Pubblicato giovedì 6 ottobre 2011e aggiornato il

tahin casalingo

Il tahin è un alimento a base di sesamo dalla consistenza simile ad un patè, spesso viene chiamato anche burro di sesamo o crema di sesamo.
E' particolarmente ricco di vitamine E e B, magnesio, silicio, fosforo, zinco e ferro.
Si usa come condimento di molte ricette come i falafel, l'hummus, ma anche per la preparazione di alcuni dolci. A me piace consumarlo per la colazione spalmato sul pane insieme a del malto o del miele, come sostituto del burro.








TAHIN CASALINGO
Ingredienti:
200 gr. semi di sesamo (preferibilmente decorticati)
5-6 cucchiai olio di sesamo o di girasole (o metà e metà)
sale
acqua
Preparazione:
I semi di sesamo ideali per la preparazione del tahin sono quelli decorticati, ma se non riuscite a trovarli potete usare i comuni semi di sesamo biologici acquistabili presso i negozi di alimenti naturali.
Per spegnere un po' il sapore amarognolo che li caratterizza ho pensato di metterli un po' a bagno in acqua e sale prima di tostarli ed effettivamente questo trattamento consente di ottenere un tahin dal gusto più delicato.
Mettere i semi in un'insalatiera insieme ad 1 cucchiaino di sale, ricoprirli di acqua e lasciarli a bagno per un'ora. Scolarli e sostituire il bagno con acqua e sale nuovi per un totale di 3 cambi (quindi 3 ore di ammollo). Allo scadere del terzo ammollo scolare i semi dall'acqua salata, sciacquarli e metterli per un'altra ora in ammollo, questa volta però con acqua semplice, senza aggiunta di sale.
Dopo un'ora scolare i semi dall'acqua e trasferirli in una padella antiaderente.











Portare la padella sul fuoco e girando continuamente con un cucchiaio di legno lasciare evaporare tutta l'acqua.
Continuare a girare facendo attenzione di non bruciare i semi altrimenti diventeranno amari.
Quando l'acqua sarà evaporata lasciare i semi ancora un paio di minuti sul fuoco per dare una leggerissima tostatura, facendo sempre attenzione a non bruciarli. Per tutto il procedimento ci vorranno circa 10/12 minuti.
Quando i semi saranno ben asciutti trasferirli un po' alla volta in un macinacaffè e macinarli molto sottilmente fino ad ottenere una pasta.
Trasferire la pasta di sesamo nel suribachi o in alternativa in un mortaio. Lavorare la pasta con il pestello per renderla ancora più sottile, per una decina di minuti.











Al termine aggiungere qualche cucchiaio d'olio fino ad ottenere una pasta scorrevole ma non liquida, la consistenza dovrà essere simile a quella di un patè. Saranno necessari circa 5 o 6 cucchiai di olio (se si preferisce più fluido si può metterne di più). Si può scegliere di usare olio di sesamo per un aroma più intenso, oppure dell'olio di girasole (bio) per un condimento più dolce. Questa soluzione a me sembra la più valida perché l'olio di girasole ha un sapore neutro che non interferisce sul sapore del sesamo ma si limita a spegnerne un po' il sapore amaro.
Continuare a pestare ancora un paio di minuti, poi trasferire il tahin in un vasetto di vetro.
Conservare in frigorifero e consumare entro un paio di mesi.
Veggie
Quest'opera (testi e foto) è protetta dai diritti d'autore rilasciati da Creative Commons. I termini della licenza sono disponibili in versione integrale nel
Codice Legale
dove vengono spiegati in dettaglio i diritti ad essa attribuiti. Sono altresì disponibili sulle pagine internet sottostanti cliccando sui link e sul logo di Creative Commons. Chiunque utilizzi quest'opera come diversamente espresso dall'autore commette una violazione sui diritti d'autore.
Licenza Creative Commons
TAHIN CASALINGO
by veggie822 - LILIANA PAOLETTI is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License.
Based on a work at www.lareginadelsapone.com.

19 commenti:

  1. Ciao... ho visto il tuo blog e ne sono rimasta affascinata.. credo che lo seguirò spesso. una domandina.
    Ho visto che sei vegetariana e vorrei un consiglio.
    Io per problemi di salute dovrei mangiare meno carne e più verdure, dovrei abolire anche latte e formaggi che adoro.
    Non posso mangiare la soia, quindi niente latte di soia, seitan tofu ecc ecc... ma un vegetariano che non può mangiare la soia.. come fa? purtroppo io ho una bella tiroidite di hascimoto e prendo gli ormoni per la tiroide.. che vanno in contrasto con la soia.. hai un cinsiglio per me?

    RispondiElimina
  2. Ciao Luisa, intanto ti dò già una buona notizia: il seitan non fa opparte della famiglia della soia, ma si tratta di glutine di frumento, a meno che tu non sia intollerante al glutine non ci dovrebbero essere controindicazioni nel consumo.
    Ci sono altre fonti di proteine oltre la soia, per esempio i legumi, ma anche se in quantità inferiore anche i cereali integrali ne contengono e i semi oleosi.
    Inoltre c'è da sfatare il mito delle proteine... non avbbiamo bisogno di enormi quantità di proteine, molto meno di quello che si crede, quindi quelle contenute in questi alimenti sono sufficienti.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  3. cara Veggie,
    stamattina mi sono alzata "con il pensiero" come si dice dalle mie parti, ed ho preparato il tahin. Mamma mia che buono!! Ho saltato la parte dei risciacqui in acqua e sale perchè il retrogusto amarognolo a me non dispiace. L'ho mescolato con un poco di olio di girasole e poi con qualche cucchiaino di miele di clementine preso a Corigliano Calabro (al momento ho questo in casa), che ha quasi neutralizzato l'amaro: che bontà!! Praticamente identico agli snack di sesamo che ho mangiato in Grecia e in Algeria.
    Ora vorrei chiederti: ho adocchiato del miglio e del miglio decorticato, entrambi bio. Come posso utilizzarli? Mi dai qualche suggerimento?
    Grazie

    RispondiElimina
  4. Il miglio viene venduto solo decorticato per la nostra alimentazione, puoi farci il latte di miglio o cuocrrlo come si fa con altri cereali e mangiarlo. A me piace molto con i cavolfiori. Si fa cuocere in acqua dopo averlo tostato appena, l'acqua si fa assorbire tutta (ci vorranno 20-30 minuti) e viene tipo cous cous.
    Mi sembra di aver messo una ricetta per il latte nel blog.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  5. Si Veggie, ho trovato la ricetta in . Non vedo l'ora di sperimentarla! Grazie ancora; sei sempre gentilissima a puntuale nelle risposte. Che donna!! :))

    RispondiElimina
  6. che buono...l'ho appena fatto con l'olio di girasole bio...grazie Veggie ma come devo fare per selezionare il profilo io sono iscritta ma ho la mail yahoo.? ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma guarda... ho l'impressione che con l'account Yahoo ci si possa solo iscrivere, ma nulla di più. Finora non ho visto nessuno che sia riuscito a collegarsi e a lasciare un commento usandolo.
      Comìntinua come hai fatto ora usando il profilo anonimo, magari sotto al commento metti una firma così saprò riconoscerti.

      E' vero, con l'olio di girasole viene davvero buono, sarà la delicatezza del girasole che non interferisce sull'aroma del sesamo..
      A presto Veggie

      Elimina
  7. ok grazie io sono Angela66 così adesso mi riconosci...sono sempre quella del sodio benzoato ahahhaha è fantastico essere fra voi.

    RispondiElimina
  8. Buono.....quasi quasi come sostituto del burro =)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti noi vegetariani lo usiamo anche come sostituto del burro. Sapessi quanto è buono con la marmellata!
      Veggie

      Elimina
  9. Ciao Veggie, grazie della ricetta. la proverò sicuramente dato che ho finito il gomasio. Ma il suribachi non si "sporca" troppo facendi il tahin? Io me lo faccio prestare dalla mia vicina quando mi serve e facendo il gomasio non ci sono problemi perchè anche lei lo usa solo per quello e non si deve lavare. Forse è giunto il momento di acquistarlo...
    Altra domanda: si può usare il tahin anche per i dolci?
    Grazie. a presto. Elena66

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, si sporca, ma io lo lavo senza problemi.
      Per pulire bene le scanalature mi aiuto con uno spazzolino da denti, che riservo per lavare o pulire alcuni elettrodomestici (macinacaffè, grattugie ecc..)
      Si, il tahin si può usare nei dolci ma tieni presente che rilascia sempre un leggero retrogusto amarognolo.
      Ciao Veggie

      Elimina
    2. Va bene. Ho messo a bagno i semi e poi seguirò la ricetta e farò il mio primo tahin.
      Ieri, cara Veggie, nell'erboristeria dove ho comprato i semi di sesamo, ho visto il tuo libro!! Bhe, cosa potevo fare se non comprarlo? L'ho quindi acquistato e ho letto le prime pagine. Ti saprò dire più avanti.
      a presto. Elena66 di Cascina (così sai che sono io)

      Elimina
    3. Ma che bello! Mi fa piacere.
      Fammi sapere.
      A presto Veggie

      Elimina
  10. Cara Liliana,

    ho fatto il tahin seguendo la tua ricetta proprio oggi! Poi mi sono preparata un'insalatona, l'ho condita con i semi di girasole, ho fatto tostare il pane e l'ho cosparso con il tahin.
    Cena eccellente! Che meraviglia!

    Grazie mille

    Silvana Mel

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già mi fai venir fame Silvana!
      Buona giornata
      Ciao Veggie

      Elimina
  11. ciao Veggie :)
    a me non dispiace il retrogusto del sesamo e quindi salterei l'ammollo.
    L'unica cosa è che non ho capito se il sesamo va fatto tostare comunque oppure può essere direttamente macinato.
    Grazie
    Isabella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, si fanno tostare comunque, perché producono un tahin più aromatico.
      Ciao Veggie

      Elimina

LA MIA E-MAIL veggie822@yahoo.it

Sostienici con una piccola donazione, grazie!PER DONAZIONI
Versare l'importo desiderato sulla carta Postepay intestata a : PAOLETTI LILIANA
CARTA POSTEPAY N° 4023 6006 2473 4010