Pubblicato venerdì 23 aprile 2010e aggiornato il

olio di cocco "Cast Away"

Ho chiamato così quest'olio perché mi ricorda troppo Tom Hanks alle prese con le noci di cocco per la sua sopravvivenza.
E' proprio questo il senso che dobbiamo dare a questo prodotto, un olio da preparare in caso di necessità. E' una preparazione di fortuna che faremo quando avremo bisogno di poco olio di cocco per cosmetica e saponi.
Data la difficoltà che c'è, in alcune zone d'Italia nel reperire olio di cocco pronto, questo metodo di estrazione potrebbe rivelarsi utile quando ce ne occorrono piccole quantità.





OLIO DI COCCO "CAST AWAY"
Ingredienti:
polpa di noce di cocco fresca grattugiata, cosiddetta "copra" oppure
farina di cocco essiccata, cosiddetta "cocco rapè"
acqua di rubinetto
Preparazione:Mettere la polpa dentro una pentola con abbondante acqua e farla bollire dolcemente per 2 ore. Se nel frattempo l'acqua dovesse evaporare troppo rimboccarne di nuova in modo che la polpa possa nuotare comodamente.
Spegnere, coprire e lasciare che il composto si intiepidisca.
Filtrarlo attraverso un tessuto di cotone e strizzare bene la polpa per non perdere neanche un grammo di olio.
Il liquido così ottenuto è una miscela di acqua e olio. Dobbiamo separarli per tenerci solo l'olio.
Versare il contenuto in una vaschetta di plastica che abbia l'imboccatura larga e che ci possa permettere in seguito di estrapolare una lastra intera di olio una volta solidificato.
Coprire, e mettere in frigorifero fino al giorno dopo.
L'olio si sa, galleggia sull'acqua, quindi con il passare del tempo tenderà a salire in superficie. L'olio di cocco alle basse temperature solidifica, quindi osserviamo il nostro contenitore il giorno seguente. Quando vediamo una lastra bianca sulla superficie possiamo andare avanti.
Prendiamo il contenitore dal frigorifero e lo trasferiamo per un'ora massimo nel congelatore, in modo che l'olio di cocco diventi più duro e non inizi a sciogliersi con il calore delle mani non appena lo toccheremo per estrapolarlo.
Trascorsa l'ora vuotiamo tutto il contenuto in una insalatiera (l'acqua non sarà congelata). Velocemente prendiamo la lastra di olio e poniamola in una pentola. Accendiamo il fornello dolcemente e scaldiamo l'olio cercando di girare un po' per far epaorare qualche residuo d'acqua.
Quando ci sembra che non ci sia più acqua possiamo versarlo in un barattolo. Prima di chiudere attendere che sia completamente freddo.
L'olio così ottenuto contiene sempre qualche piccolo residuo d'acqua, quindi è bene consumarlo in breve tempo.
Non ho calcolato la resa della polpa di cocco fresca, ma il cocco rapè ha una resa del 20% circa.
Questo significa che da un pacchettino di cocco rapè di 250 gr. si potranno ricavare circa 50 gr. di olio.
Veggie

Quest'opera (testi e foto) è protetta dai diritti d'autore rilasciati da Creative Commons. I termini della licenza sono disponibili in versione integrale nel Codice Legale dove vengono spiegati in dettaglio i diritti d'autore relativi a quest'opera. Sono altresì disponibili sulle pagine internet sottostanti cliccando sui link e sul logo di Creative Commons. Chiunque utilizzi quest'opera come diversamente espresso dall'autore commette una violazione sui diritti d'autore.
Creative Commons License
OLIO DI COCCO "CAST AWAY" by veggie822 - LILIANA PAOLETTI is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License.
Based on a work at lareginadelsapone.blogspot.com.

11 commenti:

  1. Ciao,potrei aggiungere il conservante (io uso il Cosgard) ??

    RispondiElimina
  2. Ciao, non saprei.. più che uin conservante servirebbe un antiossidante ROE o Vit. E). In ogni caso se rimuovi bene tutta l'acqua l'olio si conserva normalmente.
    Veggie

    RispondiElimina
  3. Vorrei sapere perche' la farina i cocco deve bollire per 4 ore.
    Su youtube ho visto che si fa bollire per 5 minuti....una bella differenza,come mai??

    RispondiElimina
  4. Si farà bollire per 5 minuti non certo per estrarne l'olio, al limitye fai una prova e vedi se in 5 minuti si riesce ad estrarre il 20% di olio dal peso iniziale della farina.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  5. Ciao Veggie, anch'io adotto il tuo stesso metodo utilizzando spesso la farina di cocco. Per conservare più a lungo il burro di cocco, infatti ci aggiungo qualche goccia di vitamina E....anche se in realtà lo utilizzo quasi subito. Poi con la farina filtrata mi ci faccio un ottimo scrub per il corpo aggiungendo qualche goccia di olio essenziale a piacere! Mi infilo nella vasca da bagno e....non ne uscirei più!!!!
    Ciaoooooooooooooo

    RispondiElimina
  6. Buongiorno :) Ho due domande: per quanto tempo si conserva l'olio di cocco senza aggiungere la vitamina E o altre cose e dove lo conservo?in frigo?

    RispondiElimina
  7. Quale olio di cocco? Se si tratta di questo olio di cocco, non direi che abbia una lunga conservazione in qunto potrebbe contenere dei residui di acqua.
    L'olio di cocco acquistato invece dovrebbe avere una scadenza riportata sulla confezione. Non è necessario conservarlo in frigorifero.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  8. mi dai una ricetta per fare il sapone per il corpo con l'olio di cocco (dato che ho un amico con un laboratorio che me lo regala)?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi scrivere all'interno del gruppo, ho visto che ti sei iscritta.
      A presto Veggie

      Elimina
  9. Ma bisogna per forza grattugiarlo? Non si può fare a pezzettini?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grattugiandolo si sfrutta meglio e si ricava una quantità maggiore di olio, ma nulla vieta di farlo a pezzettini, magari piccoli.
      Ciao Veggie

      Elimina

LA MIA E-MAIL veggie822@yahoo.it

Sostienici con una piccola donazione, grazie!PER DONAZIONI
Versare l'importo desiderato sulla carta Postepay intestata a : PAOLETTI LILIANA
CARTA POSTEPAY N° 4023 6006 2473 4010