Pubblicato mercoledì 28 aprile 2010e aggiornato il

preparare la cera per saponi e cosmetica

Chi come me è spesso alle prese con qualche spignattamento (ma chi ha coniato questo termine?!?!) ha spesso bisogno di piccole quantità di cera d'api. Una bella scocciatura però ogni volta dover grattare la quantità giusta e solo per pochi grammi sporcare la grattugia.
Il solo pensiero di quanto lavoro è richiesto per rimuovere i residui di cera a volte ci fa rinunciare...
Così ho escogitato un sistema per avere cera sempre pronta senza sporcare niente.
La cera così preparata si potrà usare per creme e saponi e tutte le altre preparazioni in cui sono richiesti pochi grammi di cera. Faremo delle mezze sfere di cera del peso di 2 o 3 grammi ciascuna, così mettendone una o più di una si potrà facilmente raggiungere la quantità di cera richiesta dalla ricetta.
Servirà un pentolino sufficientemente ampio da poter accogliere l'intero blocco di cera che abbiamo, uno stampo in silicone con divisori piccoli. Sono perfetti quelli dei cioccolatini come quello con le mezze sfere che si vede nelle immagini oppure altre forme purché siano piccoli. Se non avete uno stampo adatto in silicone si potranno usare gli stampi per il ghiaccio, anche di quelli esiste la versione con le sfere delle quali si userà solo la parte inferiore. Se userete stampini per il ghiaccio però, è necessario ungerli con olio d'oliva per facilitare l'estrazione delle mezze sfere di cera una volta solidificate.
Procedimento:
Mettere il blocco di cera nel pentolino e portarlo sul fuoco. Accedere il fornello mantenendo il calore al minimo. La cera inizierà subito a sciogliersi dalla parte del blocco che tocca il fondo. Quando un po' di cera si sarà sciolta si potrà già iniziare a versarla negli stampini. Poi il pentolino con la cera si metterà di nuovo sul fuoco e si verserà ancora negli stampi appena liquida finchè non si saranno riempiti tutti gli scomparti. Non riempiteli fino all'orlo. Alcuni fateli più pieni, altri a metà. In questo modo si otterranno delle mezze sfere di peso variabile, alcune peseranno 2 grammi, altre 3 grammi, così quando andremo a metterle sulla bilancia potremo ottenere il peso esatto della cera che ci occorre.
Una volta riempito lo stampo o gli stampi, aspettate che la cera si raffreddi e si solidifichi poi sformateli e riponeteli in un vasetto di vetro (ci vorranno meno di 30 minuti). Riporre il blocco di cera rimasto fino a nuovo uso. Tutto il procedimento richiede meno di 10 minuti ed è davvero funzionale.
Veggie
Quest'opera (testi e foto) è protetta dai diritti d'autore rilasciati da Creative Commons. I termini della licenza sono disponibili in versione integrale nel Codice Legale dove vengono spiegati in dettaglio i diritti d'autore relativi a quest'opera. Sono altresì disponibili sulle pagine internet sottostanti cliccando sui link e sul logo di Creative Commons. Chiunque utilizzi quest'opera come diversamente espresso dall'autore commette una violazione sui diritti d'autore.
Creative Commons License
PREPARARE LA CERA PER SAPONI E COSMETICA by
veggie822 - LILIANA PAOLETTI is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License.
Based on a work at lareginadelsapone.blogspot.com.

13 commenti:

  1. Molto interessante, grazie.
    Io però mi ero fatta procurare della cera da un apicoltore e quindi la mia cera è abbastanza sporca.
    Una volta avevo provato a pulirne un po'. Avevo messo la cera in un pentolino con dell'acqua; la cera pulita rimaneva in superficie, e poi la travasavo su carta forno; ma era un lavoraccio e poi dei pezzetti di sporco rimanevano ancora attaccati.
    Non esisterà un metodo più semplice?
    Una curiosità: come riesci a pulire il pentolino dalla cera?
    Grazie, Enrica

    RispondiElimina
  2. @Enrica: Il metodo che conosco io è più semplice, perché non prevede una filtratura. Filtrare la cera è un'operazione impossibile, perché mentre si filtra freddandosi solidifica e rende impossibile portare a termine l'operazione.
    Si mette la cera in un pentolino con abbondante acqua. Si mette sul fuoco dolce, man mano che la cera si scioglie si gira per liberarla dalle impurità. Quando è completamente sciolta si spegne il fornello e ben calda si versa in un contenitore usa e getta, tipo le vaschette d'alluminio o quelle del forno. Si lascia raffreddare completamente. Durante la fase di raffreddamento la cera si solidifica in superficie formando uno strato spesso, mentre sotto rimangono l'acqua con le impurità. Poi si preleva il blocco e se sono rimaste delle impurità nella parte inferiore si grattano via.
    Puoi conservare il blocco così com'è oppure fonderlo dolcemente e versare la cera in contenitori "stampo" per esempio i bicchierini di carta dei gelati o i bicchieri di plastica usa e getta (ma solo se non puoi farne a meno)o anche fondi delle bottiglie di plastica delle bibite.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  3. E' un sistema molto interessante.
    Ho sempre avuto il problema di aver bisogno di poche decine di grammi di cera da togliere da una grossa lastra che si scheggia durante la lavorazione.
    Penso sia difficile invece trovare la forma di silicone come la tua. Ho guardato al supermercato oggi ma non c'è l'hanno.
    Skorpy

    RispondiElimina
  4. Bisogna approfittare ed acquistarle in qualche fiera o in negozi di casalinghi specializzati. Comunque la cera si può preparare anche negli stampini per il ghiaccio. Prima di trovare quello in silicone facevo così anch'io.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  5. Ciao Veggie, dove posso comprare della cera in blocco, come quella delle tue foto, a Roma, che tu sappia? visto che sai proprio tutto, incredibile!!
    Grazie
    Claudia

    RispondiElimina
  6. @Claudia: quella cera l'ho comprata da un rivenditore italiano di Ebay tempo fa, se guardi ce ne sono diversi. L'avrà colata intenzionalmente in uno stampo di quella forma per avere un blocco piatto che potesse andare in un pacchetto con costi inferiori di spedizione rispetto al classico pacco (che come sappiamo la posta ci fa pagare € 9,10).
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  7. La forma piatta in quel formato l'ho anch'io, cambia il disegno. Somiglia stranamente ai contenitori di aliemnti quando vai a comprare i sott'oli che vendono a peso al supermercato e forse usano quei contenitori.
    Skorpy

    RispondiElimina
  8. Si, sono proprio quel tipo. Anche le vaschette delle carote o di altre verdure confezionate vanno bene, insomma tutte quelle vaschette del supermercato che sono riciclabili.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  9. Grazie della dritta Veggie, ne ho approfittato ed ora ho il mio vaso con i cuoricini di cera d'api, sai quante volte ho evitato di usarla solo per non impazzire per grattarne pochi grammi? Nonnabè

    RispondiElimina
  10. magari il problema fosse pulirla io nemmeno la trovo..vi sarei grata se poteste indicarmi dove prenderla in rete l'ho trovata solo liquida...un saluto a tutte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io la compro facilmente su ebay, da questo venditore che ti segnalo, ti arriva velocemente e non costa poi molto:
      http://www.ebay.it/itm/300-gr-PURA-CERA-DAPI-NATURALE-CANDELE-SAPONI-MOBILI-/330365072796?pt=Candele_e_Incensi&hash=item4ceb4af59c
      Ciao Veggie

      Elimina
  11. ciao...scusate se mi intrometto...sono nuova...io ho la cera d'api che faceva di casa ma di molti anni fa...qualcuno sa dirmi se è ancora buona?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Annusala e avrai la risposta, se l'odore è buono lo è anche la cera.
      Ciao Veggie

      Elimina

LA MIA E-MAIL veggie822@yahoo.it

Sostienici con una piccola donazione, grazie!PER DONAZIONI
Versare l'importo desiderato sulla carta Postepay intestata a : PAOLETTI LILIANA
CARTA POSTEPAY N° 4023 6006 2473 4010