lunedì 15 novembre 2010

3 fasi per una perfetta pulizia del viso

Il dottor Ernő László (1897-1973) fu un dermatologo americano originario della Transilvania.
Divenne famoso per le sue rivoluzionarie teorie sulla pulizia del viso.
Secondo László per curare le pelli secche è necessario lavare il viso con sapone e acqua molto calda, tanto calda da essere appena sopportata dal palmo delle mani.
Secondo László (come del resto secondo tutti i dermatologi) il pH dei cosmetici ha un ruolo fondamentale per mantenere una pelle sana.
Il sapone è l'unico a dover avere un pH basico, mentre tutti gli altri cosmetici al contrario, devono avere un pH acido che corrisponda esattamente a quello della pelle.
Per svolgere una corretta pulizia del viso si imbeve un batuffolo di cotone inumidito con un olio molto grasso (olio di germe di grano). Si passa sul viso e si rimuove il trucco.
Successivamente si lava il viso con sapone, facendolo schiumare molto bene, poi si sciacqua con acqua caldissima, quasi bollente. Secondo il sistema László la temperatura dell'acqua è fondamentale. L'acqua molto calda ammorbidisce e fa gonfiare le cellule cornee dell'epidermide stimolando così le ghiandole sebacee alla secrezione. Una volta asciugato il viso si passa una lozione tonica (acida) e successivamente un velo di crema grassa.
Le teorie di László non finiscono certo qui e chi ne fosse interessato potrà approfondirle l'argomento facendo delle ricerche personali.
Ancora oggi le sue teorie sono oggetto di discussione, ma noi possiamo farne tesoro prendendo solo quello che ci sembra corretto. Apporteremo qualche modifica, soprattutto per quanto riguarda la temperatura dell'acqua ed evitare così di danneggiare le pelli molto secche e soggette a couperose, perché una temperatura eccessiva provoca la rottura dei capillari.

3 FASI PER UNA PERFETTA PULIZIA DEL VISO

FASE 1 - Prendere un dischetto per il trucco, bagnarlo e strizzarlo molto bene. Versarci sopra dell'olio struccante.
Passarlo sugli occhi e rimuovere il trucco, poi preparare un altro dischetto e passarlo su tutto il viso. Se non c'è trucco sugli occhi si può utilizzare un unico dischetto.

FASE 2 - Lavare accuratamente il viso con sapone di qualità, meglio se autoprodotto e sciacquare con acqua calda.
In alternativa al sapone si potranno utilizzare farine, latti detergenti (anche autoprodotti) o quello che si preferisce (il sapone rimane il migliore), ma terminare sempre risciacquando il viso con acqua calda e asciugandolo accuratamente.

FASE 3 - Tamponare il viso con un batuffolo di cotone o un dischetto imbevuto di lozione tonica (con pH leggermente acido), acqua di rose, di hamamelis o altra lozione autoprodotta.
Con un fazzolettino asciugare il liquido in eccesso, perché il segreto per mantenere la pelle idratata sta soprattutto nell'evitare che l'acqua evapori dal viso e questo accade quando non si asciuga.
Non lasciare mai il viso bagnato!


Completare la cura del viso con l'applicazione di una crema o di un olio.
Veggie
Quest'opera (testi e foto) è protetta dai diritti d'autore rilasciati da Creative Commons. I termini della licenza sono disponibili in versione integrale nel
Codice Legale
dove vengono spiegati in dettaglio i diritti ad essa attribuiti. Sono altresì disponibili sulle pagine internet sottostanti cliccando sui link e sul logo di Creative Commons. Chiunque utilizzi quest'opera come diversamente espresso dall'autore commette una violazione sui diritti d'autore.
 Licenza Creative Commons
3 FASI PER UNA PERFETTA PULIZIA DEL VISO
by veggie822 - LILIANA PAOLETTI is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia License.
Based on a work at www.lareginadelsapone.com.

27 commenti:

  1. Quindi olio di erme di grano prima del sapone e acqua di rose dopo?
    Grazie! E' da tanto che cercavo di trovare un metodo più bio per l'operazione!

    RispondiElimina
  2. L'olio di germe di grano è quello che consigliava il dott. László, ma io andrei su oli più leggeri, anche perché il germe di grano può dare intolleranza. Oppure puoi usarlo in piccole percentuali diluito in altri oli più leggeri.
    Se hai la pazienza di aspettare lunedì metterò una ricetta di un ottimo olio struccante.
    Con questo articolo vorrei sottolineare l'importanza dell'ordine dei prodotti da utilizzare, più che alla tipologia (di cui si parlerà in seguito), quindi olio per primo, a seguire sapone e per finire lozione leggermente acida.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  3. Ho aspettato 3mila anni, figurati se non posso aspettare lunedì...
    Se io usassi per lavarmi il viso l'acqua bollente come suggerisce il dott. Laszlo, credo mi decorticherei peggio delle lenticchie, e così non avrei più problemi di pelle secca!
    Ciao Veg, come passa?

    RispondiElimina
  4. Ahaha!! Però voglio provare prima o poi, magari per una settimana, chissà...
    Ciao cara vi sto un po' trascurando negli ultimi giorni perché devo fare una consegna urgente di quello che tu sai e ho paura di non farcela con i tempi :-/
    Appena ho un minuto ti scrivi in pvt.
    Un bacione Veggie

    RispondiElimina
  5. Ve ma io che non mi trucco?
    Posso oltrepassare il giro dell'olio o devo farlo comunque?
    Io di solito uso solo il sapone autoprodotto con acqua fresca più o meno...sai la mamma mi ha insegnato che fresca è meglio che calda....ma a sto punto credo che ho sempre fatto bene che almeno in inverno la uso tiepida...

    RispondiElimina
  6. Ciao Stella, la risposta è si.
    Perché la pulizia del viso non riguarda solo il trucco.
    Con l'olio si rimuovono le impurità grasse, successivamente con il sapone si rimuove il grasso dell'olio, ma anche le impurità di diversa composizione.
    Neanch'io mi trucco (sono troppo pigra) però lo faccio lo stesso.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  7. E' stato il primo bioesperimento de LaNonna, prima con sapone "industriale" poi con quello autoprodotto e mi trovo tutt'ora benissimo, anch'io mi trucco molto di rado, e mai gli occhi, ma il batuffolo di cotone dopo l'olio, grazie allo smog di questa splendida città, è nero! LaNonna

    RispondiElimina
  8. attendo con ansia le prossime puntate :)

    RispondiElimina
  9. e per la pelle mista?fronte,naso mento grassi con punti neri e guance secche il metodo è lo stesso?qualche suggerimento per la pulizia fai da te?

    RispondiElimina
  10. Questo metodo per la pulizia del viso è indicato per tutti i tipi di pelle, non solo per pelle secca.
    Quando parlo di pelle secca non intendo solo una pelle povera di grassi, ma povera di acqua.
    Una buona idratazione è necessaria a tutti.
    Quindi puoi fare la stessa pulizia, e magari utilizzando un tonico più astringente e se non serve non mettere creme sul viso.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  11. Ciao Veggie,
    cosa pensi del sapone di Aleppo? Da sempre ho lavato il viso con detergenti comprati in farmacia ma da 20 giorni ho provato questo sapone. Mi lascia la pelle morbida ed è un vero piacere sentire la sua schiuma sulla pelle. Una mia amica mi ha detto oggi che è pur sempre un sapone....quindi non è il massimo per la pelle del viso. Ti premetto che io ho una pelle mista. Vorrei sentire il tuo parere...
    A presto,
    Angie

    RispondiElimina
  12. Non posso essere che favorevole! Direi che è l'unico sapone in commercio completamente naturale, almeno finora non è trovati altri.
    Come saprai io faccio sapone da tanti anni e da altrettanti uso solo sapone per la detersione del viso, se mi cerchi su facebook puoi vedere che non ho una pellaccia nonostante i miei oltre 50 anni.
    Nell'articolo è spiegato che il sapone anche se ha un pH alto è ben tollerato dal viso e certamente un buon sapone naturale non si può minimamente paragonare ad un detergente industriale. Se dopo la detersione applichi una soluzione tonica riequilibrante, tanto meglio. Prova la lozione tonica alla vit.C o l'acqua di rose.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  13. Bene...perchè incomincio a non poterne più fare a meno. E' meraviglioso.....
    Dopo la detersione applicherò senz'altro la lozione tonica alla vitamina C....e poi avrò una pelle da far invidia, grazie ai tuoi consigli preziosi :)
    Ciao Veggie!
    Angie

    RispondiElimina
  14. Anch'io uso sempre questo metodo :) però l'ultima parte l'ho trasformata in spray di un tonico homemade: risparmio sui dischetti di cotone, dato che già mi trucco quindi ne uso due nella prima parte :)

    Lyss

    RispondiElimina
  15. Brava, hai fatto bene. Io invece non mi trucco e ne uso uno solo perché ci metto prima il tonico, poi dato che è umido ci metto qualche goccia di olio per il viso senzs prenderne un altro.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  16. Ciao Veggie, ho scoperto questo sito e ne sono entusiasta, ti faccio i complimenti davvero...colgo l'occasione per chiederti un'informazione che non c'entra con le 3 biofasi:

    da tempo cerco di fare un primer viso totalmente naturale e stavo pensando di unire la glicerina con un pò di gel d'aloe...cosa ne pensi? Potrebbe andare bene?
    Grazie!

    RispondiElimina
  17. Ciao Veggie :) è la prima volta che scrivo qui ma ti leggo sempre ^^
    vorrei chiederti per il tonico.. allora io sto usando un tonico di paul penders che usl mio blog lo trovi con tanto di INCI.. la mia domanda è va bene per le tre biofasi?
    l'acqua di rosa..io ho un tonico di Heymountain alle rose. ecco a te l'inci..va bene anche questo??

    Mineralwasser (Aqua minerale), Lavendelwasser (Aqua, Lavandula angustifolia oil), Rosenwasser (Aqua, Rosa damascena flower oil), Rosenöl (Rosen damascena flower oil), Rosen Absolue (Rosa damascena extract), Parfüm, *Citronellol, *Eugenol, *Farnesol, *Geraniol, *Limonene, *Linalool.

    UN BACIONE E GRAZIE MILLE :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sembra un ottimo prodotto, suppongo che i terpeni indicati con asterisco siano di natura vegetale o forse anche biologici vero?
      Dovrebbe esserci scritto
      Ciao Veggie

      Elimina
  18. Ma va bene solo per la pelle secca? Io che ho la pelle mista problematica, come faccio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no, va bene per tutti i tipi di pelle, l'idratazione serve anche a chi ha una pelle grassa.
      Ciao Veggie

      Elimina
  19. mi sto appassionando anch'io a questo mondo, metterò quanto prima in pratica i tuoi suggerimenti. sarei interessata anche al pdf degli olii essenziali

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per il pdf devi scrivermi in privato comunicandomi il nickname d'ìscrizione, perché da qui non posso inviare allegati.
      Ciao veggie

      Elimina
  20. Wow questa proprio nn la sapevo sei fantastica!!!! Ma al posto dell olio di germe di grano posso usare quello di mandorle?? E la lozione post sapone posso usare il tuo siero alla vit C oppure siero all olio di argan??? Grazie 1000 continua così!!!!
    Lisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì puoi usare l'olio di mandorle per la pulizia, e puoi usare il siero invece del tonico, io darei la preferenza a quello all'olio di Argan.
      Ciao
      Veggie

      Elimina
  21. Ciao Veggie, mi chiarisci il tuo punto di vista sull'utilizzo del sapone sul viso? mi spiego, io mi autoproduco il sapone ma ultimamente leggo sempre più spesso che viene sconsigliato sul viso per una questione di ph; ovviamente io in alternativa uso cmq cose autoprodotte e il più possibili bio (su questo non ci piove) ma vorrei che mi spiegassi meglio, e soprattutto un tuo commento. Grazie. Tina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi usare TRANQUILLAMENTE il sapone per il viso, io lo uso da anni, anzi ho sempre usato il sapone!
      E' vero, il sapone ha un pH basico, ma non dovendo rimanere sul viso questo non rappresenta un problema per la pelle.
      Il sapone deterge il viso proprio perché è basico, ma poi viene risciacquato e la pelle da sola ci mette pochissimo a ripristinare il pH naturale.
      Anzi questo lavoro di aggiustamento è un buon esercizio per la pelle che lavora e si mantiene sana.
      Altro discorao sarebbe applicare sul viso creme o prodotti a pH basico che non si risciacquano, perché la pelle non è capace di contrastarli velocemente.
      Ciao
      Veggie

      Elimina
  22. Grazie Veggie!!! non si finisce mai di imparare!!!

    RispondiElimina

Sostienici con una piccola donazione, grazie!PER DONAZIONI
Versare l'importo desiderato sulla carta Postepay intestata a : PAOLETTI LILIANA
CARTA POSTEPAY N° 4023 6006 2473 4010