Pubblicato martedì 4 giugno 2013e aggiornato il

base per pizza precotta da fare in casa

Quando si lavora non sempre si trova il tempo per preparare cene elaborate, può capitare di ricorrere alle pizze surgelate.
Si accende il forno, si tirano fuori dal congelatore e si finiscono di cuocere in 5-10 minuti mentre ci si spoglia e si fa una doccia.

Leggendo le composizioni di varie pizze in commercio posso dire che quelle più costose, delle marche più conosciute non sono proprio da condannare quanto a ingredienti,  non contengono conservanti o altri additivi strani, forse anche grazie al fatto che la surgelazione consente di conservare senza l'uso di troppe sostanze chimiche, come invece avviene per altri prodotti pronti che troviamo al supermercato.

Quanto a qualità degli ingredienti però, ci sarebbe da discutere, spesso contengono olio di girasole invece di olio extravergine d'oliva e in molti casi troviamo solo la dicitura generica di olio vegetale, che per  me equivale a dire olio di palma, olio di colza e altri oli di scarto dell'industria alimentare.
Non conosciamo la qualità del pomodoro, della mozzarella (in molti casi anziché mozzarella c'è del formaggio non identificato), inoltre contengono troppi  zuccheri  e sale.
Quando si trova una pizza di qualità superiore per contro ci si deve scontrare con il prezzo proibitivo, un prezzo troppo elevato.  A questo punto secondo me, prima di rientrare a casa conviene passare in pizzeria  e farsi fare 2 pizze calde calde dal nostro pizzaiolo di fiducia così non ci dobbiamo preoccupare nemmeno di accendere il forno.

Se invece ci piace mangiare bene usando ingredienti scelti da noi e nello stesso tempo non ci dispiace risparmiare possiamo preparare in poco tempo delle basi per pizza precotte che congeleremo e useremo all'occorrenza.
Il risultato è stupefacente e consiglio di provare, bisogna solo imparare a gestire la copertura evitando vegetali o formaggi che contengano troppa acqua perché non ci sarà il tempo per farla evaporare in cottura.

BASE PER PIZZA PRECOTTA DA FARE IN CASA
(per 6-7 pizze)
Ingredienti:
1 kg di farina tipo 0
1 panetto di lievito di birra
2 cucchiaini di sale
2 cucchiaini di zucchero
acqua
Preparazione:
Sciogliere il panetto di lievito di birra in mezzo bicchiere d'acqua tiepida
Preparare un impasto per la pizza con 900/950 g di farina, 2 cucchiaini di sale, 2 cucchiaini di zucchero, il lievito disciolto nell'acqua tiepida e altra acqua tiepida sufficiente ad ottenere un panetto di pasta sodo ed elastico.
Impastare a lungo, almeno per 10-15 minuti, poi riporre l'impasto in una grande insalatiera, incidere con un coltello la superficie della palla formando una croce (faciliterà la crescita dell'impasto).
Coprire con un tovagliolo bagnato e strizzato bene e lasciare in luogo tiepido e tranquillo a lievitare per 4-5 ore.
Trascorso il tempo di lievitazione accendere il forno alla temperatura massima (250 °C circa).
Preparare la placca del forno foderandola con della carta da forno.
Dividere l'impasto in 6-7 pallette del peso di 200-220 g ciascuna.
In questo modo il risultato sarà una pizza sottile, ma se piace più spessa si può dividere l'impasto in pallette del peso di 250-300 g l'una.
Con la rimanente farina e il mattarello stendere ogni palletta in una sfoglia sottilissima e molto ampia, dovrà riempire la leccarda perché nel forno si ritirerà e prenderà la dimensione di una pizza classica.
Senza romperla, facendo attenzione a non bucarla metterla sulla leccarda precedentemente foderata con la carta da forno e infornarla (solo quando il forno avrà raggiunto la temperatura massima).
Cuocere ogni base per circa 2 minuti, la pasta nel forno dovrà lievitare, crescere e si dovranno formare delle bolle d'aria, segno di una buona lievitazione, ma non dovrà colorirsi. La cottura dovrà essere parziale, come si può vedere nell'immagine qui sotto.
Mentre la prima pizza cuoce stendere la seconda pizza con il mattarello e così via fino ad esaurimento.
Man mano che le pizze sono pronte metterle su un tagliere di legno una sull'altra.
Quando tutte le basi saranno cotte basterà separarle una dall'altra con un foglio di pellicola trasparente, poi infilarle in una busta di plastica per alimenti e metterle nel congelatore su un piano liscio, lasciato libero in precedenza fino a congelazione avvenuta.
Condimenti e cottura:
Quando si vorrà gustare una pizza, basterà tirarla fuori dal congelatore, si potrà condire direttamente (ancora congelata) con il condimento scelto e mettere in forno a 200-220 °C per una decina di minuti.
Come ho già accennato bisognerà evitare di mettere sostanze troppo acquose, se volete mettere del pomodoro consiglio di farlo prima restringere e mettere quindi del sugo già cotto.
Poco sugo, poca mozzarella, un filo d'olio, sale, origano, basilico o quello che preferite.
Poi in forno caldo per 10 minuti e quello che otterrete è una pizza davvero deliziosa come questa:
pizza margherita
Ovviamente la copertura potrà essere diversa dalla classica margherita, la pizza sarà ottima con le verdure e anche con le patate, o con quello che preferite, però tenete sempre presente che la pizza starà in forno solo 10 minuti quindi tutto ciò che metterete sopra dovrà essere già cotto almeno parzialmente.
pizza con verdure e tempeh
pizza con patate e peperoncino
pizza bianca con olio e rosmarino
La pizza sarà buona da consumare anche come pizza bianca aggiungendo semplicemente un filo d'olio prima di metterla nel forno.
E' possibile congelare le basi delle pizze già con la copertura.
In questo caso sarà necessario congelarle una alla volta prima di sovrapporle una sull'altra nel congelatore.
Veggie
Quest'opera (testi e foto) è protetta dai diritti d'autore rilasciati da Creative Commons. I termini della licenza sono disponibili in versione integrale nel Codice Legale dove vengono spiegati in dettaglio i diritti ad essa attribuiti. Sono altresì disponibili sulle pagine internet sottostanti cliccando sui link e sul logo di Creative Commons. Chiunque utilizzi quest'opera come diversamente espresso dall'autore commette una violazione sui diritti d'autore.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.

8 commenti:

  1. wow..questa mi mancava. grazie per la dritta! replicherò:)

    RispondiElimina
  2. Ciao Veggie, grande questa ricetta, io le congelo dopo averle cotte, se rimangono e non riusciamo a finirle, quindi già pronte, non la base come hai fatto tu, devo ricordarmelo. Però voglio darti un consiglio da buona napoletana, non stenderle con il mattarello, perché si ferma la lievitazione, cerca di stenderle con i polpastrelli, vedrai il risultato è diverso. Maria

    RispondiElimina
  3. grazie per l'idea e per la ricetta, è davvero una comodità. proverò sicuramente!

    RispondiElimina
  4. Ciao veggie si può fare questa pizza con il lievito madre ? Non posso usare il lievito chimico (:

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho provato ma penso di sì, fai lievitare l'impasto per tutta la notte però.
      Poi stendi le pizze, le lasci lievitare ancora un'oretta e poi le precuoci a calore elevato. Io farei così..
      Ciao Veggie

      Elimina
  5. Ok ti ringrazio (:

    RispondiElimina

LA MIA E-MAIL veggie822@yahoo.it

Sostienici con una piccola donazione, grazie!PER DONAZIONI
Versare l'importo desiderato sulla carta Postepay intestata a : PAOLETTI LILIANA
CARTA POSTEPAY N° 4023 6006 2473 4010