Pubblicato lunedì 11 marzo 2013e aggiornato il

timbrare il sapone con successo - come fare senza rovinare tutto

Può sembrare molto semplice, ma non sempre lo è.
L'errore più comune che si commette è quello di appoggiare il timbro sul sapone per poi premere fino a quando la superficie non si sia lacerata consentendo ai contorni che definiscono il disegno del timbro, di penetrare.
Così facendo però si rischia di provocare delle profonde spaccature sul sapone, difficilmente rimediabili.

Occorrente:
- timbri per sapone
- gomme per cancellare a superficie piatta
- colla cianoacrilica liquida (quella che incolla anche le dita per intenderci)
- martello di gomma
- 1 vecchio spazzolino da denti per la pulizia del timbro

Procedimento:
Esistono diversi tipi di timbro, alcuni sono costruiti direttamente con un'impugnatura, altri hanno una base in legno su cui un timbro di gomma dello spessore di un foglio è stato incollato, ma i più comuni sono in resina,  hanno uno spessore che varia da mezzo a un centimetro a mezzo e non hanno una base da usare come impugnatura per consentire una facile estrazione dal sapone dopo la timbratura.
Questi timbri sono i più frequenti ma anche i più scomodi, perché come ho detto si incontra difficoltà ad estrarli dal sapone una volta timbrato, facendo aumentare il rischio di portare con sé parti di sapone rovinando così il disegno.
Per ovviare al problema possiamo incollare sulla superficie posteriore una pseudo-impugnatura.
In questo caso il materiale che ho trovato più comodo è quello delle gomme per cancellare, tipo Pelikan o Staedler, perché sono morbide ma nello stesso tempo rigide.
Ogni gomma di questo tipo si può tagliare in 2 parti con un coltello ed usarla per 2 timbri.
Detergere ed asciugare bene la superficie da incollare, poi facendo attenzione a non toccare la colla con le dita (questo genere di colle in tubetto piccolo si trovano in commercio anche senza avere  nomi famosi a 50 centesimi di euro) versare poche gocce sparse sulla superficie della gomma, posizionarla rapidamente sul timbro e premere con forza per qualche secondo. La presa sarà rapida, i 2 materiali sono decisamente compatibili.

Attendere almeno qualche ora prima di metterlo alla prova.
Per timbrare il sapone sarà sufficiente posare il sapone su una superficie piana, posizionare il timbro e servendosi del martello di gomma dare qualche colpo più che deciso sul retro del timbro, in questo caso sulla gomma che abbiamo incollato che così svolgerà una duplice funzione: ammortizzare i colpi inferti evitando possibili rotture della resina dello stampo e facilitare poi l'estrazione dello stampo dal sapone.
Se si vuole imprimere solo il disegno il timbro va martellato fino a quando saranno penetrati i contorni del disegno (o scritta), se invece si vuole imprimere anche un bordo si può affondare poco di più, come si può vedere nelle immagini qui sotto.
sapone timbrato con bordatura visibile
sapone timbrato senza lasciare la bordatura del timbro
Dopo la timbratura detergere con cura i timbri e rimuovere le piccole particelle di sapone rimaste nelle scanalature, aiutandosi con uno spazzolino da denti.

Quando timbrare il sapone?
Questa è senz'altro la fase più difficile da individuare.
Bisogna trovare il momento in cui il sapone non sarà troppo morbido, per evitare il rischio di portarne via un po' insieme al timbro nel momento in cui viene estratto, e rovinare così il disegno, ma che non sia neanche troppo sodo per evitare spaccature.
Si procede subito dopo l'estrazione del sapone dallo stampo, oppure se il sapone fosse ancora troppo morbido si proverà dopo qualche ora o il giorno successivo.
Possibilmente entro le 48 ore dopo il taglio.
La composizione del sapone è quella che determina il momento giusto.

Quali timbri scegliere?
Tra quelli in commercio sono da preferire timbri dai tratti sottili: maggiori saranno le superfici che dovranno penetrare nel sapone, maggiore sarà la difficoltà di romperlo.
Il sapone si può timbrare anche con oggetti di fantasia, oggetti che troviamo in casa, dalle formine per i biscotti, ai bottoni metallici che hanno disegni in rilievo.
Evitare solo oggetti in metallo diverso dall'acciaio inox o dall'ottone perché quando il sapone dev'essere timbrato contiene ancora della soda attiva che potrebbe reagire, soprattutto se si saponifica usando il metodo a freddo.
Veggie
Quest'opera (testi e foto) è protetta dai diritti d'autore rilasciati da Creative Commons. I termini della licenza sono disponibili in versione integrale nel Codice Legale dove vengono spiegati in dettaglio i diritti ad essa attribuiti. Sono altresì disponibili sulle pagine internet sottostanti cliccando sui link e sul logo di Creative Commons. Chiunque utilizzi quest'opera come diversamente espresso dall'autore commette una violazione sui diritti d'autore.
Licenza Creative Commons
TIMBRARE IL SAPONE CON SUCCESSO - COME FARE SENZA ROVINARE TUTTO by veggie822 - LILIANA PAOLETTI is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License.
Based on a work at http://www.lareginadelsapone.com/2013/03/timbrare-il-sapone-con-successo-come.html .

28 commenti:

  1. Grazie di aver condiviso questo semplice trucco per timbrare e personalizzare i saponi ;)

    RispondiElimina
  2. ma lo sai che sei unica?????grazie infinite!!!

    RispondiElimina
  3. :) Grazie ragazze, mi lusingate!
    Un abbraccio
    Veggie

    RispondiElimina
  4. ciao Veggie,sei sempre piena di risorse!anch'io mi diletto nel fare in sapone ogni tanto e volevo chiederti come fare per colorarlo.Grazie!A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono diversi modi per colorarlo, dalle spezie, ad alcune erbe, colori minerali ecc..
      Puoi iscriverti al mio gruppo di sapone così puoi approfondire l'argomento.
      http://it.groups.yahoo.com/group/sapone_e_autoproduzioni/
      Ciao Veggie

      Elimina
  5. Ciao!
    Complimenti per il blog e tutto ciò che condividi!
    Volevo provare a fare il tuo sapone esfoliante con lo zucchero di canna, ho visto che ci vuole l'olio essenziale di limone, potrei sostituirlo con del normale limone?
    Grazie per l'attenzione,
    ciao,
    Amalia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Amalia, no, il limone non può andare perché a differenza dell'olio essenziale è acido, le sostanze acide scompongono il sapone, non si possono usare insieme.
      Eventualmente puoi non mettere nulla.
      A presto Veggie

      Elimina
    2. Grazie Veggie!
      Ieri ho cercato alla Conad il sapone di Marsiglia, che indichi come uno dei migliori in commercio, proprio per fare l'esfoliante, purtroppo, non l'ho trovato, proverò a cercare nella Conad di città, a Taranto, forse sarò più fortunata. Eventualemente, sapresti indicarmi altre marche che potrei tranquillamente sostituire?
      Grazie ancora!
      Amalia

      Elimina
    3. No, ma dato che sui saponi per l'igiene personale c'è l'obbligo di riportare l'INCI, leggi gli ingredienti e regolati sulla base di quelli, oppure se hai dubbi riportameli così valutiamo insieme.
      Ciao Veggie

      Elimina
  6. Grazie veggie! Ci proverò al prossimo sapone!

    RispondiElimina
  7. Ci siamo innamorati del tuo blog!
    Buona settimana
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cari! Non posso che esserne felice <3
      A presto
      Veggie

      Elimina
    2. Ciao, complimenti per il blog!
      Volevo chiederti dove posso acquistare i timbri per il sapone. Ho cercato nei negozi fai da te della mia città ma purtroppo non li ho trovati.
      Grazie tante

      Elimina
    3. Beh in Italia non si trovano...
      Questi che vedi nell'articolo puoi acquistarli sul sito francese Aroma-zone:
      http://www.aroma-zone.com/aroma/accessoire_fra3.asp
      altrimenti puoi cercare su ebay, sempre su siti stranieri, principalmente orientali.
      Ciao Veggie

      Elimina
  8. ciao veggie, quando dici "la composizione del sapone è quella che determina il momento giusto", cosa intendi? potresti entrare nel dettaglio? grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intendo che la durezza del sapone è determinata dalla composizione.
      Saponi senza sconto soda sono tendenzialmente più duri, per esempio se fai un Marsiglia per il bucato, appena lo togli dallo stampo ti accorgi che è già molto duro e devi anche correre per timbrarlo.
      Saponi con uno sconto soda sono più morbidi da subito e ci mettono più tempo ad indurire.
      Ma molto dipende dalla scelta degli oli.
      Se in una ricetta metti cera d'api. burro di cacao, burro di karitè o tanto olio di cocco, questi tenderanno a rendere il sapone duro velocemente. Al contrario usando buone percentuali di oli polinsaturi, o magari aggiungendo delle tinture madri (che sono alcoliche) o ricette che contengono molta acqua, spesso il sapone quando viene estratto dallo stampo è ancora molliccio, e non può essere timbrato subito.
      Ciao Veggie

      Elimina
    2. grazie per l'esaustiva spiegazione. ne ho di strada da fare ...
      senti Veggie, ma a volerti invitare per una serata di presentazione presso la nostra associazione e magari poi organizzare anche un bel corso di saponificazione ... è possibile? ovviamente ci sono mille variabili immagino prima fra tutte la distanza ... ma magari se ne può parlare ...

      Elimina
    3. Magari in futuro, per ora non faccio corsi di sapone, per una serie di motivi personali, comunque speriamo di poterci pensare tra un po'.
      Ciao Veggie

      Elimina
  9. ciao Veggie,

    grazie per questa bella idea, il post avevo visto gia a marzo, ma mi dimenticavo sempre di comprare gomma e colla....

    adesso me l'ho fatto anch' io... ho messo una foto sul mio(sapone) blog http://serraiolaseifen.blogspot.it/2013/05/seifenstempel-mit-griff.html :-)

    ciao,
    Hilde

    RispondiElimina
  10. dimenticavo... il mio timbro ho comprato da un' amica in svizzera... http://seifechuchi.blogspot.de/2012/05/seifenstempel-seifechuchi.html

    RispondiElimina
  11. ciao a tutte ,qualcuno di voi potrebbe fornirmi qualche shop online per acquistare i timbri..grazie mille :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quelli che vedi in questo articolo sono di Aromazone (sito francese):
      http://www.aroma-zone.com/aroma/accueil_fra.asp
      ma ne trovi anche qui:
      http://gisellamanske.com/
      sito tedesco, purtroppo in Italia non si trova nulla.
      Ciao Veggie

      Elimina
    2. ciao veggie!!! grazie mille della super risposta immediata,complimenti per il blog e per tutto ciò che condividi!faccio i saponi da3 anni c'è così tanto ancora da sapere e da migliorare che mi sento ancora una principiante per ora vado in giro per mercatini e feste sostenibili,eseguo dei corsi per imparare a fare il sapone in casa nella mia zona con il seguente obiettivo, quello di usare un prodotto sostenibile.piacere di conoscerti felice giornata .sheila

      Elimina
  12. Io timbro i miei saponi indovinate con cosa?.........il tappo dello spumante ma non quello di sughero (che pure si potrebbe adattare a timbro se si è bravi a tagliare in rilievo), quello di plastica bianca. Viene fuori un bel "sole" e per evitare che il sapone si attacchi lo ungo lievemente di olio. Siccome è piccolo faccio "3 soli" per sapone. A me piace!!!!
    Olly

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava, il sapone stimola la fantasia!
      Ciao Veggie

      Elimina
  13. Ciao mi sono messo da poco a fare saponi e sto cercando gli stampi. Hai un'idea di dove si possono comprare?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stampi o timbri?
      Glo stampi in legno conviene farseli da soli o farsi tagliare il legno in qualche brico, si spende poco e vengono bene.
      I timbri sono più difficili da reperire in Italia, prova sul sito francese di Aromazone o fai una ricerca su Ebay.
      Ciao
      Veggie

      Elimina
    2. Perfetto, molte grazie (volevo dire timbri...) :D
      Giorgio

      Elimina

LA MIA E-MAIL veggie822@yahoo.it

Sostienici con una piccola donazione, grazie!PER DONAZIONI
Versare l'importo desiderato sulla carta Postepay intestata a : PAOLETTI LILIANA
CARTA POSTEPAY N° 4023 6006 2473 4010