Pubblicato martedì 6 dicembre 2016e aggiornato il

come si accendono i carboncini (per bruciare l'incenso in grani)

Chissà quante volte vi sarà capitato di volere bruciare dell'incenso per purificare l'ambiente e non ci siete riusciti.
Ecco come si fa.

Necessario:
1 braciere per incenso
carboncini per incenso
1 pinza per carboncini (o altra a piacere purché resistente al calore)
incenso, mirra e/o benzoino (o altre resine da bruciare)
fiori e foglie essiccati da bruciare (a piacere)
Procedimento:
Semplicissimo ma seguite attentamente il video.

Veggie
Quest'opera (testi e foto) è protetta dai diritti d'autore rilasciati da Creative Commons. I termini della licenza sono disponibili in versione integrale nel Codice Legale dove vengono spiegati in dettaglio i diritti ad essa attribuiti. Sono altresì disponibili sulle pagine internet sottostanti cliccando sui link e sul logo di Creative Commons. Chiunque utilizzi quest'opera come diversamente espresso dall'autore commette una violazione sui diritti d'autore.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Carboncini Box da 100 Pz Voto medio su 12 recensioni: Da non perdere
€ 11.9
10 Carboncini di Incenso - Tubo
Pastiglia di incenso
€ 1.5
Set Pinza e Cucchiaio per Carboncini e Resine Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere
€ 3
Pinza Raccogli Carboncino
22cm
€ 12

confettura di cachi

Buonissima!
La versione che propongo contiene poco zucchero, per favorire la gelificazione consiglio di aggiungere dell'agar agar, che servirà anche ad abbreviare i tempi di cottura.
Questa marmellata si può fare con soli cachi aromatizzandola con della vaniglia, oppure con l'aggiunta di cacao amaro o farina di carrube che la rende davvero speciale!

CONFETTURA DI CACHI
Ingredienti:
(per 3-4 vasetti circa)
2 kg di cachi maturi
500 g circa di zucchero di canna
1/2 cucchiaino di vaniglia in polvere oppure mezzo baccello
1/2 limone biologico (succo e scorza)
1 e 1/2 cucchiaini di agar agar in polvere (facoltativo)
cacao in polvere o farina di carrube (facoltativi)
Preparazione:
Segui le indicazioni del video:

Veggie
Quest'opera (testi e foto) è protetta dai diritti d'autore rilasciati da Creative Commons. I termini della licenza sono disponibili in versione integrale nel Codice Legale dove vengono spiegati in dettaglio i diritti ad essa attribuiti. Sono altresì disponibili sulle pagine internet sottostanti cliccando sui link e sul logo di Creative Commons. Chiunque utilizzi quest'opera come diversamente espresso dall'autore commette una violazione sui diritti d'autore.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Agar Agar in Polvere
Gelidificante 100% vegetale - Addensante per marmellate, budini, dolci
Voto medio su 58 recensioni: Da non perdere
€ 7.8

Carobpulver - Farina di Carrube - 250 g
Farina di carruba ottimo sostituto del cacao
Voto medio su 86 recensioni: Da non perdere
€ 3.3

Pubblicato domenica 13 novembre 2016e aggiornato il

pesto di rucola e okara di mandorle (vegan)

Questa ricetta nasce per recuperare l'okara di mandorle che rimane dalla preparazione del latte di mandorle, ma è così buona da far venir voglia di fare il latte più spesso!
La ricetta prevede la rucola perchè ora siamo a novembre, ma in estate è possibile realizzarla anche con il basilico.

PESTO DI RUCOLA E OKARA DI MANDORLE (VEGAN)
Ingredienti:
150 g di okara di mandorle (quella che rimane dalla produzione di 1 litro di latte)
100 g di rucola
120 ml di olio extravergine d'oliva
4 cucchiai di lievito alimentare in scaglie
1 cucchiaio di semi di girasole
1 cucchiaio di purè di patate in fiocchi (liofilizzato)
1 spicchio di aglio
1 manciata di sale grosso
noce moscata
Preparazione:
Seguite le indicazioni riportate nel video nei vari passaggi.

Buon pranzo!
Veggie
Quest'opera (testi e foto) è protetta dai diritti d'autore rilasciati da Creative Commons. I termini della licenza sono disponibili in versione integrale nel Codice Legale dove vengono spiegati in dettaglio i diritti ad essa attribuiti. Sono altresì disponibili sulle pagine internet sottostanti cliccando sui link e sul logo di Creative Commons. Chiunque utilizzi quest'opera come diversamente espresso dall'autore commette una violazione sui diritti d'autore.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Lievito Alimentare Scaglie
Fonte naturale di proteine, Vitamine B1 e B9
Voto medio su 168 recensioni: Da non perdere
€ 3.74

Purè di Patate in FiocchiVoto medio su 4 recensioni: Buono
€ 3.62

Pubblicato martedì 8 novembre 2016e aggiornato il

zucca ripiena ...e polpettine!! (vegan)

Ricetta squisita da fare ora!

ZUCCA RIPIENA ...e polpettine!! (vegan)
Ingredienti:
(per 4 pezzi)
800 g circa di zucca
20 g di granulare di soia (ristrutturato di soia)
1/2 tazza di un cereale a chicchi già cotto (farro, orzo, riso, miglio, grano)
1 pomodoro rosso
1 cucchiaio di lievito alimentare in scaglie
pangrattato
salvia
sale - olio
farina per le polpettine
Preparazione:
Reidratate il granulare di soia in acqua bollente per 15 minuti, poi scolatelo e strizzatelo.
Tagliate la zucca in 4 pezzi e precuocetela in forno per 15 minuti.
Scavate i pezzi di zucca, e preparate il ripieno come mostrato nel video.
Riempite la zucca e fatela cuocere in forno per circa 30-40 minuti a calore medio.
Con il ripieno avanzato potete ricavarne delle polpettine. Basterà aggiungere della farina per dare consistenza e un goccio d'olio extravergine d'oliva.
Quando saranno pronte aggiungetele alla zucca in cottura nel forno e fatele cuocere per il tempo che serve.
Per maggiori dettagli sulla ricetta guardate il video:

Veggie
Quest'opera (testi e foto) è protetta dai diritti d'autore rilasciati da Creative Commons. I termini della licenza sono disponibili in versione integrale nel Codice Legale dove vengono spiegati in dettaglio i diritti ad essa attribuiti. Sono altresì disponibili sulle pagine internet sottostanti cliccando sui link e sul logo di Creative Commons. Chiunque utilizzi quest'opera come diversamente espresso dall'autore commette una violazione sui diritti d'autore.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Granulare di Soia Bio
100% vegetale
€ 3.88

Granulare di Soia Voto medio su 41 recensioni: Da non perdere
€ 2.6




Pubblicato domenica 30 ottobre 2016e aggiornato il

medaglioni di zucca (vegan) (gluten free)

Ricetta golosissima da fare ora, in piena stagione.
E' da preferire un tipo di zucca dalla buccia tenere, buona da mangiare, ma potete usare anche altre zucche, tagliando via la buccia.
Ho fatto medaglioni, perché la zucca che ho usato era tonda, ma è possibile tagliare la zucca nel senso della lunghezza ed ottenere delle bistecchine o cotolette.

MEDAGLIONI DI ZUCCA
Ingredienti: 
(per 4 medaglioni)
4 fette di zucca
50 g di pangrattato Senza glutine per gli intolleranti)
25 g di farina di mais fioretto
1 cucchiaio di lievito alimentare in scaglie
1 cucchiaino di rosmarino secco
2 cucchiai di farina di ceci
olio extravergine d'oliva
olio per friggere
sale

Preparazione:
Tagliate la zucca, salatela in superficie  e precuocete le fette in forno per 10 minuti.
Nel frattempo preparate una pastella densa che sostituirà l'uovo, con la farina di ceci, 1 cucchiaino di olio extravergine d'oliva, un pizzico di sale e poca acqua sufficiente ad ottenere una pastella densa (nel video potete vedere il tipo di consistenza ottimale).
Preparate anche la panatura.
E' necessario polverizzare il rosmarino, se non avete rosmarino in polvere potete mettere il rosmarino insieme alla farina di mais in un macinacaffè, così con il volume della farina si macinerà sottilmente.
Quando avrete ottenuto la polvere mettetela in una ciotola e aggiungete il pangrattato, il lievito, un pizzico di sale. Mescolate bene.
Dopo la precottura della zucca, aspettate qualche minuto che si raffreddi un po', poi passate alla panatura.
Spennellate le fette con la pastella di ceci, poi passatele nella deliziosa panatura.
Friggetele in poco olio a calore medio-alto oppure in forno per una ventina di minuti, mettendole su un foglio di carta-forno con poco olio.
Maggiori dettagli sulla ricetta nel video.
Veggie
Quest'opera (testi e foto) è protetta dai diritti d'autore rilasciati da Creative Commons. I termini della licenza sono disponibili in versione integrale nel Codice Legale dove vengono spiegati in dettaglio i diritti ad essa attribuiti. Sono altresì disponibili sulle pagine internet sottostanti cliccando sui link e sul logo di Creative Commons. Chiunque utilizzi quest'opera come diversamente espresso dall'autore commette una violazione sui diritti d'autore.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Lievito Alimentare in Scaglie Voto medio su 50 recensioni: Da non perdere
€ 4.99

Lievito Alimentare Scaglie
Fonte naturale di proteine, Vitamine B1 e B9
Voto medio su 166 recensioni: Da non perdere
€ 3.74

Pubblicato mercoledì 26 ottobre 2016e aggiornato il

estrazione del gel di aloe vera da pianta fresca

Quante volte abbiamo visto questa bellissima pianta nei giardini, ai cigli delle strade, senza sapere che si trattasse di aloe vera?
Si tratta di una pianta molto diffusa, che si moltiplica con facilità. Oggi ne avete una e il prossimo anno  alla base della pianta nasceranno almeno 5-6 piantine nuove.
Facile da coltivare anche in vaso, quindi fatelo, così potrete utilizzare il gel dalle tante virtù.
Vediamo in breve quali sono, e in quali occasioni si può utilizzare.  Alla fine del post metterò i titoli di qualche libro, se vorrete approfondire l'argomento:
- Idratante
- Antirughe
- Decongestionante
- Abrasioni
- Piaghe da decubito
- Scottature solari
- Ustioni
- Eczemi
- Psoriasi
- Punture d'insetti
In cosmetica trova impiego in creme per il viso e per il corpo, ma anche in balsami per capelli, nei deodoranti nei prodotti da barba, come il sapone e il dopobarba.


ESTRAZIONE DEL GEL DI ALOE VERA DA PIANTA FRESCA
Procedimento:
Innaffiate la pianta nei 2-3 giorni che precedono il momento del prelievo delle foglie.
Tagliate le foglie più grandi e carnose, quelle alla base della pianta. Lavatele, poi con un coltello affilato e liscio asportate i bordi.
Asportate la calotta superiore della foglie, poi prelevate il gel.
Tagliatelo a pezzi e infine frullatelo. Il gel è molto fibroso anche se a vederlo così non si direbbe.
Come ultima operazione filtratelo, così lo libererete da impurità e pezzetti di pelle della foglia residui.
La polpa che rimane nel passino, non buttatela. Mettetela in un vasetto e conservatela in frigorifero, nei prossimi giorni utilizzatela come crema per ammorbidire e nutrire la pelle delle mani.
Quando il gel è pronto versatelo in vaschette dei cubetti di ghiaccio, e congelatelo.
Al momento del bisogno avrete gel fresco pronto all'uso.
Una volta che i cubetti saranno pronti, potrete estrarli dagli stampi e riporli in vaschette di plastica o bustine da freezer che metterete di nuovo in congelatore.
Maggiori particolari sull'estrazione nel video.
Veggie
Quest'opera (testi e foto) è protetta dai diritti d'autore rilasciati da Creative Commons. I termini della licenza sono disponibili in versione integrale nel Codice Legale dove vengono spiegati in dettaglio i diritti ad essa attribuiti. Sono altresì disponibili sulle pagine internet sottostanti cliccando sui link e sul logo di Creative Commons. Chiunque utilizzi quest'opera come diversamente espresso dall'autore commette una violazione sui diritti d'autore.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Aloe Vera
La Regina delle Piante Medicinali. Belli e sani in modo naturale con l'estratto puro di Aloe Vera.
Voto medio su 7 recensioni: Da non perdere
€ 5.9

Aloe Vera
Le proprietà terapeutiche di una pianta versatile ed efficace

Aloe Vera
Curarsi con l'Aloe Vera
Voto medio su 1 recensioni: Sufficiente
€ 4.9


Pubblicato sabato 22 ottobre 2016e aggiornato il

confettura di kiwi e pere (con poco zucchero)


CONFETTURA KIWI E PERE
Ingredienti:
(per 5-6 vasetti)
2 kg di kiwi maturi
1 kg di pere
600 g circa di zucchero di canna (la quantità precisa è indicata nella ricetta)
1 limone (il succo)
1/4 di cucchiaino di vaniglia in polvere
2 cucchiaini circa di agar agar in polvere (facoltativo)



Preparazione:
Lavate e sbucciate la frutta e irroratela di succo di limone.
Pesatela e calcolate 300 g di zucchero per kg di frutta pulita ottenuta.
Iniziate la cottura della marmellata insieme a mezzo bicchiere d'acqua, senza aggiungere zucchero, Trascorsi i primi 20 minuti (da quando la frutta inizia a bollire), aggiungete lo zucchero.
Proseguite la cottura a calore dolce mescolando spesso.
A metà cottura aggiungete la vaniglia (in polvere o in baccello nelle quantità che preferite)
Trascorsa un'ora da quando avete aggiunto lo zucchero verificate la consistenza, dovrebbe essere già parzialmente ristretta.
A questo punto potete scegliere se proseguire la cottura fino al restringimento completo (ci vorrà un'altra ora circa) oppure se aggiungere l'agar agar che faciliterà la gelificazione della confettura diminuendo di fatto il tempo di cottura e di conseguenza la dispersione delle vitamine. Inoltre in questo modo la concentrazione di zuccheri risulterà inferiore.
Per ogni kg di frutta pulita che avete ottenuto prima di iniziare la cottura, preparate un cucchiaino raso di agar agar e scioglietelo in mezzo bicchiere di acqua fredda.
Versatela nella confettura e mescolate. Proseguite la cottura per altri 10 minuti, in modo da dare all'agar agar il tempo di attivarsi.
Ricordate che l'agar agar gelifica quando il composto è freddo, per cui non vi preoccupate se la marmellata bollente sembra ancora liquida.
Versate la confettura nei vasetti (precedentemente sterilizzati) e chiudeteli immediatamente in modo da favorire la formazione del sottovuoto.
Affinché si verifichi una buona gelificazione, evitate di agitare i vasetti durante il raffreddamento, l'agar agar mal tollera le vibrazioni e i mescolamenti, per questa ragione abbiate cura di sterilizzare bene le capsule in maniera da poter tenere i vasetti in piedi da subito senza doverli poi capovolgere in un secondo momento.
Se invece avete scelto di portare la cottura a termine senza agar agar potete seguire il metodo classico di mettere i vasetti bollenti capovolti per un po'.
Nel video troverete maggiori dettagli.
Veggie
Quest'opera (testi e foto) è protetta dai diritti d'autore rilasciati da Creative Commons. I termini della licenza sono disponibili in versione integrale nel Codice Legale dove vengono spiegati in dettaglio i diritti ad essa attribuiti. Sono altresì disponibili sulle pagine internet sottostanti cliccando sui link e sul logo di Creative Commons. Chiunque utilizzi quest'opera come diversamente espresso dall'autore commette una violazione sui diritti d'autore.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Agar Agar in Polvere
Gelidificante 100% vegetale - Addensante per marmellate, budini, dolci
Voto medio su 54 recensioni: Da non perdere




















Pubblicato lunedì 17 ottobre 2016e aggiornato il

è nato il canale Youtube "L'Officina della Regina"!!

Cari Amici, era un po' che ci pensavo e finalmente l'ho fatto, l'ho aperto!
Ieri domenica 16 ottobre 2016 è nato il mio nuovo canale L'Officina della Regina.
Ora potrete seguirmi anche e soprattutto da qui.
Molti di voi ormai utilizzano più lo smartphone che pc per collegarsi a internet, e i video si consultano meglio.

Blog e canale lavoreranno in sinergia per starvi più vicino ed offrirvi ancora tante belle ricette più dettagliate di prima!
In questo video di presentazione vengono spiegate le ragioni di questa scelta ma anche il tipo di contenuti che offrirà il canale (sorprese in vista sul fronte sapone ;) )
Datemi ancora qualche giorno per organizzarmi con videocamera, ma anche per imparare a gestire il canale, eppoi si partirà con l'autoproduzione!
Forse i primi video, girati con mezzi di fortuna, non avranno una grafica perfetta, ma per ora accontentiamoci della qualità dei contenuti.

Amici il canale deve essere lanciato, quindi il vostro contributo è di estrema importanza per una buona partenza e per la visibilità in rete.
Vi chiedo dunque di iscrivervi, e di spuntare l'opzione per la ricezione delle notifiche, così non perderete neanche un video!

Spero di avervi fatto cosa gradita con l'introduzione di questa nuova innovazione.
Arrivederci presto con le prime ricette!

Veggie - Liliana Paoletti



Pubblicato mercoledì 14 settembre 2016e aggiornato il

merendine-plumcake vegani

Ho realizzato questa semplice ricetta per recuperare la polpa della frutta secca oleosa che rimane dalla produzione di 1 litro di latte vegetale. Quindi quello che rimane da 100/120 g di mandorle anacardi, nocciole. In questa ricetta ho usato anacardi, ma andranno benissimo anche gli altri semi.
Se non avete la polpa del latte da sfruttare, no problem, potrete farli comunque triturando la frutta secca nelle quantità descritte più avanti.
I plumcake della ricetta sono semplici, soffici e genuini, potrete farli anche e soprattutto per i vostri bimbi, potete congelarli  e tirarli fuori dal freezer qualche ora prima di consumarli.
La ricetta è una ricetta base, buonissima così, nella sua semplicità, ma proprio perché è una base potrete giocare con la fantasia e alternando spezie e aromi creare nuovi sapori ogni volta.

MERENDINE-PLUMCAKE VEGANI
Ingredienti:

(per 15-18 plumcake dipende dalle dimensione degli stampini)
440 g di farina 0 (oppure 300/400 g tipo 0 e il resto tipo 2 fino ad arrivare a 440 g totali)
60 g di farina di riso
200 ml di latte vegetale a piacere non zuccherato (mandorle, anacardi, soia, lupino, avena)
180 g di zucchero di canna (integrale o grezzo come preferite)
100 g di carota ( in alternativa è possibile usare l'equivalente in zucca)
100/120 g circa di polpa di frutta secca oleosa rimasta dal filtraggio del latte vegetale (se non l'avete mettete a bagno in poca acqua 60 g di mandorle, anacardi o nocciole, per un paio di ore prima di iniziare il procedimento, dopodiché frullatele fino ad ottenere una purea densa)
1 limone (scorza grattugiata e succo)
40 g di olio extravergine d'oliva + 40 g di olio di riso (questi 2 oli conferiscono un sapore equilibrato, gradevole e non forte, ma se preferite potete usare EVO+mais (bio), EVO+girasole (bio), tutto riso, tutto girasole (bio) o tutto mais (bio), ma non usate l'olio di arachidi, perché non è un olio buono da mangiare)
20 g di polvere lievitante di cremortartaro + bicarbonato
        (fatta in casa come da ricetta o acquistata)
1 pizzico di sale
Preparazione:
Sbucciate a grattugiate la carota direttamente nella ciotola mescolatrice. Aggiungete la polpa della frutta secca (se usate frutta secca asciutta, preparatela come descritto sopra e macinatela).
Aggiungete prima la scorza di limone grattugiata, poi spremete il frutto e aggiungete anche il succo. Mescolate un po', poi aggiungete lo zucchero, il sale e l'olio. A questo punto prendete il frullatore ad immersione e frullate il tutto direttamente nella ciotola. Verrà una bella crema liscia  (foto3).
Ora aggiungete il latte vegetale, poi la farina di riso. Mescolate con la frusta. Se anche rimanesse qualche grumo non vi preoccupate perché si scioglierà non appena aggiungerete il resto della farina.
In un'altra ciotola pesate i 440 g di farina scelta, aggiungete la polvere lievitante e mescolate per distribuirla bene in tutta la farina.
Iniziate ad accendere il forno portando la temperatura intorno a 180°/200°, forno caldo ma non esagerato, regolatevi sulla base delle prestazioni del vostro forno.
Preparate gli stampini, se usate quelli in silicone, cercate di incastrarli in una teglia in modo che quando verserete l'impasto non si aprano troppo. Potete usare anche i pirottini mettendoli negli appositi stampi da tortine, ma ce ne vorranno almeno 2 per le quantità di questa ricetta.
Quando il forno è caldo e gli stampi sono pronti unite la farina con il lievito all'impasto liquido. Aggiungetelo un po' alla volta e mescolate. Dovete ottenere un impasto morbido, da prendere con il cucchiaio, ma non dev'essere liquido. Se l'impasto vi sembrerà troppo denso potete aggiungere 50-70 ml di acqua, fino ad ottenere la consistenza ottimale.
Versate 1-2 cucchiai dell'impasto negli stampini, tenendo presente che in forno cresceranno di volume.
Quando avrete suddiviso l'impasto fra tutti gli stampini, immergete indice e medio in acqua e pressate l'impasto con delicatezza in ogni stampino. Con le dita bagnate non si incollerà e vi permetterà di livellarlo per bene.
Mettete in forno caldo, sul ripiano centrale e cuocete i plumcake per 30-35 minuti. I tempi di cottura variano in base alla grandezza delle merendine e anche in base agli stampi che avrete scelto.
Non resta che aggiungere:
BUONE MERENDE E COLAZIONI!!! Slurp!!
Veggie
Quest'opera (testi e foto) è protetta dai diritti d'autore rilasciati da Creative Commons. I termini della licenza sono disponibili in versione integrale nel Codice Legale dove vengono spiegati in dettaglio i diritti ad essa attribuiti. Sono altresì disponibili sulle pagine internet sottostanti cliccando sui link e sul logo di Creative Commons. Chiunque utilizzi quest'opera come diversamente espresso dall'autore commette una violazione sui diritti d'autore.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.









Pubblicato venerdì 2 settembre 2016e aggiornato il

polpette di melanzane (vegan)

POLPETTE DI MELANZANE (VEGAN)
Ingredienti x 2 persone:
2 melanzane grandi
2 cucchiai di farina di ceci
2 cucchiai di purè di patate in fiocchi istantaneo
4 cucchiai circa di pangrattato
1 cucchiaino di sale circa
parmigiano vegano a piacere
abbondanti basilico e prezzemolo freschi
pangrattato per la panatura
pepe, olio
Preparazione:
Lavate e sbucciate le melanzane.
Tagliatele in 4-6 spicchi nel senso della lunghezza e tuffatele in acqua bollente. Fatele cuocere per circa 10 minuti. Dovranno cuocersi ma rimanere un po' al dente.
Scolatele dall'acqua e lasciatele raffreddare, ogni tanto eliminate l'acqua che si libera.
Quando si saranno raffreddate strizzatele cercando di rimuovere più acqua possibile.
Più acqua riuscirete ad eliminare, migliore sarà il risultato, una polpa asciutta è il segreto di queste polpette.
Nel frattempo che le melanzane raffreddano preparate una pastella molto densa con farina di ceci e poca acqua. Lasciatela riposare almeno 15-20 minuti.
Quando le melanzane saranno fredde e perfettamente strizzate tagliatele a pezzetti piccoli su un tagliere oppure macinatele in un tritatutto.
Mettete il purè ottenuto in una ciotola, aggiungete prima la pastella con la farina di ceci, poi sale, pepe (io metto pepe di mare) , parmigiano vegano, abbondante trito di basilico e prezzemolo freschi e infine il purè di patate in fiocchi. Mescolate per bene e lasciate l'impasto a riposo una decina di minuti affinché il purè in fiocchi abbia il tempo di assorbire dell'acqua dall'impasto conferendogli così un po' di consistenza.
Dopo 10 minuti aggiungete 2 cucchiai di pangrattato e impastate, attendete un minuto poi se l'impasto risulta ancora troppo morbido aggiungetene altri 2 cucchiai.
Impastate e aspettate un altro minuto per verificare la consistenza ottenuta. L'impasto dovrà risultare morbido, ma non appiccicoso.
Dividete l'impasto e ricavatene delle polpette non eccessivamente grandi.
Passatele nel pangrattato e poi saranno pronte per la cottura.
Friggetele in olio caldo, ma non bollente. Se non volete sentire il sapore di farina di ceci dovranno cuocere molto bene all'interno, per più di qualche minuto, un calore eccessivo formerebbe subito una crosta dorata esterna lasciando l'interno crudo.
A cottura avvenuta estraetele dall'olio e fate scolare l'unto in eccesso su carta assorbente. Lasciatele riposare una decina di minuti prima di mangiarle. Con il raffreddamento si consolideranno di più. Sono buone calde, tiepide, ma anche fredde a temperatura ambiente!
Se volete evitare il fritto potete cuocere le polpette in forno, certo... il fritto dà un sapore unico, impareggiabile alle polpette, ma vi assicuro che anche in forno non sono male.
Mettete un foglio di carta-forno su una teglia e versateci una quantità generosa di olio extravergine d'oliva. Rotolateci le polpette, poi mettetele in forno preriscaldato a temperatura media (180°C circa). Giratele spesso durante la cottura.
Tempo di cottura circa 30-40 minuti.
Dalla cottura in forno ne usciranno più asciutte e sode e meno colorite.
Il sapore è comunque buono.
Ed ecco qui come si presentano  le polpette cotte in forno.
versione polpette cotte al forno
Veggie
Quest'opera (testi e foto) è protetta dai diritti d'autore rilasciati da Creative Commons. I termini della licenza sono disponibili in versione integrale nel Codice Legale dove vengono spiegati in dettaglio i diritti ad essa attribuiti. Sono altresì disponibili sulle pagine internet sottostanti cliccando sui link e sul logo di Creative Commons. Chiunque utilizzi quest'opera come diversamente espresso dall'autore commette una violazione sui diritti d'autore.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Purè di Patate in Fiocchi Voto medio su 3 recensioni: Buono
€ 3.62

LA MIA E-MAIL veggie822@yahoo.it

Sostienici con una piccola donazione, grazie!PER DONAZIONI
Versare l'importo desiderato sulla carta Postepay intestata a : PAOLETTI LILIANA
CARTA POSTEPAY N° 4023 6009 3883 5156