubbi....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La risposta certa è no!
      L'eceto è acido e crea un ambiente acido, non è quello che serve per detergere in fase di lavaggio, anzi indebolisce l'azione del detergente.
      Nel caso del sapone naturale poi è assolutamente da evitare!
      Il sapone ha pH basico e reagisce con l'aceto il quale riesce persino a smontarlo liberando olio, praticamente il nemico dei lavaggi!!!
      Se vuoi usare l'aceto per fissare i colori dei capi scuri, prima fai risciacquare bene la biancheria, eliminando completamente i detergenti, poi fai un lavaggio breve aggiungendo l'aceto.
      Ciao Veggie

      Elimina
  88. Ciao! Innanzitutto complimenti per il sito! Ho da poco iniziato ad interessarmi ai lavaggi naturali e qui ho trovato una fonte inestimabile di informazioni! Vorrei chiederti un consiglio: è possibile profumare l'aceto con i complessi per diffusori a base di olii essenziali oppure è meglio utilizzare l'olio essenziale puro? Il mio compagno adora la biancheria molto profumata e il semplice odore di pulito non lo soddisfa, per cui sto cercando una soluzione. Grazie milee!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non è possibile proprio perché si tratta di profumazioni per ambienti.
      Devi considerare che la biancheria si indossa e potrebbero dare allergie.
      Puoi cercare invece le fragranze cosmetiche (quelle anche per i saponi), non sono naturali come gli oli essenziali, ma sono cosmetiche quindi mi sembra un buon compromesso per chi non riesce ancora ad abituarsi ai profumi blandi deghlòi oli essenziali.
      Ciao Veggie

      Elimina
  89. ciao Veggie, ti scrivo mentre la mia prima lavatrice con l'aceto sta andando (speriamo che vada tutto bene, + che altro che l'aceto venga "preso" come da programma dopo il lavaggio...)
    volevo chiederti: siccome viaggio quotidianamente in treno ho l'abitudine di aggiungee, ad ogni lavaggio, il disinfettante, che sia napisan o disinfettante non di marca. posso farlo anche se uso aceto, secondo te?
    oppure hai altro eventuale sostituto da consigliarmi?
    ti faccio i complimenti,
    lucy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi fare una scelta radicale ed eliminare tutti i detersivi industriali compreso l'ammorbidente, oppure iniziare da una piccola cosa (che poi tanto piccola non è) e sostituire intanto l'ammorbidente con l'aceto.
      Quindi se hai l'abitudine di usare Napisan la sua azione disinfettante non verrà annullata dall'aceto.
      Veggie

      Elimina
    2. benissimo! mi fai tirare sospiro di sollievo...perchè la prova dell'aceto è andata benissimo, l'odore d aceto, se c'è, non è fortissimo e cmq non mi dispiace (sono strana).
      l'ammorbidente (che purtroppo avevo già acquistato) non verrà rimpiazzato e utilizzerò le tonnellate di lavanda che mia suocera ha a disposizione,...
      per il detersivo mi piacerebbe molto, magari quest'estate proverò a fare quelli che fai tu...il solo problema per me è trovare il tempo di provare...
      il disinfettante era l'unica cosa che mi premeva...purtroppo non riesco a non metterlo...
      grazie ancora!!!!!

      Elimina
  90. Ciao, sono al mio secondo lavaggio con l'aceto come ammorbidente, la prima volta, mi sono venuti morbidi, infatti, ero entusiasta, la seconda volta, mi sono venuti durissimi e rigidi. Io ho messo 100 ml di aceto nella vaschetta dell' ammorbidente, prima dell' avvio del programma, in cosa ho sbagliato? In un sito ho letto, che bisogna diluire due parti di aceto in una di acqua. Forse è questo il punto? Vorrei risolvere il problema perché vorrei continuare ad usare l'aceto come ammorbidente. Grazie .

    RispondiElimina
  91. Inoltre, vorrei sapere se fa differenza mettere l"aceto nella vaschetta appena si avvia il programma, quindi a lavatrice accesa, piuttosto che prima dell' avvio, quindi a lavatrice spenta? Te lo chiedo perché, il primo lavaggio, effettuato con il primo metodo, è stato soddisfacente, mentre, la seconda volta, i capi sono venuti malissimo, forse perché, a lavatrice spenta, l'aceto. scivola via, non essendo controllato dal meccanismo interno dell' elettrodomestico, vanificando il tutto. Chiedo chiarimenti, anche in merito ad un' eventuale diluizione.Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'aceto andrebbe messo nella vaschetta dell'ammorbidente, è ininfluente se messo prima o dopo l'avvio, però capita spesso che quando la lavatrice carica acqua, questa finisce nella vaschetta dell'ammorbidente che quindi viene caricato in macchina in fase di lavaggio e non all'ultimo risciacquo.
      Un altro problema sono i risciacqui, le lavatrici moderne lavano con poca acqua, quindi la biancheria non viene risciacquata bene, questa è una possibile causa della durezza dei tessuti.
      Allora io farei così:
      Non mettere l'aceto nella vaschetta dell'ammorbidete, ma fai un lavaggio normale. Al termine del lavaggio imposta la macchina per un risciacquo extra e a quel punto metti l'aceto nella vaschetta, così è sicuro che non viene a contatto con il detersivo.
      prova a mettere anche meno di 100 ml di aceto, anche 50-70 ml sono spesso sufficienti.
      Non importa se lo metti puro o diluito, tanto quando finisce in lavatrice si diluisce con l'acqua del risciacquo.
      Ciao
      Veggie

      Elimina
  92. il calcolo è questo: nell'aceto di vino (o di altro) c'è il 5% (circa) di acido acetico. Quindi se ne uso 100 ml in realtà avrò usato 5 ml di acido acetico. Se vogliamo fare i conti alla pari diciamo che dovrei confrontare questa quantità con 5 grammi di acido citrico. Uno dei vari problemi che si hanno con l'uso dell'aceto è appunto che di acido ce n'è pochino. In un litro ce ne sono 50 ml. Vorrei che tu riflettessi sulla quantità di imballo che questo genera. Un litro di aceto cioè 50 grammi di acido puro comporta l'utilizzo di una bottiglia di vetro che pesa moltissimo che ha usato una grande quantità di petrolio per essere fabbricata e trasportata. 50 grammi di acido citrico invece costano pochissimo perché li puoi avere in un sacchettino di plastica che peserà pochi grammi, trasporti praticamente solo l'acido. fonte: http://forum.promiseland.it/viewtopic.php?f=2&t=42004&p=359100&hilit=aceto+corrosivo#p351326

    Io (non esperto) penso che gran parte di questo forum preferisca utilizzare l'acido citrico in quanto il suo impatto ambientale è circa 53 volte inferiore a quello dell'acido acetico. In più, per esperienza personale ti posso dire che è troppo corrosivo per le parti metalliche e oltre a rilasciare nell'aria nichel con relative conseguenze allergiche, potrebbe danneggiare i componenti della lavatrice. Nel migliore dei casi il tecnico ti chiede solamente 80€...proprio come è successo a mia madre che non credeva a queste parole. Concludo la mia risposta con quello che il tecnico disse a mia madre:
    Signora, l'aceto lo usi solamente per l'insalata che è molto meglio!!!
    Credo che Fabrizio, nonostante non sia un tecnico della lavatrice, ti dirà esattamente le mie stesse parole!!! :D
    Prova a fare una ricerca sul forum troverai un infinità di post al riguardo
    Credo che quasi tutti i partecipanti a questo forum abbiano letto la tua stessa informazione...e tutti quanti sono rimasti meravigliati (io in primis!!!!!!) quando hanno scoperto, da una fonte super attendibile, che il più diffuso rimedio della nonna e da cestinare!!!
    L'aceto nella lavatrice funziona da sequestrante per i minerali presenti nell'acqua, riducendo quindi l'alcalinità dei tessuti. Ma il suo problema è che essendo molto aggressivo corrode anche le parti metallice\guarnizioni della lavatrice ed è proprio per questo che si opta per la scelta dell'acido citrico, ovvero un'altro acido molto meno aggressivo che non ha nulla da invidiare all'aceto!!! Per non parlare poi dell'impatto ambientale.
    Insomma, dal momento che entrambi svolgono lo stesso compito alla lettera, perchè non scegliere quello preferito dai nostri pesciolini??????
    Quindi, se non ci interessa il lato ecologico, se siamo convinti che non danneggi la lavatrice perchè la nostra nonna\mamma\amica lo usa da una vita con ottimi risultati...possiamo dire che è un ottimo ingrediente da inserire nei nostri lavaggi!!! fonte: http://forum.promiseland.it/viewtopic.php?f=2&t=41440&p=342939&hilit=aceto+e+nichel#p342939

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io uso da ormai 20 anni l'aceto e la lavatrice non ha subito nessun danno te l'assicuro

      Elimina
  93. Riassumo tutto qui:
    uso l'aceto per la lavatrice da 20 anni e la lavatrice è nuovissima.
    Per la mia esperienza personale e quella di tanta altra gente l'aceto non è così aggressivo come dici.
    Il tecnico della lavatrice di cui parli è solo un tecnico della lavatrice.. non ha nessuna competenza in merito, l'aceto non è da cestinare.
    Per persone come me che usano il sapone naturale e non inquinano con i detersivi, l'aceto è la sostanza più approrpiata da usare in fase di risciacquo.
    Tu usi sapone naturale per il bucato? oppure inquini con i finti detersivi ecologici?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Comunque aldilà di tutto, ognuno è libero di pensare come vuole, ma questo è blog, non è un forum di discussioni.
      Le discussioni si fanno altrove.
      Veggie

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  94. Ciao, è da un po' che uso l'aceto come ammorbidente per il bucato in lavatrice, e dopo i tuoi consigli sul suo corretto utilizzo, i capi vengono morbidi, l'unica cosa che mi lascia insoddisfatta è il profumo. Mia suocera dice che i capi puzzano e che quindi la resa del lavaggio è compromessa, per ovviare a questo problema, mi chiedevo se posso profumare l'aceto con l'aggiunta magari di qualche goccia di olio essenziale.
    Io utilizzo 75 ml di aceto (nelle vaschetta dell'ammorbidente), nel secondo ciclo di risciacquo e centrifuga, quante gocce di olio essenziale posso mettere in 75 ml di aceto e che tipo di olio essenziale sarebbe meglio usare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, sì puoi mettere gli oli essenziali, ne puoi aggiungere una decina di gocce versandole nella vaschetta dopo l'aceto.
      Gli oli essenziali in verità non sono molto persistenti, ma alcuni sono più durevoli di altri. Quelli di grumi sono i più volatili, quindi li eviterei, la più indicata è la lavanda. Io metto lavanda e tea tree in parti uguali.
      Questa combinazione mi piace molto.
      Comunque l'odore dell'aceto rimane se non fai asciugare bene all'aria il bucato, tende a rimanere quando si fanno asciugare i panni in casa, se si portano fuori svanisce completamente.
      Ciao
      Veggie

      Elimina
  95. Uso abitualmente l'aceto come ammorbidente, ormai da anni. E' economico, ecologico e perfetto nel risultato. Ora proverò ad aromatizzarlo con oli. Grazie per la dritta ;)

    RispondiElimina
  96. Sono un single poco esperto di lavatrici: ora ho acquistato un morbidissimo accappatoio in "spugna idrofila di puro cotone" ed è successo che al primo lavaggio in lavatrice è diventato ruvido e le fibre, prima lisce, si sono arricciate ed infeltrite.
    Posso provare a ri-lavarlo aggiungendo aceto come si suggerisce qui nel blog oppure è meglio portarlo in lavanderia per vedere se me lo ricuperano ?
    Premesso che programmo la macchina a 40°C ed uso quel sapone per lavatrici di nuovo tipo che si mette direttamente nel cestello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, puoi usare l'aceto come ammorbidente, comunque il problema potrebbe derivare da una quantità eccessiva di detersivo, prova a metterne meno.
      Prova anche a fare un risciacquo in più, le lavatrici moderne risciacquano utilizzando poca acqua, è possibile che la biancheria non si risciacqui bene e rimanga dura per questa ragione.
      Ciao
      Veggie

      Elimina
  97. Salve Veggie cercavo un'alternativa naturale agli antistatici che si usano per TV, computer, stereo, e mi sono imbattuta nel tuo blog.
    Ti faccio i miei complimenti per la ricchezza di informazioni e la chiarezza con cui le esponi: tutto rispecchia la tua filosofia di vita.
    Anche io uso l'aceto come ammorbidente e lo uso tranquillamente anche sulla lana,i maglioni in particolare in cui ho notato anche un'azione disinfeltrente. Mentre sulle maglie intime di lana ho notato che ingialliscono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, non mi risulta che l'aceto ingiallisca le fibre di lana, forse dipende dal tipo di detersivo che usi, forse non viene risciacquato bene, chissà...
      A presto
      Veggie

      Elimina
  98. Se devo usare la candeggina delicata per smacchiare, posso fare un lavaggio con detersivo da una parte, aceto nel comparto ammorbidente e candeggina delicata (o direttamente sui panni o dopo il detersivo) , o c'è il rischio di reazioni chimiche?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, puoi usare la candeggina delicata, l'importante è non mettere l'aceto insieme al resto, ma tenerlo come ultimo ingrediente per ammorbidire, quindi va bene nella vaschetta dell'ammorbidente.
      Ciao
      Veggie

      Elimina
  99. Molto molto carino questo blog ^_^ ... l'ho aggiunto a
    i miei preferiti!
    Anche io utilizzo l'aceto al posto dell'ammorbidente, e utilizzando poco detersivo, e confermo che i panni escono perfettamente puliti! ^_^

    Nel mio blog mi occupo di libri, se hai voglia di passare a dare un'occhiata sono qui:
    www.metedinchiostro.blogspot.com

    ... io da qui ripasserò di sicuro!

    RispondiElimina
  100. Ciao veggie, volevo sapere se posso mettere nella vaschetta dell'ammorbidente insieme all'aceto, dell'essenza che si usa per termosifoni, aspirapolvere ecc... Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non puoi, le essenze per ambiente non sono per uso cosmetico, quindi potrebbero procurare allergie, pruriti, perché la biancheria viene a contatto con la pelle. Insomma meglio di no, a meno che non si tratti di essenze cosmetiche, cioè che posso andare nei prodotti cosmetici per il corpo.
      Ciao
      Veggie

      Elimina
  101. Beh... l'articolo è decisamente vecchio... ma sempre in voga! :D
    Curioso di trovare un modo naturale per dare una maggior morbidezza al bucato mi sono imbattuto in questo articolo... ho appena provato ed effettivamente il risultato sembra convincente.
    Mia moglie non è molto convinta per via del leggero odore di aceto, ma spero che sparirà una volta che gli indumenti si saranno asciugati...

    Grazie per l'articolo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente sì! Non si sentirà nessun odore di aceto, anzi solo profumo di fresco.
      Ciao
      Veggie

      Elimina
  102. Ciao Veggie. Ho visto sugli scaffali del supermercato che c'è anche aceto di alcool. Può andare bene ache quello? grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, penso sia un aceto ricavato da scarti di frutta, non lo mangerei, ma per i risciacqui della biancheria andrà benone.
      A presto
      Veggie

      Elimina
  103. La vaschetta dove va messo l'ammorbidente non prende l' ammorbidente e quindi penso nemmeno l'aceto. Posso mettere l aceto nel cestello? Grazie della riaposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, no, non puoi mettere l'aceto insieme al detersivo, non devono stare insieme.
      Puoi seguire la tua lavatrice e quando vedi che sta facendo gli ultimi risciacqui, aggiungerlo nella vaschetta del detersivo mentre carica l'acqua.
      Veggie

      Elimina
  104. Salve!! Io sono contenta di aver trovato questo articolo,in quanto, io l'aceto lo uso dappertutto!! L'hosempre usato nella lavastoviglie come brillantante,perché, come l'ammorbidente, è l'ultima cosa che viene usata e spesso è poco risciacquata! Da poco lo uso nella lavatrice..prima dire il vero non mettevo nulla! Però devo dire che l'aceto è perfetto come anti calcare... Provate a metterlo su uno spruzzino e spruzzate sulla doccia o su qualsiasi cosa piena d calcare...lasciate agire x un po...e vi assicuro k passate con la spugna e va via tutta quella fastidiosa patina k crea il calcare!! Unica cosa è l'odore... È un po difficile poi k vada via....!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!
      E' vero, forse un po' lì per lì nelle pulizie di casa si sente, ma sulla biancheria evapora, il bucato non odora di aceto.
      Veggie

      Elimina
  105. Ho provato questa alternativa all'ammorbidente ed ho steso adesso il bucato (asciugamani e lenzuola), non ho riscontrato odore forte di aceto, domani sentirò la morbidezza...nel frattempo mi chiedevo se si può usare con i capi sintetici e di nylon....grazie e buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, certamente! Puoi usarlo su tutto.
      Veggie

      Elimina
  106. Bucato morbidissimo! Non l'ho più mollato! Ora devo provare con la lana....

    RispondiElimina
  107. Bucato morbidissimo! Non l'ho più mollato! Ora devo provare con la lana....

    RispondiElimina
  108. Ciao,ho provato a mettere l'aceto nella vaschetta dell'ammorbidente come mi avete consigliato, ma il risultato non è quello che pensavo.La biancheria è rimasta molto dura.

    RispondiElimina
  109. Ciao Veggie, sarei interessata ad usare gli oli essenziali per profumare il bucato insieme all'aceto.Mi sono iscritta al tuo blog, ma forse la mia mail di richiesta del file sugli oli ti è sfuggita. Scusa il disturbo,grazie

    RispondiElimina
  110. Salve Veggie,oggi in TV hanno dato una ricetta x uno sgrassatore naturale a base di aceto e bucce di limone lasciati macerare in frigo per una settimana..mi chiedevo se fosse possibile usare questa soluzione anche x l'ammorbidente e se la profumazione al limone possa essere adeguata per il bucato. Grazie. Ciao e buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho seguito la ricetta, ma se si tratta solo di aceto e limoni la risposta è sì, può andar bene come ammorbidente. Io ho usato qualcosa di simile senza problemi.
      Veggie

      Elimina
  111. ciao! Ma posso usare sia aceto di mele che di vino al posto dell'ammorbidente? tu cosa consigli di più? grazie!

    RispondiElimina
  112. Ciao, sì, vanno bene entrambi.
    A presto
    veggie

    RispondiElimina
  113. Risposte
    1. Buon giorno Veggie!
      Volevo chiederti alcune delucidazioni su come faccio io la lavatrice:
      1 faccio partire la lavatrice con un tappo di detersivo (indistriale), aggiungo un tappo di candeggina delicata,aggiungo un cucchiaio di bicarbonato.
      2 al primo risciacquo aggiungo 1-2 bicchieri di aceto.
      3 io gli faccio fare un terzo risciacquo di sola acqua.
      4 ultimo giro al posto Dell ammorbidente solo aceto.
      VORREI SAPERE DA LEI SE È TUTTO CORRETTO?
      P.S vorrei sapere se l'aceto lo posso usare sulle tute sintetiche Dell adidas, e sui tappeti sintetici del bagno e cucina???
      Ottimo blog!!!grazie dell'attenazione skara

      Elimina

LA MIA E-MAIL veggie822@yahoo.it

Sostienici con una piccola donazione, grazie!PER DONAZIONI
Versare l'importo desiderato sulla carta Postepay intestata a : PAOLETTI LILIANA
CARTA POSTEPAY N° 4023 6006 2473 4010