Pubblicato lunedì 18 gennaio 2010e aggiornato il

tingere i tessuti in modo naturale

E' possibile tingere tessuti o lane senza ricorrere alla chimica, basta un po' di aceto o del sale comune da cucina.

TINGERE I TESSUTI IN MODO NATURALE
Occorrente:
Piante e fiori in piena fioritura, radici, noci, foglie, verdure, bacche, frutti maturi, tè, caffé ecc..
sale e aceto
vecchie pentole, cucchiaio di legno e altri attrezzi normalmente presenti in cucina
guanti di gomma
Procedimento:
La prima cosa da fare è procurarsi le sostanze vegetali che abbiamo deciso di usare per tingere. Frutti, bacche, fiori o quant’altro verrà utilizzato dovrà essere preparato per liberare il colore.
Si procede così:
tagliare le piante in piccoli pezzi con un coltello adatto e metterle in una vecchia pentola. Se si usano radici, cortecce o ghiande, si possono mettere in un mixer e ridurle a pezzetti di piccole dimensioni.
Coprire le piante di acqua in quantità pari al doppio del loro volume. Girare con un cucchiaio di legno e portare a bollore. Far bollire dolcemente per un’ora. Spegnere e lasciare raffreddare completamente. Questa operazione se fatta di sera, in modo da lasciare le erbe a bagno tutta la notte, permette di ottenere un colore più intenso.
La mattina seguente dopo aver indossato i guanti di gomma, filtrare l’acqua colorata attraverso un colino a maglia fitta, premere le erbe e strizzarle per liberare tutto il colore.
Il colore è pronto, ora bisogna procedere alla preparazione dei tessuti.
Si possono tingere capi già finiti o tessuti e lane ancora da lavorare, in ogni caso stoffe che non vengono danneggiate dal trattamento di bollitura.
Vestiti o borse in stoffa da tingere devono essere ben lavati e privi di macchie grasse che potrebbero reagire con il colore e risultare ancora più evidenti. Le lane invece devono essere in matasse e non a gomitoli.
I colori naturali attecchiscono bene su tessuti naturali quali cotone, lino, seta, lana. Si tingono meglio tessuti leggeri.
I tessuti o i capi da tingere vanno preparati al colore immergendoli, prima di essere tinti in un “mordente” per un periodo di un’ora.
In genere per la mordenzatura si usano sostanze chimiche più o meno inquinanti: allume di potassio, cremortartaro, acido solforico ecc.., noi ci limiteremo ad utilizzare aceto o sale.

Soluzione all’aceto:
1 parte di aceto bianco
4 parti di acqua fredda

Questa soluzione è indicata quando si usano fiori, foglie e vegetali in genere.
Immergere i capi in una soluzione preparata con acqua fredda e bollire per 1 ora.

Soluzione al sale:
1 parte di sale
16 parti di acqua fredda

Questa soluzione è indicata quando si usano le bacche o frutta. Immergere i capi in una soluzione preparata con acqua fredda e bollire per 1 ora.

Trascorso il periodo di ammollo nel mordente sciacquare il tessuto in acqua fredda. Rimuovere l’eccesso di acqua e metterlo in una pentola con il bagno di colore (a freddo). Se il bagno di colore risultasse scarso aggiungere dell’acqua fino a coprire completamente la stoffa.
Portare lentamente a bollore e lasciar sobbollire dolcemente per 1 ora, o fino a quando non si ottiene il colore desiderato, tenendo presente che quando il tessuto sarà asciutto il colore risulterà più chiaro. Con questo metodo, però non si può pretendere di ottenere colori molto scuri, quindi perseverare nella bollitura per tempi eccessivamente prolungati non serve a niente. Dopo un’ora e mezza si sarà ottenuto il massimo della colorazione possibile. Terminata la fase di colorazione vuotare del colore bollente dalla pentola e aggiungere dell’acqua fredda in modo da abbassare la temperatura. Pian piano sostituire tutta l’acqua, sciacquare il tessuto con acqua fredda finché non uscirà più colore. Stendere ad asciugare.
E’ preferibile utilizzare sempre acqua fredda in tutti i lavaggi successivi affinché il colore tenga più a lungo.

Quantità indicative delle materie prime da utilizzare:
Le quantità che seguono sono approssimative, giusto per farci un'idea grossolana su quanti vegetali dobbiamo raccogliere. Le quantità possono essere modificate sulla base della gradazione di colore che si vuole ottenere.

100 gr. di fiori, foglie o bacche per ogni 100 gr. di tessuto da colorare.
200/250 gr. di scorze o cortecce per ogni 100 gr. di tessuto da colorare.
60 gr. di spezie coloranti, tè o caffè per ogni 100 gr. di tessuto da colorare.

Colori ottenibili con le sostanze vegetali:

toni di giallo/arancio
cipolle dorate (pelle), crespino, curcuma, fico d’india (frutto), sanguinaria (radice) (toni di rosso/arancio), sassofrasso
toni di beige/marrone
avena (crusca), caffè (macinato), castagne (ricci), ghiande, ginepro (bacche), henné, noce (mallo), romice, tè, scotano (foglie)
toni di rosa
amarene, ciliegie, fragole, lamponi (rossi), lavanda, rose
toni di blu/viola
acero rosso (corteccia), cavolo rosso, cedro rosso (radice), ciliegio (radici), guado (foglie del primo anno), indigofera, mirtillo, mora, papavero (fiori), sambuco,uva rossa
toni di rosso
barbabietola, foglie rosse in genere, karkadè, robbia, rosa (cinorrodo), scotano (frutti) (rosso leggero), tarassaco (radice)
toni di grigio/nero
iris (radici), scotano (foglie), carruba (baccello)
toni di rosso/viola
fitolacca (bacche), ibisco (fiori) (rosso scuro o viola)
toni di verde
artemisia, cipolle rosse (pelle), crespino (radice), erba (giallo/verde), melograno (frutti) (giallo/verde), ortica, piantaggine (radice), salvia, spinaci
toni di rosa pesca/salmone
annatto (povere), ginestra, susino (radici)
toni di giallo
arancia (scorza), bardana, calendula, cartamo, cipolle (pelle), dalia, eucalipto (foglie), paprika, reseda, ruta siriana, salice (foglie), scotano (corteccia), sedano, solidago (verga d’oro) (fiori), tarassaco (fiori)

L’elenco riporta solo alcune delle piante che si possono utilizzare. Il resto spetta alla nostra fantasia. Si possono utilizzare scarti di verdure come melanzane, cavolo, insalata, carciofi e spezie come cannella, curcuma, peperoncino, cacao, paprika e ancora cacao, tè ecc.. Oppure si può andare in passeggiata e raccogliere quello che si trova. In ogni caso sarà emozionante inventare ogni volta un colore nuovo.

Chi fosse interessato all'argomento di questo articolo, ma avesse difficoltà nel reperire le erbe tintorie può rivolgersi con fiducia al seguente negozio online dove troverà competenza e disponibilità oltre naturalmente alle erbe tintorie:

Erboristeria Sauro
Laboratorio d'Erbe Sauro
Piazza della Chiesa 20
Bosco Chiesanuova, Verona 37021
Italia
Telefono: 045-7050061
Fax: 045-7050806

Veggie
Quest'opera (testi e foto) è protetta dai diritti d'autore rilasciati da Creative Commons. I termini della licenza sono disponibili in versione integrale nel
Codice Legale
dove vengono spiegati in dettaglio i diritti d'autore relativi a quest'opera. Sono altresì disponibili sulle pagine internet sottostanti cliccando sui link e sul logo di Creative Commons. Chiunque utilizzi quest'opera come diversamente espresso dall'autore commette una violazione sui diritti d'autore.
Creative Commons License
TINGERE I TESSUTI IN MODO NATURALE by veggie822 - LILIANA PAOLETTI
is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License.
Based on a work at lareginadelsapone.blogspot.com.

70 commenti:

  1. Ciao Veggieee!!
    WonKo ti saluta ;)
    In boccallupo per questo nuovo blog...
    W.

    RispondiElimina
  2. sei riuscita a inserire le foto ?
    fammi sapere se hai problemi
    ciao
    Titti

    RispondiElimina
  3. ti aspetto sul mio blog ciao
    un bacio
    Titti

    RispondiElimina
  4. Grazie mille! Finalmente una spiegazione semplice e passo passo su come fare! Ho stampato il procedimento, non vedo l'ora di cominciare...

    RispondiElimina
  5. Bene! Poi fammi sapere i risultati.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Veggie, grazie mille del post. E' davvero ben costruito ed interessante, e mi fa venir voglia di esplorare tutto il tuo blog. Una piccola curiosità: secondo te è possibile tingere dei jeans grigi scuro di rosso? Verrà fuori qualcosa? Grazie mille..

      Elisabetta

      Elimina
  6. Salve.
    E' possibile utilizzare questi procedimenti anche per tingere le matasse di lana?
    Grazie, Daniela.

    RispondiElimina
  7. Ciao Daniela, teoricamente è possibile, anzi per la lana sarebbe meglio farlo prima, proprio per evitare l'infeltrimento degli indumenti. Però la lana è sensibile a soggiorni prolungati in acqua, quindi ti conviene provare prima con una piccola quantità di lana per vedere come reagisce.
    Veggie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao io ho appena tinto un pantalone bianco usando la tua procedura;con paprika curry cipolle è uscito bene un pò chiaro...è possibile ripetere il bagno di colore???se si qual'è la procedura??? Grazie!

      Elimina
    2. Non l'ho mai fatto ma penso che dovresti ripetere tutta la procedura usando una concentrazione maggiore di colore.
      Ciao Veggie

      Elimina
  8. Ciao Veggie,sono Gabri e volevo chiederti se per tingere potrei usare anche bacche chiaramente rosse o viola,tipo quelle del sambuco maturo o altre chiaramente velenose,tanto non le devo mangiare....E poi volevo chiederti se questa tintura resiste ai lavaggi con i detersivi tradizionali.Il tuo blog è davvero particolare,lo sto scoprendo un po' alla volta,e mi piacerebbe conoscere la tua "storia",cioè come sei arrivata a essere la regina del sapone!Forse l'hai già scritto da qualche parte ma non l'ho ancora trovato.Ciao Gabri

    RispondiElimina
  9. Ciao Gabri, si le bacche di sambuco vanno benissimo, per le altre velenose lascerei stare, non tanto perché i colori possano dar fastidio sulla pelle (se resistiamo alle tinte industriali...)quanto per evitare di portare in casa sostanze doppiamente pericolose per ingestione, meglio evitare.
    Per i lavaggi, come ho spiegato, solo lavaggi brevi e leggeri. I colori non altro altri fissativi oltre all'aceto o al sale, quindi è meglio non aggredirli. Si potrebbero paragonare i colori alle tinte per capelli o ai riflessanti, ecco è come se queste tinte fossero dei riflessanti quindi più facili da togliere.
    I detersivi tradizionali dal punto di vista della detergenza si possono paragonare ai saponi, quindi direi di si che puoi usarli, magari in piccole quantità e del tipo per indumenti delicati.
    La mia storia? Beh l'ho costruita qua e là. Sono diplomata in estetica (anche se ho esercitato per pochissimo tempo, ma ho tanti anni di esperienza in erboristeria. Se ti fa piacere leggerlo sul sito di pannolini lavabili racconto un po' il mio approccio al mondo del sapone.
    Un abbraccio ciao
    Veggie

    RispondiElimina
  10. Cara Veggie,ti ringrazio perchè sei veramente tempestiva nel rispondere ai nostri commenti,è un segno di grande attenzione verso i frequentatori del tuo sito.Ho letto le tua storia con interesse,certo che oggi la coscienza ecologica non è molto diffusa,anche perchè siamo bombardati su tutti i media da pubblicità martellanti relative a prodotti chimici,mentre i tuoi suggerimenti e le tue proposte sono,come dire,prodotti di nicchia riservati a pochi eletti col cervello funzionante e autonomo.....Grazie comunque per quello che fai nell'interesse di tutti ! Un grande saluto Gabri

    RispondiElimina
  11. Dear Madam,
    ho una camicia in lino di colore marrone che in seguito ad una errata smacchiatura è stata sottoposta ad un bagno in ipoclorito di sodio con la speranza di ottenere una colorazione quantomeno uniforme. Il risultato è stata una leggera velatura bianca superficiale ma la zona decolorata rimane tuttora ben evidente.
    Volendo tingerla con il caffè, quale soluzione di mordente è preferibile? Grazie, Dario.
    P.S. da link w/Swedish flag translates into swahili...

    RispondiElimina
  12. Ciao Dario, purtroppo il caffè non è in grado di risolvere un problema del genere, il colore non si uniformerebbe. Inoltre i tessuti tinti in questo modo non possono essere sottoposti a lavaggi intensivi come invece viene richiesto da indunmenti come le camicie.
    Veggie

    RispondiElimina
  13. E' tanto che me l'ero stampata ma non ti ho mai ringraziata pubblicamente. Forse aiuterò dei cari amici che fanno didattica con un progetto di erbe tintorie..e verrò qui a bussare :-) Un bacio cara

    RispondiElimina
  14. Bussa bussa! Se potrò aprire lo farò!
    Un bacione Veggie

    RispondiElimina
  15. Ciao Veggie
    Molto interessante la tua spiegazione come tingere, complimenti!

    Per me, tingere la lana, e diventato una passione. sono anni, che tingo della lana.

    La settimana scorsa era un Workshop a casa mia.. sul mio Blog (strickstube.blogspot.com scritto in tedesco)ogni tanto faccio vedere qualche foto delle mie matassine tinte a mano.
    saluti
    Hilde

    RispondiElimina
  16. veramente interessante, grazie!

    RispondiElimina
  17. Ciao!prima di tutto voglio farti i complimenti!sei davvero in gamba!io sono una stilista ma non mi sono mai affacciata alla tintura naturale per cui vorrei chiederti se tutte le erboristerie vendono queste erbe tintorie e come posso fare il colore magenta.Ti ringrazio in anticipo! :D

    RispondiElimina
  18. Ciao Veggie!
    Buona Estate!!
    :D
    Son sempre quì a chiederti consiglio...

    Ho autoprodotto i saponi liquidi per bucati (una meraviglia!!), vorrei chiederti se aggiungendo qualche erba tintoria o infuso della stessa potrei ottenere l'equivalente autoprodotto dei "detersivi per capi neri"... ci hai mai provato? Viene qualcosa di accettabile o il sapone annulla il potere rinvigorente dell'erba?
    Grazie!!
    Baci Fra'

    RispondiElimina
  19. i am visiting on first time to this blog and i really like it and i find it very help full, hope that you will keep it up and will share more information as like this
    Translation Services

    RispondiElimina
  20. domanda sicuramente stupida: posso usare anche uno solo degli elementi citati per ogni colore? o ne devo avere + di uno?

    RispondiElimina
  21. Certamente, devi scegliere tra quelli proposti, ho scritto le varie alternative quindi puoi usarne uno alla volta.

    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  22. mmmm dilemma! ho tinto la maglia col ribes (poco) e quel poco di colore che si è fissato s'è sbiadito asciugando al sole, possibile? lo ha fatto 2 volte dove ho sbagliato? ho fatto la soluzione col sale.

    RispondiElimina
  23. I colori organici sono molto sensibili alla luce, non è escluso che il sole abbia fatto la sua parte. Inoltre in questo metodo per colorare non si fa uso di fissativi chimici o sintetici, quindi bisognsa prendere una serie di accorgimenti per mantenere il colore, dall'evitare l'asciugatura al sole ai lavaggi veloci e possibilmente a basse temperature.
    Se già in origine comunque il colore ti è sembrato troppo leggero è possibile che debba aumentare un po' la quantità.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non credo che con i colori naturali si possa fare, direi di no...
      Ciao Veggie

      Elimina
  24. ciao mi chiamo natascia.
    sto tingendo cotone con ortaggi, bacche, ecc...
    come mordente sto usando allume o sale .
    ti chiedo ;ma posso riutilizzare il colore ottenuto ,mettendolo in bottiglie di vetro?
    e l acqua mordentata ?
    ti ho mandato un altro mess prima ma devo aver fatto casino.se trovi due mess uguali ,perdonami ma il pc non e' il mio forte .
    ciao natascia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Natascia, non saprei..
      Pur mettendolo in bottiglia servirà un consrvante..
      Veggie

      Elimina
  25. Buongiorno Veggie, piacere di conoscerla. ho trovato nel suo post tutto quello che cercavo... grazie infinite!
    ho letto dal suo profilo che è vegetariana e che conduce lo stile di vita che vorrei riuscire a raggiungere io.
    seguirò il suo blog... e interessantissimo!
    a presto e se le va venga a trovarmi per un caffè virtuale
    Za

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Za, benvenuta!
      Verrò sicuramente a trovarti, per il caffè virtuale e per vedere i tuoi blog.
      A presto Veggie

      Elimina
  26. Ciao veggi,piacere di conoscerti. Ho trovato molto ineressanti i tuoi consigli e per questo avrei bisogno di un tuo suggerimento.Dovrei tingere un capo di lana e cachemire di color rosso ancora da trattare. Usando il the come da te descritto,posso ottenere una tonalità di marrone? Infine come usare la tintura per non fare infeltrire troppo il capo? Premetto che è la prima olta che faccio questo esperimento!
    aA presto,Rosella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so dirti con precisione se otterrai un marrone, forse più un beige.
      Il possibile iinfeltrimento purtroppo non è da ecludere, fai pèrima qualch prova su capi da eliminare.
      Ciao Veggie

      Elimina
  27. Aiuto. Ho delle tende orribili in misto lino (50 lino e 50 poliestere) di un forte arancio a cui vorrei cambiare il colore..bianco..beige..Aiuto!Cosa posso fare?

    RispondiElimina
  28. ciao anonimo, secondo me visto che sono misto poly puoi usare della candeggina, le immergi per 3 minuti, prendi quella normale non delicata

    RispondiElimina
  29. meraviglioso post, quello che mi domando è questo: quanto possono durare talicolori, man mano sbiadiscono con i lavaggi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, nel post c'è scritto che i colori sono delicati e che non avendo altri fissatori che quelli descritti tendono a sbiadire con i lavaggi.
      Ciao Veggie

      Elimina
  30. Volevo ringraziarti per questo post, molto dettagliato nelle spiegazioni. Ho voluto subito provare e ci sono riuscita!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene, mi fa piacere, grazie a te.
      A presto Veggie

      Elimina
  31. Ciao Veggie,è possibile tingere tessuti in poliestere? una tenda da sole bianca, completamente in poliestere, in un un colore arancione .
    Grazie e complimenti per il blog,
    Meodemeis

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul tessuto ho dei dubbi per la resistenza al calore, ma c'è anche il problema della luce. I colori organici sono sensibili alla luce e tendono a sbiadire e in questo caso trattandosi di una tenda durerebbe poco.
      Ciao Veggie

      Elimina
  32. Ciao Veggie, volevo ringraziarti publicamente perchè seguendo il tuo procedimento naturale per tingere, ho tinto delle tele di lino e mi sono riusciti dei colori stupendi un bel rosa antico e poi ho provato col caffè e ho ottenuto un bel colore che fa sembrare la tela antica sono contentissima di averti conosciuto, dimenticavo di dirti che già sto ricamando queste tele.
    ciao Mariella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie infinite Mariella!
      Un abbraccio
      Veggie

      Elimina
  33. interessante! ho una camicia bianchissima che vorrei trasformare in color avorio, qual'è la soluzione migliore?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Userei la cosa più a portata di mano: il caffè.
      A presto Veggie

      Elimina
  34. ciao Veggie,
    posso usare questi colori e il mordente naturale anche per tingere pellami?
    grazie mille
    Rita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credo che il pellame possa sopportare temperature elevate..
      Ciao Veggie

      Elimina
    2. non vorrei immergerlo, ma tamponarlo, che ne dici? grazie mille

      Elimina
    3. I colori in sé non danno fastidio, ho solo paura che il tamponamento non sia sufficente, ma tentar non nuoce.
      Ciao Veggie

      Elimina
  35. infatti il problema è che il colore lo prende ma la pelle stinge a contatto con l'acqua, se strofinata con panno umido..... non so cosa usare per fissare bene il colore... ho provato anche con acido citrico..
    grazie Veggie
    ciao Rita

    RispondiElimina
  36. Monica 25 marzo 2013
    vorrei sapere se le pentole utilizzate posso usarle ancora per cucinare (se "no" perché ). Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, sono riutilizzabili, i colori sono naturali, non corrodono.
      Ciao Veggie

      Elimina
  37. Ciao, vorrei sapere se posso tingere un capo con la cerniera o bottoni . Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì certo, non so però se il tessuto della cerniera si tingerà dello stesso colore del capo.
      Ciao Veggie

      Elimina
  38. Senti nel tuo blog ho visto la foto di un gatto nero bellissimo " Musetto". Anche io ne avevo uno nero che era sopravvissuto a Silvestro un bellissimo tigrato con occhi truccati ( giuro) e verdissimi che ha vissuto per 17anni. Petrus quello nero è poi morto all'età di 19 anni. Son passati anni e ancora li rimpiango. Ti seguo spesso e sei in gamba. Mi manderesti tue mails.
    saluti casi Silvana.
    silvana.cariello@libero.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh già i nostri amici non si dimenticano.
      La mia email è scritta in alto nella colonna di destra.
      Ciao Veggie

      Elimina
  39. Ciao, sono Francesca. Hai un blog stupendo che spero di riuscire a rifrequentare.
    Ho letto in altri siti che usano l'allume di rocca come mordente, è inquinante? Fissa in modo più duraturo il colore? Vorrei provare a tingere dei filati di cotone ma ho poco tempo e vivo con la lavatrice a 30 gradi e lavaggi normali. Non vorrei stingere tutto in brevissimo tempo, quindi sto cercando come è meglio fare. Grazie per la disponibilità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è inquinante, meglio evitarlo.
      Ciao
      Veggie

      Elimina
  40. Ciao, vorrei un consiglio per recuperare un acamicia da uomo origianriamente di colore beige che si è macchiata qua e là con la candeggina. Io ho provato a tingerla di un colore più scuro usando la coloreria italiana ma il colore non è venuto omogeneo. Pensavo come untimo tentetivo di provare a farla bianca visto che le cuciture sono di quel colore ma come faccio? La posso semplicemente mettere nella candeggina?
    Grazie, Simona

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non saprei... non credo che con la candeggina riuscirai a togliere completamente il colore, forse potresti rimuoverlo il più possibile, ma poi dovresti procedere connuna nuova tintura diversa dal bianco, un colore coprente
      Ciao
      Veggie

      Elimina
  41. posso usarlo anche per tingere un maglione acrilico?? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dipende se il tessuto sopporta le alte temperature, nel qual caso puoi provarer ma non è sicuro che il colore attacchi sul sintetico...
      Veggie

      Elimina
  42. Buona sera, avrei bisogno di un consiglio..... ho fatto un abito di pura lana vergine a ferri color rosa, molto bello, purtroppo lavandolo, anche se steso a rovescio, una fetta ha preso il sole ed è diventato beige. posso tingerlo con il caffè senza correre il rischio di infeltrirlo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sinceramente non rischierei...
      Ciao
      Veggie

      Elimina
  43. Se invece devo tingere una maglietta però solo un disegno sulla maglia come faccio???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non saprei, con questo metodo non si può fare.
      Ciao

      Elimina
  44. Ciao Veggie brava!
    Per un marsupio di poliestere verde chiaro vorrei farlo diventare verde più scuro posso usare secondo te l'acqua degli spinaci ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, non credo sia sufficiente, in genere poi parliamo di tessuti sintetici, è più difficile che il colore aderisca
      Veggie

      Elimina
  45. Ciò che compri con la giusta scelta ha un valore doppio. Scopri la crema di carciofi. Vai su http://www.vitalbios.com/A/MTQ3OTIwNjUyOSwwMTAwMDA4MyxjcmVtYS1kaS1jYXJjaW9maS0yMTJtbC5odG1sLDIwMTYxMjEzLG9r

    RispondiElimina

LA MIA E-MAIL veggie822@yahoo.it

Sostienici con una piccola donazione, grazie!PER DONAZIONI
Versare l'importo desiderato sulla carta Postepay intestata a : PAOLETTI LILIANA
CARTA POSTEPAY N° 4023 6006 2473 4010