Pubblicato mercoledì 28 maggio 2014e aggiornato il

fragole con crema di carrube e tofu (vegan)





FRAGOLE CON CREMA DI CARRUBE E TOFU (VEGAN)
Ingredienti:
(per 3 persone)
400 g di fragole
2 panetti di tofu
50 g di mandorle sgusciate (oppure in scaglie)
1 cucchiaio di farina di carrube
(in alternativa cacao solubile)
2 cucchiai di zucchero di canna
1 limone (il succo)
1 cucchiaio di Rum (facoltativo)
1 pizzico di sale






Preparazione:
Mettete le mandorle a bagno in acqua fredda la sera prima di preparare le fragole così si spelleranno con facilità oppure mettetele in acqua vbollente per qualche minuto e spellatele.
Nel bicchiere del frullatore ad immersione mettete il tofu tagliato a cubetti insime al succo di limone filtrato. Frullate e aggiungere acqua sufficiente per ridurre il tofu in una crema liscia e vellutata.
Aggiungete lo zucchero, la farina di carrube, un pizzico di sale e il Rum se vi piace.
Frullate ancora aggiugendo ecentualmente qualche goccia di acqua se necessario.
A parte frullate le mandorle in un macinacaffè (se avete scelto di usare le scaglie già pronte non dovete fare nulla).
Pulite le fragole e tagliatele a spicchi.
In ogni coppa distribuite un po' di crema di carrube, poi delle fragole e un po' di mandorle tritate o in scaglie. Alternate questi ingredienti fino ad esaurimento terminando con delle mandorle.
Se prima di procedere fragole e tofu erano nel frigorifero potete consumare il dessert così a temperatura ambiente oppure potete mettere le coppe per 30 minuti in frigorifero prima di servire.
La farina di carrube è un'ottima alternativa al cacao, fate attenzione quando l'acquistate a non chiedere farina di semi di carrube che è invece un additivo alimentare usato come addensante.
Questa è la farina di carrube che vi occorre:
Carobpulver - Farina di Carrube - 250 g Voto medio su 14 recensioni: Da non perdere
Veggie
Quest'opera (testi e foto) è protetta dai diritti d'autore rilasciati da Creative Commons. I termini della licenza sono disponibili in versione integrale nel Codice Legale dove vengono spiegati in dettaglio i diritti ad essa attribuiti. Sono altresì disponibili sulle pagine internet sottostanti cliccando sui link e sul logo di Creative Commons. Chiunque utilizzi quest'opera come diversamente espresso dall'autore commette una violazione sui diritti d'autore.
Licenza Creative Commons
FRAGOLE CON CREMA DI CARRUBE E FRAGOLE (VEGAN) di veggie822 - LILIANA PAOLETTI è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Based on a work at http://www.lareginadelsapone.com/2014/05/fragole-con-crema-di-carrube-e-tofu.html.

Pubblicato domenica 18 maggio 2014e aggiornato il

pesto ligure vegan

Buonissimo come il tradizionale, ma decisamente più digeribile e consumabile da chi ha scelto di evitare latte e formaggi.

PESTO LIGURE VEGAN
Ingredienti:
(per 4 persone)
50 g di foglie di basilico fresco
100 g di finto parmigiano (vegan)
150 ml di olio extravergine d'oliva
1 cucchiaio di pinoli
1 spicchio d'aglio (a chi piace)
poco sale grosso
Preparazione:
Mettete come primo ingredeiente, in un mortaio di marmo l'aglio e battetelo con il pestello fino a ridurlo in puré.
Io non avevo a disposizione il mortaio e ho usato il suribachi, ma non è lo strumento adatto, la lavorazione è più lunga e faticosa.
Quando l'aglio è cremoso aggiungete i pinoli e pestate anche quelli.
Ora è il momento del basilico, mettetene un po' alla volta insieme a qualche granello di sale grosso e pestate...
Quando anche il basilico sarà sminuzzato finemente aggiungete un po' alla volta olio e parmigiano, fino ad avere un pesto cremoso e un po' unto.
Se non avete il mortaio e volete preparare il pesto in un frullatore o in un robot da cucina, per evitare di rovinare il basilico con il calore che inevitabilmente si genera frullando, potete mettere il parmigiano vegan nel congelatore (se già non lo conservate lì) e tenercelo per diverse ore, fino a quando non si sarà congelato.
Quando il parmigiano sarà pronto mettete tutti gli ingredienti nel bicchiere del frullatore insieme a metà dell'olio.
Iniziate a frullare e aggiungete il resto dell'olio un po' alla volta, a seconda della richiesta del tipo di elettrodomestico che avete. Se il composto fosse troppo duro potete mettere tutto l'olio dall'inizio del procedimento oppure quello che rimane potete aggiungerlo alla fine, quando il basilico sarà triturato per bene.
Quando il pesto è pronto potete metterlo in una vaschetta per alimenti e riporlo in frigo per quanche giorno fino al momento di usarlo, oppure potete dividerlo in porzioni e congelarlo (lasciandolo poi scongelare completamente prima dell'uso).
Per renderlo più fluido, prima di condire la pasta stemperate il pesto con qualche cucchiaio dell'acqua bollente usata per la cottura della pasta.
Se serve aggiungete un altro filo d'olio direttamente nei piatti.
...e buon appetito!!
Veggie
Quest'opera (testi e foto) è protetta dai diritti d'autore rilasciati da Creative Commons. I termini della licenza sono disponibili in versione integrale nel Codice Legale dove vengono spiegati in dettaglio i diritti ad essa attribuiti. Sono altresì disponibili sulle pagine internet sottostanti cliccando sui link e sul logo di Creative Commons. Chiunque utilizzi quest'opera come diversamente espresso dall'autore commette una violazione sui diritti d'autore.
Licenza Creative Commons
PESTO LIGURE VEGAN di veggie822 - LILIANA PAOLETTI è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Based on a work at http://www.lareginadelsapone.com/2014/05/pesto-ligure-vegan.html.

Pubblicato venerdì 16 maggio 2014e aggiornato il

seitan con funghi champignon e gratin di mais

SEITAN CON FUNGHI CHAMPIGNON E GRATIN DI MAIS
Ingredienti:
seitan
funghi champignon
farina di mais
aglio in polvere
prezzemolo
olio
sale - pepe
Preparazione:
Pulire i finghi ed affettarli sottilmente.
Saltarli in padella con un po' di olio, sale, pepe, prezzemolo. Proseguire la cottura per una decina di minuti a pentola coperta.









Mentre i funghi cuociono prendere una pirofila, ungerne il fondo con dell'olio extravergine d'oliva e distribuire il seitan tagliato a fettine sottili formando uno strato.
Quando la cottura dei funghi è quasi terminata toglierli dal fuoco, prelevarli dal fondo di cottura e versarli sulle fettine di seitan.
Aggiungere poco olio extravergine d'oliva al fondo dei funghi rimasto in padella, poi della farina di mais (fioretto), prezzemolo tritato, aglio in polvere e una spolverata di sale.
Portare sul fuoco e cuocere mescolando in continuazione con un cucchiaio cercando di rompere eventuali grumi, fino a quando la farina non avrà assorbito tutto il liquido e si sarà dorata leggermente.
Distribuire la granella ottenuta sui funghi, aggiungere un filo d'olio e gratinare in forno per una ventina di minuti.
Veggie
Quest'opera (testi e foto) è protetta dai diritti d'autore rilasciati da Creative Commons. I termini della licenza sono disponibili in versione integrale nel Codice Legale dove vengono spiegati in dettaglio i diritti ad essa attribuiti. Sono altresì disponibili sulle pagine internet sottostanti cliccando sui link e sul logo di Creative Commons. Chiunque utilizzi quest'opera come diversamente espresso dall'autore commette una violazione sui diritti d'autore.
Licenza Creative Commons
SEITAN CON FUNGHI CHAMPIGNON E GRATIN DI MAIS di veggie822 - LILIANA PAOLETTI è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Based on a work at http://www.lareginadelsapone.com/2014/05/seitan-con-funghi-champignon-e-gratin.html.

Pubblicato martedì 6 maggio 2014e aggiornato il

idee con mozzarella di riso (vegan)

L'incredibile mozzarella di riso della ricetta precedente può sostituire la mozzarella di latte vaccino in ogni genere di preparazione, qui vediamo alcuni esempi.
TORTINO DI BIETOLE E MOZZARELLA
Ingredienti:
farina di ceci, bietole lesse, mozzarella di riso, finto parmigiano vegan, olio extravergine d'oliva, noce moscata, sale
Preparazione:
Mettere in un'insalatiera la farina di ceci come si fa normalmente per preparare la frittata di ceci, aggiungere acqua in quantità sufficiente per formare una pastella morbida e una generosa quantità di olio extravergine d'oliva. Lasciare riposare per un'ora.
Tagliare le bietole precedentemente lessate o cotte al vapore e lasciate raffreddare in piccoli pezzi.
Aggiungere alla pastella di ceci abbondante parmigiano, noce moscata e sale, aggiungere la mozzarella tagliata a cubetti e infine le bietole tagliuzzate. Aggiustare di sale e mescolare con cura.
Prendere una teglia a misura del composto, in modo che si possa fare uno strato di composto alto circa 1,5-2 cm. Cospargere il tegame o la teglia con abbondante olio extravergine d'oliva e ungere anche i bordi.
Distribuire il composto sul fondo formando uno strato uniforme.
Infornare a 180 °C/200 C°  per circa 30 minuti.
Prima di tagliarlo e mangiarlo aspettare che si sia raffreddato quasi completamente.

PIZZA MARGHERITA
Che dire della mozzarella di quesat pizza? Si scioglie veramente a puntino sulla pizza, qui sotto potete vedere la pizza cruda. Consiglio di tagliare la mozzarella a fettine sottili.

Preparazione:
Preparate la pizza come fate di solito, stendendo la pasta lievitata in uno strato sottile, distribuite sulla superficie del pomodoro, sale, basilico, origano e fettine di mozzarella di riso. Infine cospargete con un filo d'olio e infornate.

LASAGNE AL FORNO CON RAGU' DI LUPINO

Risultato ottimo, la mozzarella all'interno si fonde un po' e quella sullo strato superiore si abbrustolisce formando una gustosa crosticina.
Ingredienti:
Pasta sfoglia, ragù di lupino, besciamella vegan, mozzarella di riso, finto parmigiano vegan, olio, sale
Preparazione:
Alternate uno strato di pasta sfoglia con ragù di lupini, besciamella di riso, tocchetti di mozzarella di riso e finto parmigiano vegan, terminate con abbondante sugo, besciamella, mozzarella e parmigiano. Se ne avete aggiungete qualche fiocchetto di veg-burro o in alternativa un filo d'olio. Infornate per 30-40 minuti, fino a quando non si formerà una bella crosticina sulla superficie.

CROSTINO COI BROCCOLI
Ingredienti:
Pane morbido, broccoli ripassati in padella con aglio e peperoncino oppure conditi con pepe di mare, qualche pomodorino, mozzarella di riso, sale e olio.
Preparazione:
Tostate il pane, coprite le fette con i broccoli e qualche spicchio di pomodorino. Ricoprite con fettine sottili di mozzarella di riso e un filo d'olio.
Passare in forno per far sciogliere la mozzarella

CONTORNO DI MELANZANE E POMODORI SECCHI
Ingredienti:
Melanzane a fette, pomodori secchi, basilico secco, mozzarella di riso.
Preparazione:
Grigliate le melanzane, quando saranno pronte rimettetele sulla griglia calda, cospargetele di basilico, poi fettine di mozzarella di riso e pomodori secchi. Coprite le griglia con un coperchio o con della stagnola e lasciate fondere la mozzarella a fuoco moderato per pochi minuti.

ZUCCHINE RIPIENE CON RISO GERMOGLIATO
ricetta per il recupero del riso germogliato del rejuvelac che rimane della preparazione della mozzarella
Ingredienti:
4 zucchine con il fiore, tutto il riso del rejuvelac che rimane dalla preparazione di 1 kg di mozzarella di riso vegan, del preparato per purè, farina di ceci, finto parmigiano vegan, gomasio alle alghe, pepe di mare, origano, sale, olio, mozzarella di riso
Preparazione:
Lavate le zucchine e tagliatele a metà nel senso della lunghezza. Scavatele all'interno e conservate la polpa. Triturate finemente la polpa delle zucchine insieme ai fiori (se c'erano), poi unite il riso germogliato e tutte le spezie, condite con un filo d'olio e riempite le zucchine.
Sulla superficie di ogni zucchina posate un bastoncino di mozzarella di riso e spolverate con finto parmigiano.
Infornate a 180 °C per il tempo necessario alla cottura della zucchina.
Veggie
Quest'opera (testi e foto) è protetta dai diritti d'autore rilasciati da Creative Commons. I termini della licenza sono disponibili in versione integrale nel Codice Legale dove vengono spiegati in dettaglio i diritti ad essa attribuiti. Sono altresì disponibili sulle pagine internet sottostanti cliccando sui link e sul logo di Creative Commons. Chiunque utilizzi quest'opera come diversamente espresso dall'autore commette una violazione sui diritti d'autore.
Licenza Creative Commons
IDEE CON MOZZARELLA DI RISO (VEGAN) di veggie822 - LILIANA PAOLETTI è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Based on a work at http://www.lareginadelsapone.com/2014/05/idee-con-mozzarella-di-riso-vegan.html.

Pubblicato giovedì 1 maggio 2014e aggiornato il

mozzarella di riso (vegan)

Ottimo sostituto della mozzarella di latte vaccino per vegetariani, vegani, intolleranti al latte e per chi ha scelto di eliminare dalla dieta latte e formaggi.
Per questa ricetta mi sono ispirata alle mozzarelle di riso che si trovano in commercio nei negozi specializzati, cercando di utilizzare gli stessi ingredienti.
Potete usare la mozzarella in tutte le ricette di piatti al forno in cui normalmente si mette la mozzarella di latte, ma non è sgradevole da mangiare anche cruda a fettine sottili in ricette tipo la caprese oppure a tocchetti in insalate di verdure.

MOZZARELLA DI RISO (VEGAN)
Ingredienti:

(per 1 kg abbondante di mozzarelle)
1 litro di rejuvelac di riso (preparato con 100 g di riso integrale)
160 g di olio di cocco alimentare
100 g di succo di limone (il succo di circa 2 limoni)
oppure: 60 g di succo di limone + 40 g di aceto di mele
12 g di agar agar
12 g di farina di semi di carrube
4 g di gomma xantana (alimentare)
6 g di sale marino
Preparazione:
Per prima cosa bisogna preparare il rejuvelac di riso integrale, ovvero una bevanda di riso germogliato che normalmente si prepara con il grano. Per il rejuvelac di riso serviranno 100 g di riso integrale, il riso dovrà essere assolutamente di tipo integrale perché risi raffinati non hanno la capacità di germogliare.
Per la preparazione del rejuvelac potete attenervi a questa ricetta o più semplicemente potete germogliare il riso tra 2 piatti, nella modalità descritta nell'articolo riso germogliato solo che a differenza di questa il germoglio del riso non dovrà essere solo accennato, ma dovrà raggiungere la lunghezza di circa 1 cm (quindi serviranno un giorno o due in più), come si può vedere nell'immagine qui in basso.
Una volta che il riso avrà raggiunto il giusto grado di germogliazione mettetelo in una bottiglia da 1 litro a collo largo e riempitela di acqua. Posate il tappo sull'imboccatura ma senza avvitarlo e lasciate la bottiglia su un piano della cucina per 48 ore. Un paio di volta al giorno potete avvitare il tappo e rivoltare la bottiglia sotto sopra per mescolare il riso al rejuvelac, ma senza agitarlo troppo. Ricordatevi di risvitare il tappo dopo l'operazione.
Dopo un po' noterete che inizia a fermentare liberando un gradevole profumo lievemente acido dall'aroma che ricorda il limone e il lievito madre.
Trascorse le 48 ore filtrate il rejuvelac su un passino a maglia fitta, versandolo direttamente in una nuova bottiglia da 1 litro (vanno benissimo le bottiglie dell'aceto). Aggiungete acqua fino a riempimento, perché per la mozzarella servirà 1 litro esatto di liquido.
Potete procedere con la preparazione della mozzarella già da ora, oppure potete riporre il rejuvelac (avvitando bene il tappo questa volta) in frigorifero e porcedere alla preparazione della mozzarella il giorno dopo.
Con il riso germogliato rimasto potete avviare una nuova produzione di rejuvelac aggiungendo acqua fino ad un litro, ma questa volta tenendolo in infusione per sole 24 ore anziché 48. Poi filtratelo e versatelo in una bottiglia che metterete in frigorifero e che consumerete in 3-4 giorni.
Potrete bere questo secondo rejuvelac ricco di vitamine e proteine oppure utilizzarlo come starter per la preparazione di altri alimenti fermentati come formaggi a base di noci, mandorle o salse.

Preparazione della mozzarella:
Il grasso utilizzato per la mozzarella di riso è l'olio di cocco, attualmente in commercio se ne trovano 2 tipi:
- Il tipo biologico marca Rapunzel si acquista nei negozi di alimenti naturali, è olio di cocco vergine, dal sapore forte, intenso, molto aromatico.
- Il tipo alimentare più raffinato si trova nei negozi etnici, viene venduto in bottiglie da 250 ml, marca KTC, è quasi insapore.
Potete scegliere in base ai vostri gusti, se vi piace una mozzarella dal sapore più neutro scegliete quello raffinato, altrimenti il biologico. E' possibile utilizzarli insieme, mettendone il 50% di ciascuno ed ottenere un gusto intermedio.
Pesate con precisione l'agar agar, la farina di semi di carrube, la gomma xantana e il sale e mettete tutte le polveri insieme in una vaschetta per alimenti.
Spremete i limoni e filtrate il succo su un colino a maglia stretta, pesate il succo e preparatelo in un bicchiere, se avete scelto di usare limone e aceto potete miscelarli insieme.
Pesate l'olio di cocco e preparatelo per l'uso, se avete acquistato quello in bottiglia, in inverno si presenta come un blocco solido, per estrarlo dalla bottiglia dovete farlo scioglierle mettendo la bottiglia a bagno in acqua bollente fino a quando non si sarà ammorbidito e liquefatto, poi versatelo in una tazza e pesate la quantità che vi occorre.
Prendete un'ampia pentola in acciao inox dal fondo spesso (così non rischiate di bruciare l'impasto durante la cottura) e una frusta.
Versate il litro di rejuvelac e il succo di limone nella pentola. Ora molto delicatamente versate a pioggia e un po' alla volta le polveri nel liquido, mescolate con la frusta ogni volta che ne avrete versata un po' cercando di ridurre al minimo la formazione dei grumi.
Quando avrete versato tutte le polveri si saranno formati inevitabilmente dei grumi (fig.1), iniziate a mescolare energicamente con la frusta senza ricorrere al frullatore ad immersione, perché non dovete montare il preparato.
Mescolate e mescolate con pazienza per diversi minuti, cercando di scioglierli, non abbiate fretta.
Quando non saranno rimasti che piccolissimi puntini potete procedere con la fase successiva (fig.2).
Aggiungete l'olio di cocco e mescolate un po', non vi preoccupate se si presenta ancora un po' solido e se non si emulsiona all'istante alla parte acquosa. Mescolate un paio di minuti poi portate la pentola sul fuoco.
Accendete il fornello a calore sostenuto, non fortissimo, ma neanche moderato e riprendete a mescolare, dovete mescolare di continuo per evitare che l'impasto si attacchi sul fondo della pentola.
Dopo una decina di minuti circa accennerà a bollire, da quel momento, riducete un po' la fiamma del fornello e proseguite la cottura (sempre mescolando) per 5 minuti. Non vi scoraggiate se vi sembra che l'impasto sia molto denso, se continuate a mescolare non si attaccherà sul fondo. La mozzarella dovrà bollire per 5 minuti non meno, è il tempo che serve all'agar agar per poter funzionare al meglio come addensante.
Trascorsi i 5 minuti spegnete il fornello e chiudete la pentola con il coperchio. Lasciate che la mozzarella si raffreddi per una decina di minuti, entro i quali potete tornare a dare una leggera mescolata con un cucchiaio per un paio di volte.
Mentre siete in attesa che la temperatura dell'impasto scenda un po', preparate delle vaschette per alimenti che userete come stampi per dare la forma alle mozzarelle.
In ogni vaschetta inserite una bustina da freezer, rigirando i bordi verso l'esterno.
Quando l'impasto della mozzarella si sarà raffreddato un po', ma sarà ancora ben caldo (non aspettate troppo altrimenti diventa difficile poterlo versare negli stampi), sarà molto denso e gelatinoso, con l'aiuto di 2 cucchiai riempite le bustine nelle vaschette. Se volete potete fare questa operazione sulla bilancia e preparare mozzarelle tutte dello stesso peso, io ne faccio un paio da 250 g da usare per pasta al forno e le altre da 125 g da usare per quelle preparazioni che richiedono poca mozzarella.
Al termine annodate ogni bustina come da foto. Tirate fuori un angolo di ogni singola bustina dalla vaschetta e battete gli stampi per non lasciare spazi vuoti nella polpa.
Con un paio di forbici praticate un piccolo taglio sugli angoli esterni e aprite leggermente le bustine così uscirà un po' di vapore.
Mettete tutte le vaschette su un vassoio e laciatele raffreddare completamente su un piano tranquillo dove non ci siano vibrazioni e scossoni.
Quando si saranno raffreddate completamente non saranno ancora solide, trasferitele insieme alle vaschette nel congelatore dove prenderanno la giusta consistenza.
Il giorno seguente potete estrarre le mozzarelle ormai solide dalle vaschette e trasferirle (senza toglierle dalle bustine singole) in un'unica busta per congelazione, oppure in una scatola da freezer.
Quando vi occorre una mozzarella potete trasferirla dal congelatore al frigorifero 24 ore prima dell'uso, oppure tirarla fuori dal congelatore e lasciarla a temperatura ambiente per qualche ora in modo che si scongeli prima dell'uso.

AGGIORNAMENTO DEL 13 GIUGNO 2016
Ho voluto apportare delle modifiche a questa ricetta, da un lato per migliorarne il sapore, dall'altro perché l'idea di versare la mozzarella calda nelle buste di plastica, seppure per alimenti, mi stava un po' stretta. E ora ve ne rendo partecipi.
Trovo che il sapore dell'agar agar in polvere stia cambiando, il retrogusto amarognolo che ha sempre avuto, sta diventando più marcato, direi troppo marcato. Così marcato da rovinare il sapore della mozzarella stessa.
Mi sono convinta che il processo di lavorazione dell'alga, pur rimanendo nell'ambito del biologico, sia ormai troppo industrializzato. Ho voluto fare un passo indietro di 20 anni, momento in cui l'agar agar in polvere non era ancora arrivata sul mercato, tornando all'uso dell'agar agar in fiocchi, o meglio in fili, che ha una resa minore (perché meno lavorata) ma che conserva ancora un sapore davvero neutro, impercettibile al palato.
Dato che l'agar agar in fili deve bollire più a lungo di quella in polvere, se vorrete usarla per questa ricetta è necessario apportare qualche piccola modifica al procedimento.
Ho anche sostituito il succo di limone e l'aceto, con acidulato di umeboshi, di cui troverete il link in basso. L'acidulato di umeboshi ha il sapore più delicato dell'aceto, ma più gradevole a mio avviso nella mozzarella di riso, però è salato, quindi se deciderete di usarlo ricordatevi di non aggiungere sale alla preparazione. In questa nuova versione della ricetta non ho inserito il sale tra gli ingredienti, ma se deciderete di usare il succo di limone e/o l'aceto della ricetta precedente ricordatevi di aggiungerlo.
L'acidulato di umeboshi conferisce un colore rosato alla mozzarella, da qui il nuovo nome di "Mozzarosella".

MOZZAROSELLA DI RISO (VEGAN)
Ingredienti:
(per 1 kg abbondante di mozzaroselle)
1 litro di rejuvelac di riso (preparato con 100 g di riso integrale tondo)
160 g di olio di cocco alimentare deodorato
60 g di acidulato di umeboshi
40 g di succo di limone
16 g di agar agar in fili
12 g di farina di semi di carrube
4 g di gomma xantana (alimentare)
Preparazione:
Preparate il rejuvelac con riso tondo (è più dolce) come spiegato nella ricetta precedente. Se la temperatura  ambientale è elevata, sopra ai 24° C probabilmente sarà pronto in tempi minori, l'ultimo che ho preparato è germogliato già dopo un giorno e il rejuvelac era pronto dopo sole 24 ore dal momento che l'ho messo in bottiglia.
Quando avrete 1 litro di rejuvelac misuratene 600 ml e versatelo in una brocca o in un becher di capacità superiore a 500 ml. Aggiungete a pioggia la farina di semi di carrube e la gomma xantana (pesate scrupolosamente). Frullate con il frullatore ad immersione fin quando non saranno più visibili grumi.
Aggiungete l'olio di cocco ammorbidito e l'acidulato di umeboshi, frullate ancora. Otterrete una crema rosa, densa e omogenea.
Versate i restanti 400 ml di rejuvelac in un pentolino capiente (alla fine dovrà contenere tutta la mozzarella). Aggiungete 80 ml di acqua minerale naturale e l'agar agar in fili (precedentemente macinata in un macinacaffè).
Fate bollire a fuoco moderato per 12 minuti, misurando il tempo da quando si alza il bollore. Ogni tanto mescolate.
clicca sull'immagine per ingrandire
Quando l'agar agar sarà pronta avrà l'aspetto di una gelatina densa e trasparente. Spegnete e trasferite il pentolino sul piano da lavoro.
Aggiungete 1-2 cucchiai dell'emulsione rejuvelac-cocco preparata in precedenza, mescolate, poi aggiungete la restante tutta insieme.
Frullate con pazienza il composto (con il frullatore ad immersione) e quando sarà liscio e omogeneo portate di nuovo sul fuoco.
Fate bollire per 3 minuti, non di più, mescolando in continuazione in maniera che il formaggio fuso non si attacchi sul fondo della pentola.
Trascorso il tempo di cottura spegnete il fornello. Coprite la pentola e lasciatela riposare qualche minuto affinché la temperatura possa scendere di qualche grado.
Preparate stampini in plastica per alimenti, oppure in silicone senza ungerli.
Preparate una bacinella con acqua fredda e ghiaccio.
Iniziate a riempire gli stampini e immergeteli subito in acqua e ghiaccio.
Lasciateli così in ammollo senza scuoterli, fin quando le mozzaroselle non si saranno solidificate, poi trasferitele in frigorifero per 2-3 ore, togliendole dalla bacinella con acqua, ma lasciandole nelle vaschette. In questo tempo prenderanno la giusta consistenza.
A questo punto potete sformarle, vedrete che escono dagli stampini da sole senza problemi.
Se volete congelarle per futuri utilizzi, avvolgetele singolarmente in pellicola per alimenti, poi mettetele tutte insieme in una busta e trasferitele in congelatore.
Quando vi serve una mozzarosella trasferitela dal congelatore al frigorifero, 12 ore prima dell'uso. Non lasciatela a temperatura ambiente perché se fa caldo l'olio di cocco tende a sciogliersi.
Ricordatevi che questa mozzarella è studiata per essere fusa sulla pizza, nei piatti al forno o anche su pietanze cotte sul fornello, per le quali basterà aggiungerla a fettine sottili pochi minuti prima di fine cottura e lasciarla sciogliere a tegame coperto.
Ed ora eccola qui sulla pizza! Slurp!
P.S. Io ho versato la mozzarella ancora liquida nei cestini delle ricottine, ma preferite vaschette chiuse se ne avete, perché ci vuole un po' di abilità per versarla senza farla fuoriuscire dai buchi.
Insomma non fatelo se non sapete controllare la reazione dell'agar agar.
A proposito di questa, è necessario colarla calda, perché per solidificare bene non va agitata, se la lasciate solidificare nella pentola non è più possibile in seguito, versarla nelle vaschette.

Per le varie possibilità d'uso della mozzarella e per il recupero del riso germogliato vi rimando all'articolo  Idee con mozzarella di riso (vegan).
Veggie
Acidulato di Umeboshi
Condimento a base di "Prugne di Umeboshi"
Voto medio su 65 recensioni: Da non perdere
€ 3.3

Quest'opera (testi e foto) è protetta dai diritti d'autore rilasciati da Creative Commons. I termini della licenza sono disponibili in versione integrale nel Codice Legale dove vengono spiegati in dettaglio i diritti ad essa attribuiti. Sono altresì disponibili sulle pagine internet sottostanti cliccando sui link e sul logo di Creative Commons. Chiunque utilizzi quest'opera come diversamente espresso dall'autore commette una violazione sui diritti d'autore.
Licenza Creative Commons
MOZZARELLA DI RISO (VEGAN) di veggie822 - LILIANA PAOLETTI è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Based on a work at http://www.lareginadelsapone.com/2014/05/mozzarella-di-riso-vegan.html.
LA MIA E-MAIL veggie822@yahoo.it

Sostienici con una piccola donazione, grazie!PER DONAZIONI
Versare l'importo desiderato sulla carta Postepay intestata a : PAOLETTI LILIANA
CARTA POSTEPAY N° 4023 6009 3883 5156