Pubblicato domenica 11 luglio 2010e aggiornato il

pulizia e cura degli scarichi

Detersivi e saponi commerciali contengono sequestranti che sebbene non siano il massimo per la salute e per l'ambiente, hanno però il vantaggio di mantenere gli scarichi puliti.
Chi invece produce il sapone o usa sapone naturale si sarà accorto di quanto siano antipatici i depositi di sapone che si formano all'interno del lavandino dopo aver lavato le mani. Per non parlare della vasca da bagno! Dopo un bagno o una doccia lo strato antiestetico di deposito si forma lungo tutto il bordo della vasca, tanto che a volte ci viene il dubbio se si tratti di sporcizia umana...
Quesi depositi in inglese prendono il nome di "scum", in italiano non c'è un termine equivalente. Tradotto letteralmente significa feccia, scoria, strato di sporco. Sono composti da carbonato di calcio e di magnesio e si formano quando il sapone si unisce al grasso corporeo e ad acqua ricca di minerali come quella di rubinetto.
Gli stessi depositi si formano all'interno degli scarichi dell'acqua e piano piano attirano altro sapone formando uno strato melmoso. Su questo strato si bloccano capelli, nuovi residui di sapone, dentifricio e altro e di conseguenza si intasano.
Per evitare che questo accada è bene mantenere gli scarichi sempre puliti, facendo dei trattamenti periodici di pulizia allo scopo di rimuovere i depositi di sapone prima di arrivare all'otturazione vera e propria.
Per questa pulizia occorrono solo bicarbonato di sodio e aceto.
Si versa qualche cucchiaio di bicarbonato negli scarichi di lavandini, vasca, bidet e doccia, poi si passa con la bottiglia di aceto e si versa negli scarichi.
Tutti conosciamo il risultato di questo incontro e subito gli scarichi iniziano a frizzare.
Si continua a versare ancora un po' di aceto, con l'uso si prenderà la mano sulla quantità, ma non ha poi così importanza se si tratti di poco più o poco meno.
Gli scarichi continueranno a frizzare per un po' e alla fine lasceranno un piacevole profumo di fresco nel bagno.
Questo trattamento si può ripetere con frequenza quindicinale o mensile asseconda dell'uso che si fa del bagno.
Veggie
Quest'opera (testi e foto) è protetta dai diritti d'autore rilasciati da Creative Commons. I termini della licenza sono disponibili in versione integrale nel
Codice Legale
dove vengono spiegati in dettaglio i diritti ad essa attribuiti. Sono altresì disponibili sulle pagine internet sottostanti cliccando sui link e sul logo di Creative Commons. Chiunque utilizzi quest'opera come diversamente espresso dall'autore commette una violazione sui diritti d'autore.
 Licenza Creative Commons
PULIZIA E CURA DEGLI SCARICHI by veggie822 - LILIANA PAOLETTI is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia License.
Based on a work at lareginadelsapone.blogspot.com.

LETTURE CONSIGLIATE
Saponi e Detersivi Naturali - LibroVoto medio su 76 recensioni: Da non perdere

24 commenti:

  1. Buongiorno a tutti,
    questa mattina aprendo la lavastoviglie mi è venuta l'idea di adattare questo metodo anche alla sua pulizia. Ma rischio magari di combinare un pasticcio? Non è che mi si corrode qualcosa?
    Di solito uso l'aceto, ma questo potrebbe essere più efficace!
    Ciao, Enrica

    RispondiElimina
  2. Ciao, perché no. Se l'aceto va bene, può andar bene anche questo.
    Non ci sono sostanze corrosive o aggressive.
    Se per i lavaggi in lavastoviglie usi prodotti tradizionali, forse non ce ne sarebbe neanche bisogno, ma se usi qualche intruglio autoprodotto allora può fargli solo che bene.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  3. L'ho provato in caso di emergenza totale ovvero lo scarico della doccia era quasi bloccato.. bicarbonato ed aceto bollente e via.. troppo figo davvero! E lo uso pure per togliere il calcare dal w.c.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salve!
      L'aceto, se scaldato, perde la sua efficacia.Inoltre biarbonato di sodio e aceto insieme frizzano perché il primo è un tampone, l'acido acetico è un acido e combinati insieme danno una reazione acido-base, l'aceto diventa meno acido in parole povere, perdendo gran parte del suo potere disinfettante e assorbente.
      Io uso solo saponi vegetali, da un bel po' di anni.Con Soda Solvay mi trovavo abbastanza bene, purtroppo la Solvay è responsabile di danni all'ambiente, in particolare in Toscana (c'è una spiaggia banchiiiiiissima che attira tenti turisti, grazie alla Solvay) e non la compro più.
      Uso quindi acido citrico in granuli: lo verso lasciandocelo tutta la notte, poi ci verso sopra acqua distillata (o demineralizata) e a volte smonto le tubature e le pulisco.
      Infatti il problema è soprattutto il fatto che i saponi naturali non contengono sequestranti e l'acqua di Bologna, dove abito, è ricca di calcio.Infatti in altri posti la "pappetta" non era così evidente e abbondante.
      Ciao!
      Silvia

      Elimina
    2. Non ho capito qual'è il problema per te se aceto e bicarbonato frizzano...
      è proprio quello che devono fare!
      Ciao Veggie

      Elimina
    3. dovrebbe semplicemente frizzare perchè si sviluppa anidride carbonica a partire dal carbonato. è una semplice reazione acido base, un sale di per sè non costituisce un sistema tampone.

      Elimina
    4. E quindi qual'è il problema? Non vuoi che frizzino o vuoi solo dimostrare che hai qualche elementare conoscenza di chimica?
      Devono frizzare!

      Elimina
    5. ...ha contribuito a dare una risposta più completa e ne fa lei un problema. :)

      Elimina
  4. ciao, intanto complimentissimi per quello che fai, ti seguo da alcuni anni, e continuo a sorprendermi.
    ho un grosso problema con gli scarichi del bagno, sono mesi ormai che devo lottare non con gli scarichi intasati, ma maleodoranti; praticamente quello che sugerisci tu lo faccio ma non ogni tanto, ogni giorno, è orribile al mattino quando vado in bagno non poter respirare per le esalazioni provenienti soprattutto dalla doccia, non immaggini quanti litri di aceto, quanti chili di bicarbonato ho consumato in questi mesi, ma l'effetto dura poche ore. non ne posso più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi spiace... Sarà un problema meccanico, forse non hanno usato un sistema adeguato di isolamento dagli scarichi.
      per un periodo ho avuto anch'io un problema simile poi mi sono accorta che la guarnizione della scatola sifonata (quella tonda che si trova sul pavimento) si era sganciata e per questo salivano gli odori, chissà... se sei fortunata magari la causa è la stessa...

      Elimina
  5. scusa, un'altra cosa: hai acennato alla soda solvay e i danni ambiantali prodotti dall'industria che la produce, ma alla pari del bicarbonato credo che ci siano in commercio altre marche, che poi non so come lavorino quelle industrie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non ci sono altre marche ma puoi cercare presso i negozi di chimica il carbonato di sodio che è lo stesso prodotto. Se ti serve un indirizzo online da cui prenderlo fammelo sapere.
      Ciao Veggie

      Elimina
  6. Ciao Veggie, grazie per questo articolo, in effetti l'altro giorno ho notato che lo scarico della doccia non funzionava bene, ora so il perché!
    Tra poco potrò cominciare ad usare il detersivo per la lavatrice, devo avere qualche accortezza in proposito?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so... che tipo di accortezze ti aspetti?
      Ti sei informata sul modo migliore di usarlo?
      Semmai scrivi nel gruppo.
      Ciao Veggie

      Elimina
  7. ciao, innanzitutto complimenti per i tuoi articoli!
    mi sto avvicinando al mondo della saponificazione e ne sono entusiasta...spero di riuscire a realizzare le ricette con successo!!
    per quanto riguarda il biscarbonato e aceto lo posso utlizzare anche con i tubi di plastica? o li danneggio? infatti purtroppo i tubi di scarico del mio lavandino del bagno sono di plastica! e usando i saponi naturali da un po' di tempo ho proprio il problema che si intasano spesso ho gia' smontato tutto ma dopo un mese il problema si e' ripresentato...se potessi usare appunto il bicarbonato e l'aceto regolarmente forse risolverei...grazie Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, puoi usarli tranquillamente, non verranno danneggiati. Semmai devi evitare di usare quei prodotti disgorganti industriali a base di soda caustica, quelli penso che potrebbero mangiare la plastica.
      Ciao Veggie

      Elimina
    2. basta che provi a mettere bicarbonato e aceto su un pezzo di plastica e verifichi tu stesso, comunque l'acido acetico è un acido debole quindi non "si mangia" la plastica tant'è che l'aceto bianco lo vendono in bottiglie di plastica, la reazione con bicarbonato è una reazione di neutralizzazione quindi non causa problemi.

      Elimina
  8. aceto bianco è aceto di VINO bianco o di mele? Forse altro?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per aceto bianco normalmente si intende quello di vino, anche se non è vietato usare quello di mele, solo che ha costi più elevati ed è sprecato utilizzarlo negli scarichi.
      Ciao Veggie

      Elimina
  9. Ciao Veggie, io ho il tubo di scarico di plastica a soffietto, posso usarlo anch'io questo metodo? Grazie Veggie. Giovanna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, bicarbonato e aceto sono innocui.
      Ciao Veggie

      Elimina
  10. Salve mi serve un consiglio per togliere la melma dai bidoni dell acqua e non so come levarla grazie veronica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, prova con la soda Solvay e acqua calda, è un ottimo detergente e compatibile anche con i contenitori per generi alimentari.
      A presto
      Veggie

      Elimina
  11. Vorrei un consiglio per lo scarico della cucina. Ogni circa 2 mesi si intasa lo scarico e non scende più l'acqua dal lavandino. Puntualmente l'idraulico che viene a fare la disostruzione meccanica trova pezzi di calcare che credo si formino col sapone della lavastoviglie.
    Ho provato vari saponi. Prima usavo le tavolette per lavastoviglie. Poi mi hanno detto di usare solo quelli liquidi ma la situazione non è cambiata. Ultimamente uso un gel lavastoviglie della winni's.
    Grazie
    Erika

    RispondiElimina

LA MIA E-MAIL veggie822@yahoo.it

Sostienici con una piccola donazione, grazie!PER DONAZIONI
Versare l'importo desiderato sulla carta Postepay intestata a : PAOLETTI LILIANA
CARTA POSTEPAY N° 4023 6006 2473 4010