Pubblicato lunedì 20 maggio 2013e aggiornato il

confettura di fiori di glicine o di rose

E' possibile realizzare ottime confetture di fiori commestibili, vi sorprenderà la bontà!
Questa ricetta andrà bene se avete grandi quantità di glicini o di rose che non sapete come impiegare.
E' essenziale utilizzare esclusivamente fiori non trattati con pesticidi o anticrittogamici per non correre rischi di avvelenamento.

Ringrazio i miei Amici Paola e Davide estremamente disponibili e generosi, che non solo si sono prestati a procurarmi glicini incontaminati, ma li hanno puliti e spediti in modo da farmeli avere in ottime condizioni per realizzare la confettura e di conseguenza questo articolo per voi.

CONFETTURA DI FIORI DI GLICINE O DI ROSE
Ingredienti:
400 g di petali di glicine (o di petali profumati di rosa)
1,200 kg di zucchero
2 limoni (il succo)
Preparazione:
E' necessario cogliere i fiori quando sono i piena fioritura, ma non appassiti altrimenti il profumo sarà già svanito.
Raccogliere i fiori e senza lavarli separare i petali e metterli in una ciotola. Controllare bene che non ci siano insetti ed eventualmente rimuoverli.
Pesarne 400 g (oppure 200 g se fate metà ricetta) e aggiungere la stessa quantità di zucchero e il succo di 1 limone.
Nel caso dei glicini lasciare a riposo qualche ora per consentire a fiori di calare di volume, nel caso delle rose invece usando le mani pulitissime ridurre i petali in pasta.
Quando i fiori saranno pronti preparare una pentola sufficientemente capiente. Versare nella pentola 1,2 litri di acqua e lo zucchero rimanente (800 g).
Portare sul fuoco a calore moderato e mescolare, dopo pochi minuti aggiungere i fiori con il loro zucchero, il succo di un altro limone e qualche scorza di limone pulita e privata della parte bianca.
Mescolare con cura, nel caso dei glicini con un paio di forbici da cucina "tagliare" i fiori mentre la confettura cuoce, fino a  quando non saranno ridotti in pezzetti piccoli.
Proseguire la cottura  della confettura girando spesso, sarà pronta quando versando una goccia su un piattino inclinato non scivolerà giù, ma rimarrà ben ancorata al piattino, nel caso del glicine ci vorranno circa 2 ore.
A cottura ultimata versare la marmellata bollente in vasetti sterilizzati, preparati in precedenza.
La marmellata va invasata bollente. Chiudere i vasetti avvitando bene i coperchi, poi capovolgerli su un canovaccio e lasciarli a testa in giù per un'ora circa, poi girarli e lasciarli raffreddare senza toccarli.
Quando la marmellata si raffredderà si formerà il sottovuoto, verificabile controllando i coperchi che dovranno essere leggermente concavi verso l'interno.
Il sottovuoto garantirà una lunga conservazione alla confettura.
Etichettare e riporre in dispensa al fresco e al buio.
Veggie
Quest'opera (testi e foto) è protetta dai diritti d'autore rilasciati da Creative Commons. I termini della licenza sono disponibili in versione integrale nel Codice Legale dove vengono spiegati in dettaglio i diritti ad essa attribuiti. Sono altresì disponibili sulle pagine internet sottostanti cliccando sui link e sul logo di Creative Commons. Chiunque utilizzi quest'opera come diversamente espresso dall'autore commette una violazione sui diritti d'autore.
Licenza Creative Commons
CONFETTURA DI FIORI DI GLICINE O DI ROSE by veggie822 - LILIANA PAOLETTI is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License.
Based on a work at http://www.lareginadelsapone.com/2013/05/confettura-di-fiori-di-glicine-o-di-rose.html.

5 commenti:

  1. Che meraviglia Veggie!!!secondo te è possinile farla anche con i papaveri e con il gelsomino?Grazie,grazie, grazie!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con i gelsomini credo sia possibile, ma non so se il rapporto con lo zucchero sia lo stesso, mentre con i papaveri sarebbe meglio fare una gelatina, i petali sono troppo delicati per una marmellata.
      Cia Veggie

      Elimina
    2. grazie della risposta, sei unica!Con i petali di papavero allora farò un'acqua-tonico x il viso.Baci!

      Elimina
  2. OK, scatta la caccia la tesoro per scovare fiori di glicini non troppo intossicati dal traffico! Grazie mille per questa ricetta. Sa tanto da "Cucina delle fate"!

    RispondiElimina

LA MIA E-MAIL veggie822@yahoo.it

Sostienici con una piccola donazione, grazie!PER DONAZIONI
Versare l'importo desiderato sulla carta Postepay intestata a : PAOLETTI LILIANA
CARTA POSTEPAY N° 4023 6006 2473 4010