Pubblicato lunedì 29 novembre 2010e aggiornato il

balsamo di tigre

Il balsamo di tigre conosciuto da tutti, a differenza di quanto si possa pensare non ha nulla a che fare con le tigre e non contiene sostanze animali.
Purtroppo però alla ricchezza di oli essenziali si affiancano canfora ( molto probabilmente di natura sintetica ) e vasellina che è un prodotto minerale (petrolchimico).
Il tipo rosso è colorato con idrossido di ammonio.
Esiste in 2 versioni: il tipo bianco è il più forte ed è indicato per mal di testa, congestione nasale, punture d'insetto e prurito; il tipo rosso è più leggero e più adatto per alleviare dolori muscolari, anche se ricordo di averlo usato in passato allo stesso modo di quello bianco, soprattutto contro il mal di testa.
Qui vedremo come fare un balsamo di tigre più naturale sostituendo la vasellina con oli e cera d'api e colorando il tipo rosso con radice di alkanna tinctoria.

BALSAMO DI TIGRE BIANCO
(per 100 ml circa di prodotto totale)
Ingredienti:
45 ml olio di sesamo (o girasole bio)
15 gr. cera d'api sbiancata
10 gr. mentolo in cristalli
10 gr. canfora naturale
10 ml olio ess. cajeput
4 ml olio ess. chiodi di garofano
1 ml olio ess. cannella
1 ml olio ess. menta

BALSAMO DI TIGRE ROSSO
(per 100 ml circa di prodotto totale)
Ingredienti:
50 ml olio di sesamo (o girasole bio)
15 gr. cera d'api
10 gr. canfora naturale
5 gr. mentolo in cristalli
10 ml olio ess. cajeput
4 ml olio ess. chiodi di garofano
1 ml olio ess. cannella
1 cucchiaio raso di radice di alkanna tinctoria

Preparazione:
La preparazione è comune sia che si tratti del bianco, sia del rosso. L'unica differenza è nella preparazione del colore per il rosso.
Se si sceglie di preparare il balsamo di tigre rosso, prendere 70 ml di olio di sesamo (o di girasole) e metterlo in un tegamino piccolo insieme al cucchiaio di radice di alkanna. L'alkanna libera un bel colore rosso nell'olio, ma per averlo al meglio bisogna lasciarla a bagno nell'olio 24 ore prima dell'uso. Accendere il fornello e scaldare poco l'olio con l'alkanna (non farlo bollire!!) per favorire la liberazione del colore. Spegnere e coprire. Durante la giornata si può scaldare una seconda volta allo stesso modo della prima.
Trascorse le 24 ore scaldare appena l'olio per renderlo più fluido e filtrarlo attraverso un passino a maglia fitta. Misurarlo, ne occorrono 50 ml, se fosse di più eliminare l'eccesso, se fosse meno aggiungere altro olio di sesamo semplice fino ad arrivare ai 50 ml richiesti dalla ricetta.
Mettere l'olio e la cera d'api in un pentolino e scaldare piano fino a far sciogliere la cera. La cera deve essere inserita a scaglie, a piccole formine oppure grattugiata, mai a pezzi grandi altrimenti per farla sciogliere si rischia di surriscaldare l'olio che invece deve rimanere ad una temperatura inferiore ai 70°C. Spegnere.
In un altro pentolino mettere la canfora e il mentolo, aggiungere gli oli essenziali preparati in precedenza, girare un attimo con il cucchiaino e coprire. Attendere qualche minuto affinché i cristalli di mentolo e la canfora si sciolgano quasi completamente.
Nel frattempo preparare un pentolino con acqua fredda e metterlo nella vasca del lavello.
Quando tutto è pronto scaldare nuovamente olio e cera e portarli a circa 70°C, poi spegnere.
Mettere sul fornello la soluzione di canfora, mentolo e oli essenziali e a fuoco bassissimo scaldare per appena pochi secondi, facendo molta attenzione a tenere il viso lontano e a non respirare i fumi troppo forti. Appena è caldo e non si vedono più tracce di mentolo, spegnere e portare entrambi i tegamini sul piano del lavello.
Preparare il mini mixer (o in alternativa un cucchiaino per girare manualmente).
Versare la soluzione di canfora e mentolo negli oli e iniziare a frullare. Trasferire il pentolino nel bagno di acqua fredda per farlo rappprendere più velocemente e continuare a frullare (o a girare con il cucchiaino).
Appena si vede il formarsi di un anello leggermente denso attorno al perimetro interno del pentolino, versare nei vasetti già aperti e pronti. Se il balsamo durante il travaso si fosse solidificato e fosse rimasto lungo il bordo del pentolino, accendere il fornello e passarlo per pochi secondi sul fuoco, giusto il tempo per farlo sciogliere nuovamente. Versare subito appena è liquido.
Chiudere i vasetti solo a completo raffreddamento.
Uso:
Per i muscoli spalmare poco balsamo e massaggiare le parti interessate.
Per raffreddamenti distribuire poco balsamo sul torace e dietro le spalle come si farebbe con un noto balsamo rub.
Per dare sollievo in caso di mal di testa prelevare poco balsamo e massaggiarlo sulle tempie.
Data la difficile reperibilità della canfora naturale mi sembra doveroso segnalare l'unico punto vendita online dove sia riuscita a trovare canfora naturale oltre ai cristalli di mentolo e all'alkanna:

Erboristeria Sauro
Laboratorio d'Erbe Sauro
Piazza della Chiesa 20
Bosco Chiesanuova, Verona 37021
Italia
Telefono: 045-7050061
Fax: 045-7050806

P.S. Questa ricetta di balsamo di tigre, in cui si sostituiscono oli minerali con oli vegetali e cera d'api e in cui si utilizza l'alkanna per colorare è stata ideata da me, mentre per la scelta e le percentuali degli oli essenziali usati mi sono appoggiata alla ricetta riportata sul Manuale delle preparazioni galeniche ed. Tecniche nuove.
Veggie
Quest'opera (testi e foto) è protetta dai diritti d'autore rilasciati da Creative Commons. I termini della licenza sono disponibili in versione integrale nel
Codice Legale
dove vengono spiegati in dettaglio i diritti ad essa attribuiti. Sono altresì disponibili sulle pagine internet sottostanti cliccando sui link e sul logo di Creative Commons. Chiunque utilizzi quest'opera come diversamente espresso dall'autore commette una violazione sui diritti d'autore.
Licenza Creative Commons
BALSAMO DI TIGRE by veggie822 - LILIANA PAOLETTI is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia License.
Based on a work at www.lareginadelsapone.com.

21 commenti:

  1. Veggie, dove posso trovare questi ingredienti?
    10 gr. mentolo in cristalli
    10 gr. canfora naturale
    10 ml olio ess. cajeput

    RispondiElimina
  2. L'olio essenziale di cajeput è di facile reperibilità in erboristeria, i cristalli di mentolo e la canfora naturale sono più difficili da reperire, in particolare la canfora naturale.
    Puoi vedere se il farmacista può ordinarteli, però a me è capitato che il mio mi offrisse della canfora al prezzo di 20.00 euro per 100 gr.
    Io ho comprato canfora e mentolo all'indirizzo che ho riportato sull''articolo (l'erboristeria Sauro), il mentolo l'ho pagato la metà di quello che mi era stato chiesto in farmacia, e anche la canfora molto meno, per la canfora anche se sul sito vedi i pacchi da 1 kg in realtà ne puoi acquistare anche 100 gr. Il mentolo non è in listino, ma se gli scrivi te lo procurano.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  3. @ Alessandra: Dimenticavo di dirti che anche se dovrai prendere 100 gr. di canfora, è una sostanza preziosa e rara. Non la utilizzerai tutta ovviamente ma presto preparerò altre ricette in cui sarà richiesta, lo stesso per il mentolo, anch'esso si potrà utilizzare in altre ricette.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  4. Ciao, questa ricetta è stupenda! complimenti! Però ho una domanda, se si usa il balsamo rosso sul viso o su parti del corpo in cui la pelle è delicata, non si rischia di macchiarla? Chiedo per semplice curiosità ^_^
    Comunque ti ringrazio, davvero carino di il blog! tornerò presto!

    RispondiElimina
  5. Ciao!
    Naturalmente un unguento come questo non è indicato per il viso, salvo se si vuole trattare una puntura d'insetto oppure se si vuole applicare sulle tempie per lenire il mal di testa, cioè si può applicare solo piccoli punti specifici.
    A parte questo comunque, anche se il balsamo si presenta di un bel rosso acceso non macchia la pelle, questo perché non ci sono coloranti chimici. L'alkanna varia l'effetto di colore in base al pH, sulla pelle diventa quasi trasparente.
    Veggie

    RispondiElimina
  6. Ciao Veggie,
    dici che posso usarlo anche per mia figlia (6 anni)?
    Grazie
    Stefania

    RispondiElimina
  7. Ciao Stefania, il balsamo di tigre contiene molti oli essenziali, direi troppi per un bambino. Al massimo potresti usarne una puntina da mettere su una puntura d'insetto, altri usi ancora no.
    Che uso ne avresti voluto fare? Così pensiamo ad un prodotto sostitutivo.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  8. Avrei voluto usarlo come balsamo rub (come quello che hai specificato prima), ma dalla risposta che mi hai dato credo sia meglio adottare la soluzione che ho trovato da me, magari la posto in lista. Grazie mille! :-)

    RispondiElimina
  9. Vi ricordo che la canfora antidota la maggior parte delle cure omeopatiche ... non va quindi utilizzata se ne state effettuando una!

    RispondiElimina
  10. Vedo che ci sono molti oli ess. Posso sapere perchè così tanti in 100 ml di prodotto finito?
    Enrica

    RispondiElimina
  11. La ricetta del balsamo di tigre ne richiede così perché è un prodotto forte, bisognerebbe chiederlo a chi l'ha ideata.
    Io ho solo fatto un adattamento eliminando la base petrolchimica e la canfora sicuramente sintetica con prodotti più naturali come la cera d'api e la canfora naturale.
    Veggie

    RispondiElimina
  12. Ciao Veggie
    1 ml. di o.e. a quante gocce corrispondono?
    Roberta

    RispondiElimina
  13. Ciao, ho letto questa ricetta, io però non sono capace di preparare queste cose, sono davvero imbranata... Però vorrei sapere, a titolo informativo, se ti contatto in privato, puoi prepararmelo tu e poi spedirmelo (ovviamente non gratis ^-^')?

    Io usavo molto il balsamo di tigre, ma quando ho cominciato ad interessarmi meglio agli inci e a capire bene quanto siano nocivi certi "ingredienti", vedi paraffina-vasellina, ecc... chiaramente ho smesso di usarlo, tranne proprio rarissime volte. Purtroppo non sono ancora riuscita a trovare un prodotto adatto, da comprare. queste tue ricette invece sono fantastiche, ma come ti dicevo, non sono brava a fare certe cose ... rischierei di fare una cavolata se lo faccio da me.
    Io e la praticità per fare da me creme , o altri spignatti, tranne proprio cose ultra semplici, non si va proprio d'accordo.

    Spero tanto tu possa aiutarmi! Se risponderai positivamente, ne sarò felice. Mi vedi come anonima, perchè sono capitata ora sulla tua pagina per caso, sono le 3 di notte, e non ho sonno ^-^' (la mia fortuna è che domani e dopo non lavoro, quindi stanotte sto alzata un po' di più)

    Ciao e scusa il lungo messaggio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, ne ho un vasetto disponibile da 30 ml, se vuoi posso spedirti quello, la composizione è quella che leggi nella ricetta, quindi solo sostanze naturali, compresa la rarissima canfora.
      Attualmente non ho tempo di farne altri, ho un sacco di impegni.
      Se ti interessa puoi contattarmi scrivendomi:
      veggie822@yahoo.it
      A presto
      Veggie

      Elimina
  14. Ciao Veggie , mi piace molto la tua ricetta e vorrei farla anche io. Tu fai ancora questa oppure hai perfezionato ?
    Grazie
    Silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa ricetta è perfetta, non ha bisogno di perfezionamenti, falla tranquillamente.
      Ciao
      Veggie

      Elimina
  15. Se può interessare ho trovato la canfora naturale all'erboristeria Dea Salus di Lavis (TN), via Rosmini 39, tel 0461/241696.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene per chi vive in zona. Grazie
      Veggie

      Elimina
  16. Quanto costa realizzarla in casa ?? ciao grazie :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Costa un po' principalmente perché la canfora naturale è costosa.
      Ciao
      Veggie

      Elimina

LA MIA E-MAIL veggie822@yahoo.it

Sostienici con una piccola donazione, grazie!PER DONAZIONI
Versare l'importo desiderato sulla carta Postepay intestata a : PAOLETTI LILIANA
CARTA POSTEPAY N° 4023 6006 2473 4010