Pubblicato lunedì 26 aprile 2010e aggiornato il

sapone di Marsiglia liquido

Con questo articolo vorrei introdurre un argomento nuovo nel blog. Inizieremo a vedere come si può lavorare il sapone di Marsiglia sciogliendolo ed arricchendolo con erbe e oli preziosi, impareremo cioè a "rilavorarlo". Oggi però vedremo come ricavarne un sapone liquido, che in tutta sincerità non è un granché, perché fa poca schiuma e fila. Però anche se poco schiumogeno per la doccia, si può utilizzare con successo come sapone liquido per le mani.
Per preparare questo detergente ho usato del sapone di Marsiglia solido che poi ho grattugiato e sciolto in acqua.
Prima di acquistare un sapone di Marsiglia da utilizzare a questo scopo, vi prego di leggere attentamente l'articolo sul sapone di Marsiglia che ho scritto in altra data, al fine di scegliere consapevolmente tra i tanti prodotti presenti sul mercato.
Quando si scioglie un sapone per farlo liquido non si ottiene un sapone liquido vero e proprio, ma una prodotto che comunemente viene chiamato "gel di sapone".
Questo strano nome gli viene attribuito per le caratteristiche che il sapone assume una volta sciolto. Un prodotto a volte più denso, a volte più liquido, a volte gelatinoso, altre bavoso e che fila come mozzarella. Tutto questo è normale, il sapone liquido vero e proprio non si fa così, si fanno invece saponificare delle sostanze diverse utilizzando procedimenti altrettanto diversi. Quindi quando sciogliamo un sapone di Marsiglia si potrebbe dire che lo stiamo "forzando" allo stato liquido, cioè stiamo facendo un adattamento, ma anche se in realtà non otteniamo un sapone liquido vero e proprio, noi per comodità continueremo a chiamarlo così.

SAPONE DI MARSIGLIA LIQUIDO
Ingredienti:
50 gr. di sapone di Marsiglia
1,1/1,2 litri di acqua di rubinetto
50 gocce olio essenziale di legno di rosa, lavanda, arancio dolce, limone o altri a piacere
1 cucchiaio di olio di riso o di mandorle dolci o un altro olio idratante che non sia pesante.
Preparazione:
Pesare e grattugiare il sapone con una grattugia a buchi larghi. Metterlo in una pentola con 1 litro d'acqua. Accendere il fornello e portare ad ebollizione. Quando accenna a bollire spegnere. Coprire e lasciare che il sapone si sciolga completamente. Se trascorse poche ore si notassero ancora dei pezzi riaccendere il fornello e scaldare nuovamente. Poi spegnere e coprire. A questo punto il sapone si sarà senz'altro sciolto.
Lasciare la pentola coperta fino al giorno successivo.
Il giorno dopo scoprendo la pentola ci si troverà di fronte ad una massa gelatinosa, compatta ma morbida al tatto. I saponi solidi quando vengono sciolti, soprattutto quelli industriali, tendono sempre a risolidificarsi.
A questo punto se il sapone venisse nuovamente scaldato si scioglierebbe velocemente ma non appena raffreddato tornerebbe allo stato in cui versa ora, quindi non lo scalderemo più.
In una brocca preparare l'acqua rimanente (ne abbiamo messa 1 litro, quindi abbiamo a disposizione ancora 200 ml di acqua).
Prendere un frullatore ad immersione e frullare letteralmente la gelatina di sapone. Controllarne la densità, se ora risultasse ancora troppo densa aggiungere una parte (la metà) dell'acqua a disposizione, frullare e controllare nuovamente la consistenza. Se sembra che vada bene non aggiungere ulteriore acqua, se fosse ancora troppo densa finire quella a disposizione.
Una volta trovata la consistenza giusta aggiungere 1 cucchiaio di olio idratante (mandorle, riso, mais bio, girasole bio ecc..) e gli oli essenziali scelti.
Versare nei flaconi.
Se con il passare dei giorni vi sembra che il sapone fili e sbavi un po', purtroppo è l'aspetto tipico che assumono i saponi solidi quando vengono sciolti, è comunque una reazione che rientra nella normalità.
Veggie
Quest'opera (testi e foto) è protetta dai diritti d'autore rilasciati da Creative Commons. I termini della licenza sono disponibili in versione integrale nel Codice Legale dove vengono spiegati in dettaglio i diritti d'autore relativi a quest'opera. Sono altresì disponibili sulle pagine internet sottostanti cliccando sui link e sul logo di Creative Commons. Chiunque utilizzi quest'opera come diversamente espresso dall'autore commette una violazione sui diritti d'autore.
Creative Commons License
SAPONE DI MARSIGLIA LIQUIDO by veggie822 - LILIANA PAOLETTI is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License.
Based on a work at lareginadelsapone.blogspot.com.

63 commenti:

  1. Ciao, complimenti per il blog!!
    Che durata ha il sapone di marsiglia liquido?
    Grazie,
    ToSKA

    RispondiElimina
  2. Ciao Toska, come ho detto non ti aspettare granché. Purtroppo i saponi industriali si prestano poco a questo scopo, molto meglio quelli autoprodotti!
    Comunque una volta diluito si conserva minimo 3 o 4 mesi, potrei dire anche di più, ma quello è il tempo minimo certo.
    Veggie

    RispondiElimina
  3. Mi piacerebbe molto fare il sapone da sola, mi sono anche iscritta al gruppo yahoo, solo che sono incinta e ho paura che, nonostante le precauzioni, i fumi della soda possano essere dannosi. Tu che ne pensi?
    ToSKA.

    RispondiElimina
  4. Ci sono altre mamme in attesa che si stanno muovendo ora, proprio per avere del sapone stagionato per il piccolo quando sarà in età da poterlo usare.
    Se si prendono tutte le precauzioni necessarie (mascherina, finestra aperta e magari stare con il viso lontano dalla soda) non succede nulla, inoltre i fumi riguardano solo il momento in cui si prepara la soluzione caustica, perciò se ti fa stare tranquilla potresti delegare qualcun altro per fare quel piccolo gesto di versare la soda nell'acqua. Dopo non ci sono più fumi.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  5. Complimenti per il blog, ma mi chiedevo, se al posto dell'acqua si aggiungesse latte di soia? si deteriorerebbe maggiormente?

    RispondiElimina
  6. Potresti aggiungere una parte, diciamo 1/4 del liquido richiesto.
    Però il periodo di conservazione si abbrevierebbe, soprattutto perché si tratta di un sapone molto diluito.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  7. Ciao ho fatto proprio adesso il sapone di marsiglia per mani ed e' venuto davvero molto profumato e tanto.
    Devo fare una domanda ma e'necessaria la soda caustica nei saponi a pezzi?? non e' una sostanza chimica? si puo' sostituire con altra sostanza?
    grazie silvia

    RispondiElimina
  8. Per fare il sapone tutto, la soda è una sostanza fondamentale, è lei che si lega con i grassi e insieme danno origine al sapone. senza soda non può esistere sapone.
    La soda nei saponi finiti però non c'è più, perché insieme agli oli viene trasformata chimicamente in sapone appunto, quindi non c'è da temere. C'è solo da fare attenzione nel maneggiarla e soprattutto pesare bene le quantità richieste dalle ricette.
    Anche il sapone che hai usato ora per questo sapone alle mani è stato saponificato con soda.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non e' assolutamente vero che senza soda non puo' esistere sapone. L'alternativa esiste ed e' quella piu' antica. Si chiama LISCIVA ed e' fatta con cenere e acqua.

      Elimina
    2. Caro/a anonimo so benissimo come si fa il sapone, se vuoi un sapone DECENTE che non ti faccia cadere la pelle a pezzi è necessario usare la soda caustica,, con la lisciva di cenere non si possono fare saponi solidi e neanche saponi delicati adatti alla dersione della pelle.
      Per fortuna alle volte le conoscenze scientifiche battono le usanze antiche, non sempre antico è sinonimo di "buono".
      Veggie

      Elimina
  9. ok grazie mille sei un mito!!
    saponi venuti benissimo anche quello della lavatrice sbiancante e davvero profumato dato che ho messo oli essenziali...
    ciao silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao potresti darmi la ricetta giusta x il sapone liquido x lavatrice io l'ho fatto ma i capi nn vengono abbastanza puliti e che sapone di marsiglia usi (la marca) grazie aspetto risposta.ciao

      Elimina
    2. Stai scrivendo sotto un articolo di sapone per l'igiene personale, spero che tu non abbia seguito questa ricetta per il bucato..
      Non ho capito cos'è che vuoi sapere, io non acquisto sapone ma lo faccio direttamente.
      Se vuoi conoscere tutti i segreti per una buona detersione della biancheria e discutere tematiche riguardanti il sapone puoi iscriverti al gruppo:
      http://it.groups.yahoo.com/group/sapone_e_autoproduzioni/
      Ciao A presto
      Veggie

      Elimina
  10. Ciao Veggie...complimenti davvero per il tuo blog...avrei una domanda...questo sapone si può usare come doccia schiuma?O è troppo forte....grazie e un saluto.

    RispondiElimina
  11. Si certo. E' solo un po' leggero perché è molto diluito.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  12. ciao Veggie, farò assolutamente anche questo =___^ grazie. Tu sei un dono del cielo, quante cose sto imparando grazie a te ^___^
    buona serata, baci.

    RispondiElimina
  13. Ciao Veggie, ho fatto questo sapone e lo trovo buono! Volevo però chiedere 2 cose: dopo la doccia, o dopo essermi lavata le mani, mi rimane la pelle delle mani tipo secca, è normale?
    E sotto la doccia dopo essermi sciacquata dal sapone, l'acqua sul corpo scivola via come se avessi una pellicola o fossi unta: sono gli oli essenziali che fanno così? e dire che ne ho usati la metà!
    Grazie

    RispondiElimina
  14. Ciao, è proprio il sapone a lasciare quell'impressione, con il sapone naturale fatto in casa un po' meno che con quelli acquistati. Quella stessa patina avrai notato che si deposita sulle pareti del lavandino. Con i detergenti sintetici non avviene perché contengono sequestranti chimici allo scopo di evitarla. Prova ad aggiungere un altro cucchiaino di olio nel flacone, magari ti serve qualcosa di più nutriente.
    Veggie

    RispondiElimina
  15. Avevo pensato di farne uno e usarlo come detergente viso (per i brufoletti e punti neri). Che ne dici se usassi l'olio di jojoba e olii essenziali di lavanda, limone e tea tree? Secondo te sarebbe un detergente troppo aggressivo?
    Nikla

    RispondiElimina
  16. Qualcuno sostiene che l'olio di jojoba sia comedogenico, non ho esperienza però,non posso confermarlo.
    Come oli essenziali vanno bene quelli che hai scelto, ma metti poco tea tree.
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao e complimenti per la tua infinita conoscenza dell'argomento trattato... una domandina se posso... ho letto dell'utilizzo del o.e. tea tree, devo confessarti che anch'io avevo pensato d usarlo per le sue proprietà antibatteriche, ma come mai hai scritto di usarne poco?... grazie e ancora complimenti! :)

      Elimina
    2. Ciao, tutti gli oli essenziali vanno usati con parsimonia, perché sono un concentrato di piante, quindi molto forti.
      La ragione è solo questa
      Veggie

      Elimina
  17. ...allora metto l'olio di argan oppure rosa mosqueta :)

    RispondiElimina
  18. Va benissimo Argan, metti quello per sicurezza..
    Ciao Veggie

    RispondiElimina
  19. ho realizzato piu' volte sapone con diversi olii rispettando le proporzioni dei componenti. Il sapone è OK ma la profumazione data è come non ci fosse. Sono dannato...
    Antonio

    RispondiElimina
  20. Non saprei perché...
    E' probabile che non ti sia ancora liberato l'olfatto dai profumi sintetici di tutti i detergenti industriali a cui ci siamo abituati, oppure metti un'insufficiente quantità di oli essenziali nel sapone, oppure non li combini bene, o ancora conservi il sapone troppo all'aria e i profumi evaporano.
    Mal che vada puoi provare con qualche fragranza sintetica per saponi, non sono naturali ma sono più persistenti degli oli essenziali. Bada però di acquistare fragranze specifiche per saponi e cosmetica, che siano cioè studiate per la pelle.
    Veggie

    RispondiElimina
  21. Ciao Veggie,ho preparato il tuo sapone liquido ma volevo chiederti se posso utilizzarlo per pulire il corpo come docciaschiuma,dato che al momento non sono ancora pronta per fare i saponi liquidi quelli veri,e se si quali o.e. utilizzare per ricreare quella tipica profumazione maschile tipo pino silvestre o simili..
    Grazie,Cristina.

    RispondiElimina
  22. Ciao! posso usare questo metodo per liquefare un panetto di sapone di aleppo? In quel caso evito gli oli e uso solo sapone e acqua? Grazie :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, puoi usare lo stesso metodo e se vuoi evitare anche l'olio in più.
      Però ogni sapone ha la sua diluizione, non so se quella di questa ricetta corrisponda all'Aleppo, forse no.
      Prova prima con minore quantità di acqua, direi la metà e poi ti regoli per le volte successive, comunque appena ho tempo ne compro un pezzo e provo io stessa, magari scriverò una ricetta specifica.
      Ciao Veggie

      Elimina
  23. Ciao Veggie complimenti per il sito. Ho una domanda, la cui risposta può sembrare banale, ma per motivi di sicurezza preferisco chiedere. Il sapone di marsiglia solido quando viene diluito con acqua non rilascia alcuna soda caustica? Insomma non é pericoloso inalare il vapore del sapone sciolto in acqua bollente? Grazie per la tua attenzione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai fatto bene a chiedere così ti togli ogni dubbio..
      La soda caustica è solo un mezzo per fare il sapone, olio + soda + acqua lavorati in un certo modo danno origine al sapone.
      Il sapone finito NON CONTIENE SODA, il sapone è un prodotto diverso dalle materie utilizzate per ottenerlo, analizzandolo chimicamente è un sale di sodio, quindi quandi si sgioglie e si rispera il vapore, quello che si respira è sapone, non soda.
      Ciao Veggie

      Elimina
    2. Grazie mille!

      Elimina
  24. buongiorno a tutti, ho iniziato da un po ad autoprodurre saponi naturali solidi. La settimana scorsa mi sono avventurato nella produzione di un marsiglia liquido con l'uso del idrossido di potassio, e il risultato è molto simile ad un sapone che acquistavo in farmacia( sia la consistenza sia il profumo) ma non riesco a recuperare nessuna notizia su eventuali tempi di stagionatura prima dell'uso e di come eventualmente abbattere il ph qualora fosse troppo alto ( metodi e dosi per capirsi). Spero che qualcuno possa darmi dei consigli saluti e ... complimenti per il blog...mooolto interessante

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! I saponi autoprodotti sono ben diversi da quelli acquistati, in ogni caso il pH del sapone non può essere corretto oltre certi limiti.
      Il sapone è basico e deve rimanere tale altrimenti si smonta.
      In ogni caso per discutere di tutto ciò che riguarda i saponi autoprodotti puoi iscriverti alla mia mailing-list che esiste per questo:
      http://it.groups.yahoo.com/group/sapone_e_autoproduzioni/
      così tra le altre cose potrai scambiare esperienze con altri saponai più o meno esperti.
      Ti aspetto Ciao
      Veggie

      Elimina
  25. ciao Veggie, in attesa che preparo il mio autoprodotto, ho trovato il sapone e sto facendo il 'gel' x gli olii essenziali devo sceglierne uno o vanno messi tutti quelli indicati da te (limone legno di rosa lavanda etc.) ovviamente ripartiti nelle 50 gtt? grazie ciao dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 50 gocce totali che puopi dividere tra gli oli essenziali indicati che più ti piacciono. Puoi usarli anche da soli però.
      Cioa Veggie

      Elimina
    2. grazie cara! procedo e poi appena ho un attimo creo quello autoprodotto... oggi è un mese esatto x quello di Marsiglia bucato! evviva! posso usarlo finalmente... grazie ancora di tutto!

      Elimina
  26. Ciao Veggie, ho scoperto il tuo blog e sono stra felice! Mi piacerebbe imparare a fare il sapone naturale ma vivo in America e devo ancora capire a cosa corrisponde la soda caustica qui. Ho fatto questo sapone liquido utilizzando del sapone di Marsiglia francese, vegan e di olio di oliva, con cui mi trovo benissimo. Ho sciolto e lasciato riposare la notte ma al mattino il composto e' liquido con del residuo sul fondo. C'e' modo di correggere la consistenza? Aggiungendo altro sapone?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, puoi provare a sciogliere altro sapone in questo liquido che hai fatto.
      Per quanto riguarda la soda caustica in inglese devi cercare sodium hydroxide formula chimica NaOH. Se cerchi le sostanze dalla formula bruta non puoi sbagliare perché quello è un linguaggio universale.
      Unico problema sarà quello di reperire la forma pura in scaglie o perle, perché da quanto ho capito leggendo i siti americani sul sapone spesso si trovano soluzioni di soda caustica già diluita e non vanno bene.
      Quando avrai trovato la soda se vuoi imparare a fare sapone vero puoi iscriverti al mio gruppo di sapone, non importa se vivi in America, una cosa bella del web è che certe distanze si annullano.
      A presto Veggie

      Elimina
    2. Grazie mille! Ho provato ad aggiungere ulteriore marsiglia in scaglie ma e' rimasto cmnq liquido. E' un po' scomodo ma in ogni caso e' molto buono come sapone, lava bene e fa la giusta schiuma. Ho trovato la soda caustica in perle su Amazon.com quindi direi che comincio l'avventura x cimentarmi nell'auto-produzione del sapone!! Sicuramente mi iscrivo al tuo gruppo di sapone, vi trovo tutte le indicazioni dall'ABC?

      Elimina
    3. Sul gruppo trovi le basi e comunque discutiamo ogni giorno di qualsiasi tematica, problema, ricette relative al sapone, quindi verrai seguita.
      L'indirizzo è questo, serve un'email Yahoo e basta:
      http://it.groups.yahoo.com/group/sapone_e_autoproduzioni/
      Veggie

      Elimina
  27. Ciao Veggie, questa preparazione del sapone liquido di marsiglia si può utilizzare per il lavaggio dei capi in lana e delicati? grazie per l'attenzione. Domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, i saponi per il corpo non vanno usati per detergere la biancheria, con il tempo prende cattivi odori.
      Ciao Veggie

      Elimina
  28. Una curiosità: hai un frullatore che usi solo per questo tipo di preparazioni? Io ne ho uno solo che uso naturalmente per gli alimenti, mi chiedo se posso usare quello o se dovrei comperarne un altro. Temo che anche lavandolo bene possano rimanere dei residui di sostanza, magari all'interno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne ho 3, ma alla fine per pigrizia uso quasi sempre quello che ho in cucina.
      Dopo le preparazioni basta lavarlo accuratamente, in fondo si tratta di sapone e lo stesso sapone, anche se un po' diverso lo uso per lavare i piatti, quindi nessun problema davvero.
      Ciao Veggie

      Elimina
  29. Buongiorno e complimenti,
    sono capitato in questo blog da pochissimo e questa è la prima 'ricetta' che ho provato. Il risultato è stato piuttosto 'strano', la sensazione lasciata sulle mani è quella di pulito e morbidezza, presumo grazie alla presenza degli oli, però non c'è schiuma e abituati come siamo ai saponi liquidi industriali, usando questo ho il timore che non stia detergendo abbastanza. L'efficacia di un sapone a livello di detergenza e pulizia non penso sia testabile in casa quindi potrebbe anche essere che pulisca meglio di quelli comprati al supermarcato ma la consistenza non entusiasma, spero almeno che pulisca adeguatamente. Mi potresti suggerire dei saponi solidi che si possono utilizzare con lo stesso porcedimento ma che hanno una resa migliore? Dici di usare quelli fatti in proprio, per me è ancora prestino per queste autoproduzioni, hai un sito dove ne vendi del tuo?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti la detergenza è bassa, in quanto i saponi industriali per essere portati allo stato liquido hanno bisogno di forti diulizioni.
      Questo è solo un modo per avvicinarsi un po' al faidate, ma certo non ha nulla a che vedere con i saponi liquidi veri o anche solidi ma naturali.
      Attualmente vendo qualche sapone su Blomming, la disponibilità varia, perché i saponi devono stagionare almeno 6 settimane, quindi anche quando li faccio non posso metterli in vendita se non è trascorso il tempo minimo. Quello che trovi è già disponibile comunque:
      http://blomming.com/mm/lareginadelsapone/items
      Ciao Veggie

      Elimina
  30. Buongiorno Veggie
    ho fatto il sapone liquido! che soddisfazione :-)
    Come olio ho messo un chucchiaio di jojoba e alcune gocce di tea tree oil, visto che lo uso anche per la palestra.
    A breve proverò il sapone in polvere per lavatrice.
    Questo blog mi piace veramente tanto!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava! Ovviamente questo è solo l'inizio, vedrai che con il tempo ti verrà la voglia di fare di più e magari farai un sapone vero, partendo dalle materie prime.
      L'importante però è iniziare come stai facendo tu.
      Un abbraccio Veggie

      Elimina
  31. Buongiorno
    volevo chiedere se si può diluire con la stessa procedura da te descritta anche saponi sempre industriali che però hanno qualche piccola differenza nell'INCI, tipo questo dei provenzali che è un sapone all'olio di mandorle dolci: Sodium Palmate, Sodium Cocoate, Aqua, Parfum, Glycerin, Prunus Amygdalus Dulcis Oil, Olea Europea Oil, Lecithin, Macadamia Ternifolia Seed Oil, Butirospermum Parkii Butter, Citric Acid. Mi sembra, da profana quale sono, un inci leggermente migliore rispetto ad alcuni saponi di marsiglia commerciali, o sbaglio? grazie! Viola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì un po' meglio di altri saponi.
      Puoi diluirlo allo stesso modo, ma non è detto che la quantità di acqua richiesta sia la stessa, prova prima con quantità inferiori, poi sei sempre in tempo ad aumentare.
      Ciao Veggie

      Elimina
    2. grazie cara! e complimenti. Viola

      Elimina
  32. ciao,mitica veggie!!ti volevo chiedere se questo sapone si puo usare anche per i capelli, ovviamente con successivo risciacquo all'aceto come ci insegni...l'olio di mandorle va comunque bene o per i capelli è da eliminare?grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non lo userei per i capelli, avendo come base un sapone industriale, non proprio eccellente.
      Potresti invece usare quello di Aleppo:
      http://www.lareginadelsapone.com/2012/02/sapone-di-aleppo-liquido.html
      Ciao
      Veggie

      Elimina
  33. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  34. Ciao! io ho visto il sapone di marsiglia all'olio d'oliva (per il corpo) della ditta "Baule Volante" (venduto nei negozi cuore bio e natura si). l'INCI è: Sodium Olivate, Sodium Palmate, aqua, sodium palm kernelate or cocoate, glycerin, sodium hydroxide. Mi sembra buono,sopratutto per questa ricetta, che dici?? il costo è di 13,43 al Kg.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sicuramente migliore di tanti altri.
      Puoi provare.
      Più che altro il problema sta nel fatto che i saponi industriali necessitano di molta acqua per le diluizioni quindi verrà un sapone "leggero", non so se ti piacerà.
      Rimane da provare..
      A presto
      Veggie

      Elimina
  35. Ciao, volevo sapere se c'è una differenza tra il sapone a panetto di Marsiglia per il bucato e quello per l'igiene personale, mi interessa saperlo perché lo vorrei utilizzare per lavare il pannetto in microfibra che utilizzo per il viso e la spugnetta in lattice che utilizzo per il make up. Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ci sono delle differenze.
      In quello per l'igiene personale in genere ci sono dei grassi liberi nella composizione, che hanno lo scopo di mantenere la pelle morbida ed evitare l'effetto "tiraggio", quei grassi però non vanno bene quando si deve lavare un tessuto, perché rimangono nelle fibre che con il tempo ingrigiscono (oltre a non lavare molto bene).
      Veggie

      Elimina
  36. ciao! visto che il minipimer mi ha abbandonato son passato alle maniere forti credendo di fare un fattaccio: trapano + una punta per mischiare vernici... mi sembra pero' che la fase nastro sia quasi assente (giusto un po' più denso anche dopo 20min...). Mettendo negli stampini pero' è solidificato come sempre il giorno dopo...sarà buono o troppo caustico?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà buono, forse se non è venuto un bel nastro evidente, ci vorrà solo un tempo maggiore di stagionatura.
      Ciao
      Veggie

      Elimina
  37. Ciao sono nuova, prima di tutto complimenti per il blog, poi volevo chiederti , ho provato a fare il sapone liquido sciogliendo in un pentolino sapone e acqua come avevo letto, ma ti volevo chiedere ora quel pentolino e gli utensili che ho usato si possono riusare in cucina?! Perche il pentolino odora ancora di sapone anche dopo averlo lavato! Come faccio?! Grazie in anticipo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, puoi usare il pentolino che normalmente si usa in cucina, per rimuovere quella specie di patina prova con un po' di bicarbonato, poi lava normalmente con detersivo per i piatti.
      Ciao
      Veggie

      Elimina

LA MIA E-MAIL veggie822@yahoo.it

Sostienici con una piccola donazione, grazie!PER DONAZIONI
Versare l'importo desiderato sulla carta Postepay intestata a : PAOLETTI LILIANA
CARTA POSTEPAY N° 4023 6006 2473 4010