Pubblicato mercoledì 30 giugno 2010e aggiornato il

ricicliamo un vecchio spremiagrumi

Un po' in tutta Italia si svolgono periodicamente dei mercatini dell'usato.
Che belli che sono! Non riesco ad evitare di fermarmici, è come fare un tuffo nel passato.
Si trovano tante vecchie cianfrusaglie a pochi soldi.
Alcuni oggetti mi riportano all'infanzia, come questo spremiagrumi che ho trovato in uno scatolone del "tutto a 1 euro" insieme a piattini e barattoli dello stesso periodo.
Sul manico in vetro c'è scritto "ITALY" e bisogna ammettere che fa un certo effetto leggere quella scritta. In un periodo dove tutto è "made in China e dintorni" quando si trovano degli oggetti italiani sembra di tornare a casa! ...eppoi che qualità! Vuoi mettere spremere un frutto su un vetro spesso come questo o spremerlo su uno spremiagrumi di plastica colorata come quelli di oggi?
Certo esistono anche spremiagrumi elettrici e professionali, ma quando posso evitare di utilizzare degli elettrodomestici mi sento meglio, preferisco di gran lunga gli oggetti manuali come quelli di un tempo.
Un oggettino così si può recuperare non solo per bellezza, ma proprio per essere utilizzato.
Non ci vuole molto, sono sufficienti acido citrico e pazienza.
Ho fatto una soluzione al 20% di acido citrico in acqua di rubinetto e ho immerso lo spremiagrumi incrostato. L'ho lasciato a bagno fino al giorno dopo. Ogni tanto munita di guanti e aiutandomi con un vecchio spazzolino da denti (mio alleato) passavo a dargli una strofinatina.
Ho continuato così fino a quando anche l'ultima incrostazione è scomparsa. Poi l'ho sciacquato.
Così ho trasformato un vecchio spremiagrumi...

da così:













a così:



La soluzione di acido citrico anche se sporca, può essere ancora recuperata per pulire il W.C. dalle incrostazioni di calcare, non buttiamola!
Veggie
Quest'opera (testi e foto) è protetta dai diritti d'autore rilasciati da Creative Commons. I termini della licenza sono disponibili in versione integrale nel Codice Legale dove vengono spiegati in dettaglio i diritti ad essa attribuiti. Sono altresì disponibili sulle pagine internet sottostanti cliccando sui link e sul logo di Creative Commons. Chiunque utilizzi quest'opera come diversamente espresso dall'autore commette una violazione sui diritti d'autore.
Licenza Creative Commons
RICICLIAMO UN VECCHIO SPREMIAGRUMI by veggie822 - LILIANA PAOLETTI is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia License.
Based on a work at lareginadelsapone.blogspot.com.

8 commenti:

  1. Mitica!!! Anch'io adoro i mercatini! Devo proprio procurarmi l'acido citrico!

    RispondiElimina
  2. Brava Veggie! Anch'io non resisto ai mercatini e al riuso o riciclo di vecchi oggetti!

    RispondiElimina
  3. @Piccolalory: se nella tua città trovi un negozio di enologia lo puoi acquistare a prezzi davvero convenienti, intorno ai 5,00 euro al kg.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  4. @Dada: chissà perché ne ero sicura ;-)
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  5. Bello, anche io ho un spremiagrumi proprio uguale, ereditato dalla suocera.. ma questo metodo bellissimo con l'acido citrico funzionerà anche con i bicchieri rovinati dalla lavastoviglie? Quasi quasi ci provo..
    Un caro saluto

    RispondiElimina
  6. Beh diciamo che l'acido citrico rimuove i depositi di minerali. Se il vetro è proprio rovinato lo migliorerà in parte liberandolo dal calcio che di solito si ferma proprio dove il vetro è rovinato, ma non potrà fare di più.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  7. l'acido citrico dove posso trovarlo? grazie!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo trovi nei negozi di enologia (quelli che vendono i prodotti per il vino), in alcuni consorzi agrari, anche in farmacia possono fartelo avere (ma te lo faranno pagare di più) nei negozi di chimica oppure online ci sono tanti riferimenti.
      Ciao Veggie

      Elimina

LA MIA E-MAIL veggie822@yahoo.it

Sostienici con una piccola donazione, grazie!PER DONAZIONI
Versare l'importo desiderato sulla carta Postepay intestata a : PAOLETTI LILIANA
CARTA POSTEPAY N° 4023 6006 2473 4010