Pubblicato lunedì 28 ottobre 2013e aggiornato il

riso germogliato

Perché germogliare il riso?
Perché il riso come anche altri cereali, legumi e semi oleosi contiene acido fitico.
L'acido fitico è considerato un antinutriente, una sostanza in grado di limitare l'assorbimento di alcuni importanti minerali come: ferro, calcio, magnesio, manganese e zinco.
La germogliazione non solo riduce fortemente o elimina l'acido fitico nel riso, ma lo arricchisce aumentando la bio-disponibilità dei suoi nutrienti.
La germogliazione può avvenire solo utilizzando riso integrale perché completo di crusca.

PREPARAZIONE DEL RISO GERMOGLIATO
Ingredienti:
riso integrale
acqua
Procedimento:
Lavare il riso come di consueto. Metterlo a bagno in acqua tiepida per tutta la notte, tempo minimo 12 ore.
La mattina seguente versare il riso in un colino, risciacquarlo, scolarlo dall'acqua e metterlo in un'insalatiera. Il riso dovrà rimanere umido, ma non carico di acqua altrimenti ammuffirà.
Coprirlo con un piatto in modo da lasciar passare l'aria, non si deve chiudere ermeticamente.
Ripetere l'operazione di risciacquo un paio di volte al giorno, riponendo ogni volta il riso nell'insalatiera o tra 2 piatti, fino a quando non inizierà a germogliare.
Ci vorranno in tutto dai 2 ai 4 giorni, il tempo di germogliazione dipende principalmente dalla temperatura ambientale, ma anche dal tipo di riso.
Appena la germinazione ha inizio il riso sarà pronto da cucinare. Il germoglio dovrà essere appena accennato (1-2 mm), non si deve attendere che cresca una piantina...
Nell'immagine qui sotto si può osservare lo stadio giusto del germoglio per procedere con la cottura.
La cottura del riso integrale non va eseguita come siamo abituati a fare con il riso bianco, cioè facendo bollire dell'acqua in cui versare il riso da bollire per poi scolarlo a fine cottura, ma riso e acqua andranno messi insieme a freddo in una pentola e si procederà con la cottura fino a quando il riso non avrà assorbito l'acqua.
Procedimento: risciacquare il riso un'ultima volta e versarlo in una pentola.
Ricoprirlo di acqua o di brodo vegetale, se il riso occupasse 2 cm di spessore nella pentola, aggiungere tanto liquido fino ad arrivare a circa 4 cm, cioè più o meno il doppio del volume del riso.
Usando acqua per la cottura si potrà salare a piacere, uando del brodo vegetale non sarà necessario se questo è già salato.
Coprire ed accendere il fornello a fuoco moderato. Durante la cottura non si dovrà mescolare.
Il riso germogliato cuoce molto più rapidamente, saranno senz'altro sufficienti 30-35 minuti di cottura (dipende dal tipo di riso usato) per un riso ben cotto.
Se a fine cottura ci fosse ancora del liquido, spegnere il fornello ed attendere 5-10 minuti a pentola coperta, il riso finirà di assorbirlo.
Il riso si può mangiare così da solo come contorno di verdure oppure si può condire a piacere.
Si può conservare in frigorifero e consumare in 3-4 giorni, può essere riscaldato.
Il sapore è decisamente gradevole, il processo di germogliazione rende il riso più dolce e appetibile.
Veggie
Quest'opera (testi e foto) è protetta dai diritti d'autore rilasciati da Creative Commons. I termini della licenza sono disponibili in versione integrale nel Codice Legale dove vengono spiegati in dettaglio i diritti ad essa attribuiti. Sono altresì disponibili sulle pagine internet sottostanti cliccando sui link e sul logo di Creative Commons. Chiunque utilizzi quest'opera come diversamente espresso dall'autore commette una violazione sui diritti d'autore.
Licenza Creative Commons
RISO GERMOGLIATO diveggie822 - LILIANA PAOLETTI è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
Based on a work at http://www.lareginadelsapone.com/2013/10/riso-germogliato.html.

Pubblicato lunedì 7 ottobre 2013e aggiornato il

giuggiole sotto spirito

Periodo di giuggiole!
Frutto noto anche con il nome di dattero cinese.
Poco conosciuto e sconosciuto in alcune regioni italiane, noto più nel modo di dire "Andare in brodo di giuggole" cioè manifestare grande felicità, che come frutto.
Il Brodo di Giuggiole è un liquore dal sapore dolciastro, in effetti molto gradevole.
In questo articolo però conserveremo le giuggiole sotto spirito e al Brodo di Giuggiole penseremo un'altra volta.
I frutti potranno essere serviti dopo pranzo come digestivo e il liquore molto gustoso si potrà bere.
Per ottenere l'esaltazione massima del sapore il liquore dovrà rimanere in infusione con i frutti per almeno 6 mesi.

GIUGGIOLE SOTTO SPIRITO
Ingredienti:
giuggiole ben mature
zucchero
alcol 95° (alcol buongusto)
scorza di limone non trattato
baccelli di vaniglia
Preparazione:
Scartate i frutti non perfetti, lavate i frutti buoni, e asciugateli delicatamente senza schiacciarli.
Pesateli e annotate il peso.
Eliminate con un coltello la parte bianca dalla scorza di limone e tagliate le scorze a listerelle sottili.
Sistemate in un bel vaso di vetro capiente le giuggiole (ideali come dimensioni i vasi della Bormioli da 2 litri), alternadole a zucchero e aromi (la scorza di limone e pezzetti di vaniglia in baccelli).
La quantità di zucchero da usare è di circa 60 g ogni 100 g di frutti.
Versare un po' di alcol nel vaso.
Più o meno su 400 g di frutti versate 100 ml di alcol inziali (25 ml ogni 100 g dei frutti).
Chiudete ermeticamente il vaso e esponetelo al sole scuotendolo spesso fino alla completa soluzione dello zucchero.
Quando lo zucchero sarà completamente sciolto aggiungere altro alcol (100 ml ogni 100 g di frutti circa).
Scuotete ancora per miscelare lo sciroppo all'alcol, chiudete e riponete in cantina.
Veggie
Ricetta tratta (e modificata da me in alcune parti) da:
Enciclopedia Milledolci di Fernanda Gosetti
Quest'opera (testi e foto) è protetta dai diritti d'autore rilasciati da Creative Commons. I termini della licenza sono disponibili in versione integrale nel Codice Legale dove vengono spiegati in dettaglio i diritti ad essa attribuiti. Sono altresì disponibili sulle pagine internet sottostanti cliccando sui link e sul logo di Creative Commons. Chiunque utilizzi quest'opera come diversamente espresso dall'autore commette una violazione sui diritti d'autore.
Licenza Creative Commons
GIUGGIOLE SOTTO SPIRITO diveggie822 - LILIANA PAOLETTI è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
Based on a work at http://www.lareginadelsapone.com/2013/10/giuggiole-sotto-spirito.html.

Pubblicato martedì 1 ottobre 2013e aggiornato il

polvere per i piedi e scarpe

POLVERE PER PIEDI E SCARPE
Ingredienti:
(per 100 g di polvere)
80 g amido di mais o di riso
10 g bicarbonato di sodio
10 g argilla bianca
10 gocce olio ess. menta
4 gocce olio ess. lavanda
3 gocce olio ess. salvia
3 gocce olio ess. tea tree (oppure timo bianco)
Preparazione:
Pesare tutte le polveri e versarle provvisoriamente in un barattolo di vetro.
Aggiungere gli oli essenziali spargendo le gocce sulla polvere.
Con un cucchiaino mescolare la polvere cercando di rompere i grumi con gli oli essenziali premendoli sulle pareti del barattolo.
Continuare a mescolare con delicatezza fino a quando la polvere non sarà liscia e omogenea.
Versare in un barattolo tipo quelli del talco dotato di filtro forato per spargere la polvere in piccole quantità.
Uso:
La polvere è rinfrescante e assorbente, regola la sudorazione del piede e previene l'insorgere dei cattivi odori.
Cospargere sui piedi e tra le dita dopo la pulizia.
Si può mettere anche nelle scarpe come assorbente per gli odori.
Veggie
Quest'opera (testi e foto) è protetta dai diritti d'autore rilasciati da Creative Commons. I termini della licenza sono disponibili in versione integrale nel Codice Legale dove vengono spiegati in dettaglio i diritti ad essa attribuiti. Sono altresì disponibili sulle pagine internet sottostanti cliccando sui link e sul logo di Creative Commons. Chiunque utilizzi quest'opera come diversamente espresso dall'autore commette una violazione sui diritti d'autore.
Licenza Creative Commons
POLVERE PER PIEDI E SCARPE diveggie822 - LILIANA PAOLETTI è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
Based on a work at http://www.lareginadelsapone.com/2013/10/polvere-per-i-piedi-e-scarpe.html.
LA MIA E-MAIL veggie822@yahoo.it

Sostienici con una piccola donazione, grazie!PER DONAZIONI
Versare l'importo desiderato sulla carta Postepay intestata a : PAOLETTI LILIANA
CARTA POSTEPAY N° 4023 6006 2473 4010